Lavrov: “Una ‘fantasia’ tornare alle linee divisorie pre-invasione Ucraina

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha commentato in maniera critica la spedizione in Ucraina di lanciamissili a corto raggio, più sofisticati di quelli usati finora, e minaccia di spingere ulteriormente la prima linea in risposta agli aiuti militari occidentali.

Sergej Lavrov
Sergej Lavrov – Nanopress.it

Maggiore è la portata delle armi che forniscono [a Kiev], più sposteremo la linea da cui i neonazisti possono minacciare la Federazione Russa lontano dal nostro territorio”, ha detto lunedì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov.

Lavrov vuole il Donbass

Che recita come “fantasia” la possibilità di tornare sulle linee di contatto prima del 24 febbraio, giorno in cui Vladimir Putin ordinò l’assalto all’Ucraina su più fronti. Gli Stati Uniti hanno annunciato la scorsa settimana la consegna a Kiev di sistemi lanciamissili multipli Himars, mentre il Regno Unito invierà gli M270, simili nelle loro maggiori capacità tecniche.

Il raggio massimo di queste armi è compreso tra 70 e 80 chilometri di distanza e -secondo Washington e Londra- il governo di Volodímir Zelenski ha promesso di non usarle contro il territorio russo. Nella sua conferenza stampa a Mosca, a Lavrov è stato chiesto se l’Ucraina avrebbe ricevuto questo arsenale se non avesse subito l’offensiva russa.

Il diplomatico ha giustificato l’azione militare con cui il Cremlino aveva chiesto alla Nato negli ultimi 20 anni di non incorporare nuovi membri. “Hanno ammesso nel 1999 che nessuno avrebbe rafforzato la loro sicurezza a scapito della sicurezza degli altri (…) e per cinque volte si sono avvicinati ai nostri confini”, ha aggiunto, riferendosi alla successiva adesione dei paesi baltici, della Polonia e della Romania, tra gli altri.

Lavrov ha anche giustificato l'”operazione speciale”, come la chiama il Cremlino, in cui gli Stati Uniti sono intervenuti in passato “a 10.000 chilometri dai suoi confini“, in luoghi come Kosovo, Iraq e Libia, mentre Mosca è condannata nonostante che “il I russi sono stati discriminati in Ucraina, dove sono state approvate leggi per vietare la loro lingua e la teoria e la pratica del nazismo è stata imposta con l’applauso dell’Occidente”.

Tuttavia, alcune delle più grandi città ucraine sono in maggioranza di lingua russa e sono state colpite dai combattimenti, come Kharkiv, Mariupol, Kherson e Odessa. Il presidente russo Vladimir Putin ha minimizzato la consegna di questi lanciamissili durante il fine settimana, considerando che hanno sostituito solo armi simili di fabbricazione sovietica che l’Ucraina aveva già e con le quali il territorio russo era già a portata di mano, una volta che le truppe si sono ritirate alla fine di marzo dai fronti che si dirigevano verso la capitale e verso Kharkov.

Secondo il ministro degli esteri russo: “L’Ucraina non vuole negoziare”

Ciò ha coinciso con i piccoli progressi compiuti nei negoziati a Istanbul, dove Kiev ha accettato di negoziare in futuro il destino della regione del Donbass e della Crimea. Tuttavia, il dialogo si è interrotto dopo che il ritiro russo intorno alla capitale ucraina ha rivelato i massacri di Bucha e la distruzione in altre città intorno alla capitale ucraina.

Zelensky
Zelensky – NanoPress.it

“L’Ucraina non vuole negoziare, lo rifiuta e abbiamo motivo di credere che soddisfi la volontà della leadership anglosassone del mondo occidentale”, ha affermato Lavrov in un nuovo paragrafo che, per il Cremlino, l’Ucraina è un strumento nelle mani di Washington. Mosca dice di avere meno problemi con la Turchia, nonostante sia anche nella Nato e mantenga un impulso costante in mezzo mondo, dalla Libia all’Asia centrale, passando per la Siria e il Caucaso.

“Non nascondiamo le nostre posizioni e teniamo conto delle preoccupazioni dell’altra parte”, ha commentato Lavrov sulla Turchia, Paese con il quale spera di chiudere questa settimana una proposta per sbloccare l’uscita dei cereali ucraini attraverso il Mar Nero e quindi alleviare la crisi alimentare internazionale.

Il Cremlino, che mantiene ancora il veto sull’esportazione di fertilizzanti russi a causa delle sanzioni, propone di creare un corridoio navale dove Ankara supervisionerà il contenuto delle navi da trasporto. La condizione è che l’Ucraina smina i suoi porti e l’Occidente non sanziona le compagnie di navigazione. Washington si offre di mettere per iscritto il secondo punto e Putin ha promesso che Odessa e altri porti non saranno attaccati se non protetti.

Rapporti difficili tra Montenegro e sulla Macedonia del Nord

Tuttavia, per Kyiv sono molto recenti le promesse fatte a gennaio che le forze russe schierate al suo confine si sarebbero ritirate dopo aver completato le loro presunte manovre. Il quotidiano russo Izvestia ha rivelato lunedì lo schema negoziato da entrambi i paesi e dall’Ucraina.

Il premier turco Erdogan
Il premier turco Erdogan – NanoPress.it

Si compone della Turchia che si occupa dello sminamento della zona costiera di Odessa e, una volta ripulita, la sua flotta sovrintende alla partenza delle navi da trasporto verso le acque neutrali, da dove saranno scortate dalle navi da guerra russe verso il Bosforo.

Il giornale aggiunge che restano da negoziare solo le coordinate di questo percorso. Lavrov doveva recarsi a Belgrado questa settimana, ma la sua visita ufficiale è stata sospesa perché lo spazio aereo dell’UE, a cui appartiene la Bulgaria, è chiuso agli aerei russi a causa della sua offensiva sull’Ucraina, sul Montenegro e sulla Macedonia del Nord, i paesi vicini della Serbia che non appartengono all’Unione ma alla NATO, hanno rifiutato di aprire un corridoio speciale per i loro aerei.

Questi fatti hanno mostrato quanto vale l’appartenenza del Montenegro e della Macedonia del Nord alla NATO e perché l’Alleanza [atlantica] ne ha bisogno. Vuole punire la Russia e ampliare i punti anti-russi in Europa, che fungono da meccanismi di contenimento”, ha sostenuto Lavrov per ripetere il discorso della minaccia dell’Alleanza Atlantica sulla Russia.

Uno Stato sovrano è stato privato del suo diritto di esercitare la sua politica estera. L’attività internazionale serba è stata bloccata nel suo orientamento verso la Russia”, ha denunciato.