Putin suscita un sentimento di identità in Ucraina

Sondaggi ed esperti confermano che l’invasione russa di Putin ha innescato l’unità nazionale in un Paese indipendente da soli 30 anni. L’aggressione di Mosca alimenta anche l’ultranazionalismo.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

L’Ucraina è uno Stato giovane che, da quando ha ottenuto l’indipendenza 30 anni fa, vive con un vicino che nega la sua esistenza. Questo vicino, la Russia, vuole soggiogare militarmente l’ex repubblica sovietica dal 2014. Il sentimento nazionale ucraino è cresciuto in modo esponenziale da quando Vladimir Putin ha ordinato l’annessione della Crimea quell’anno e ha promosso la rivolta dei separatisti nel Donbass (a est).

L’Ucraina è uno Stato giovane che vive con un vicino che nega la sua esistena

L’invasione iniziata a febbraio ha ulteriormente innescato l’affinità della popolazione per un’identità ucraina, sia nelle province occidentali che in quelle più vicine alla cultura russa, quelle dell’est. Andrew Wilson, professore di studi ucraini presso l’University College di Londra, ha scritto nell’ultima edizione del suo acclamato

Gli ucraini, nazione inaspettata (2015, Yale University Press) che l’identità nazionale ucraina è ancora in fase di costruzione dopo secoli di assoggettamento a potenze potenti, paesi stranieri: Polonia, impero austro-ungarico, Russia zarista e Unione Sovietica. “Le nazioni sono formate da circostanze e opportunità”, ha scritto Wilson. “Agli ucraini piace parlare di ‘idea nazionale’.

Concetti come ‘nazione’ appartengono al regno dell’immaginazione politica e culturale”, rifletteva questo accademico. Putin, secondo la sua tesi, è stata la circostanza determinante per costruire il nuovo cittadino ucraino. Nel 2014, secondo i dati raccolti da Wilson nel suo libro, il sentimento di appartenenza alla Russia mondiale (Russki Mir) in Ucraina rappresentava il 12% della popolazione, mentre nelle province orientali di Donetsk e Lugansk —nel Donbass filorusso—, era rispettivamente del 24% e del 33%.

Otto anni dopo, e con l’invasione che ha colpito il paese, una delle principali istituzioni elettorali ucraine, Rating, ha riferito questa primavera che la percentuale di ucraini che si consideravano ancora essenzialmente russi era scesa dal 12% all’8%. Nelle regioni orientali era ancora al 23%, ma la cosa più significativa dello studio Rating è che le persone che si considerano soprattutto cittadini ucraini sono passate dal 75% al ​​98% in soli sei mesi.

“L’Ucraina non è mai stata considerata una società fortemente coesa”, afferma uno studio pubblicato ad aprile da Oleksandra Deineko e Aadna Asland, ricercatori sulla diversità regionale all’Università Metropolitana di Oslo. Ruth Ferrero, professoressa presso la Facoltà di Scienze Politiche e Sociologia dell’Università Complutense di Madrid, si esprime così nel libro L’Ucraina, dalla rivoluzione di Maidan alla guerra del Donbass:

“Lo sviluppo della nazione ucraina ha preceduto la fondazione dell’Ucraina Stato, che impedisce il corretto sviluppo di un’appartenenza civica nazionale”. I dati raccolti nello studio di Deineko e Asland, rilevati nei primi mesi dell’invasione, hanno confermato che c’era stata una svolta di 180 gradi: l’80% dei cittadini dichiarava di partecipare a compiti di difesa del Paese; Prima dell’invasione, e con il conflitto aperto nel Donbas e in Crimea, solo il 20% ha dichiarato di essere coinvolto come volontario nella sopravvivenza dell’Ucraina.

L’indipendenza dell’Ucraina ha comportato la cosiddetta “de-russificazione” del nuovo stato

L’indipendenza dell’Ucraina ha comportato la cosiddetta “de-russificazione” del nuovo stato, un processo che è stato accelerato dalla rivoluzione filoeuropea che ha rovesciato il presidente filorusso Viktor Yanukovich nel 2014. L’impegno di promuovere l’ucraino, lingua repressa per secoli, e di ripercorrere la storia nazionale è stato accolto con sospetto anche dai settori dell’est e nelle grandi città dell’est e del sud, con una popolazione che proviene in gran parte dalle ondate migratorie del Unione Sovietica-.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

L’invasione ha indotto molti ucraini a rinunciare alla lingua russa. Maxim Kultishev viene dal nord di Kiev e ammette che nel 2014 era ancora ignaro di qualsiasi sentimento nazionale. La guerra nel Donbass e l’annessione della Crimea erano lontane, spiega, in province culturalmente più vicine alla Russia. “Ma la mia vita è cambiata a marzo, quando la mia casa è stata bombardata”, ha spiegato sabato scorso questo uomo di 31 anni.

L’esercito russo ha assediato Kiev senza successo, lasciando una scia di morte e distruzione nei sobborghi della capitale. Kultishev si considera per la prima volta un patriota. L’uomo ha assistito sabato scorso a un concerto del poeta e musicista più iconico del patriottismo ucraino contemporaneo, Serhiy Zhadan.

Ma la verità è che l’estrema destra non ha ottenuto la rappresentanza in Parlamento contro la maggioranza assoluta che ha il Servo del Popolo, il partito del presidente, Volodímir Zelenski. Per Pravi Sektor, ma anche per patrioti liberali come Zhadan, Zelensky prima dell’invasione era poco più che un politico indesiderabile. Troppo vicino e conciliante con la Russia, secondo lui. Zhadan stesso ha composto una canzone nel 2019 in cui ha chiesto a Zelensky di fuggire a Rostock (Russia), come Yanukovich.

Quando iniziò la guerra, a febbraio, il poeta ritirò la canzone dal suo repertorio. Zhadan ha un riconoscimento internazionale al di là di ogni dubbio e al di là della sua qualità letteraria. A giugno ha ricevuto il Premio Hannah Arendt per il pensiero politico dalla Heinrich Böll Foundation dei Verdi tedeschi. Sempre nel 2022 ha ricevuto il prestigioso Premio per la pace dei librai tedeschi.