Putin comprende una sola lingua, quella della forza

Fino al vertice di Madrid gli europei non avevano potuto parlare al leader russo Putin con una voce sola e senza esitazione nella lingua della forza.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Chi crede solo nella legge della forza comprende solo il linguaggio della forza. Quando qualcuno parla di dialogo e transazione a questo tipo di individui, capisce che ha a che fare con qualcuno senza il coraggio o la forza per continuare a combattere e disposto a fare più concessioni. La risposta, quindi, è applicare ancora più risolutamente la legge della forza fino al raggiungimento della loro resa.

Chi crede solo nella legge della forza comprende solo il linguaggio della forza

Fino al vertice di Madrid, gli europei non avevano potuto parlare con Putin con una voce sola e senza esitazione nel linguaggio della forza. Il continente storicamente con la più grande esperienza e i più sanguinosi risultati nell’uso del brutale linguaggio della guerra, tra le nazioni e all’interno delle nazioni, aveva dimenticato negli ultimi 75 anni anche la più piccola espressione del volgare con cui erano stati condotti centinaia di conflitti , fino a raggiungere il culmine delle due guerre mondiali, l’Olocausto e gli orrori dello stalinismo.

Putin ha potuto invadere la Crimea e impadronirsi di parte del Donbas nel 2014, proprio grazie a questa negligenza e alla tiepida reazione provocata dalla sua flagrante violazione dei trattati e del diritto internazionale. La risoluzione con cui ha lanciato il 24 febbraio il suo secondo attacco contro l’Ucraina, da lui ritenuto definitivo, si deve proprio al precedente e alla tiepida reazione dell’opinione pubblica, soprattutto europea.

Ha commesso un errore molto comune in guerra e in politica. Credeva che questa volta avrebbe vinto solo perché aveva vinto la precedente. Il linguaggio della forza richiede non solo una buona conoscenza e padronanza pratica, ma soprattutto gli strumenti per usarlo, cioè abbastanza soldati e armi. L’Europa non li aveva nel 2014, non li ha ancora nel 2022 e solo ora ha proposto di acquisirli rapidamente al vertice di Madrid.

La NATO ha designato apertamente il suo nemico e si è impegnata senza limiti nella difesa dell’Ucraina, come espresso in alcune parole di Biden che ricordano il famoso “qualunque cosa serva” (qualunque cosa serva) pronunciato da Draghi nel 2012 in merito all’intervento illimitato del Banca centrale europea di fronte alla crisi dell’euro. Il presidente degli Stati Uniti ha assicurato giovedì a Madrid che Washington e la NATO continueranno ad aiutare Kiev “per tutto il tempo necessario affinché la Russia non sconfigga l’Ucraina e poi avanzi oltre l’Ucraina”.

Una volta individuato il nemico ed espresso la risoluzione collettiva e l’impegno, le forze dispiegate ai confini della Russia saranno moltiplicate per otto, l’approvvigionamento di aerei, navi e artiglieria sarà rafforzato e i bilanci della difesa saranno al livello di questi molto tangibili e minacce immediate. Bisognerà fare in fretta, dato che l’attuale dispiegamento sul fianco di confine con la Russia, leggermente rafforzato dall’inizio della guerra, è estremamente debole, secondo i governi delle repubbliche baltiche.

Una Nato e una Ue unite mettono in difficoltà le strategie di Putin

L’attuale schieramento della NATO risponde al concetto di tripwire o tripwire, cioè una presenza militare inferiore a quella dell’avversario e disposta a impegnarsi in combattimento, con la quale si dimostra l’impegno a difendere il territorio, ma senza una capacità effettiva di fermare l’invasione. Una situazione del genere comporta un pericolo anche esistenziale per Estonia, Lettonia e Lituania, paesi che per le loro piccole dimensioni potrebbero essere completamente distrutti in pochi giorni, e richiede la loro sostituzione con una difesa avanzata composta da forze in grado di rispondere a un’invasione come quella russa in Ucraina.

Joe Biden
Joe Biden – Nanopress.it

Anche la guerra in Ucraina viene combattuta come una corsa al tempo. Più andrà avanti, più forza eserciterà Putin con le leve delle interdipendenze globali, trasformate in armi di ricatto. L’Ucraina può resistere all’invasione al fronte e sopportare la perdita di vite umane e la distruzione del Paese e delle sue città, ma non è chiaro se gli alleati resisteranno così tanto di fronte a interruzioni di corrente, carestie, alle loro ripercussioni sui flussi migratori flussi verso l’Europa e la brutale perdita di reddito dovuta all’inflazione galoppante.

D’altra parte, più dureranno le ostilità, più tempo la Nato dovrà prepararsi all’eventualità di un’escalation che trabocchi l’attuale perimetro della guerra, quindi, al peggio, che sarebbe una guerra apertamente europea. Le linee di battaglia si muovono appena. La Russia avanza stancamente nel Donbass, ma ha appena perso l’isola dei serpenti, di valore strategico per il traffico marittimo nel Mar Nero e per la riapertura delle esportazioni di grano dall’Ucraina.

Biden è disposto a tenere testa per tutto il tempo necessario, ma deve anche essere accompagnato dalle opinioni pubbliche dei paesi democratici, che a malapena capiscono la lingua di Putin e hanno in mano il voto per cacciare i governi e persino per eleggere più governanti solidale con il Cremlino. Il linguaggio con cui sta parlando la Nato può non bastare ancora a Putin per considerare l’ora del cessate il fuoco, dell’arrivo della diplomazia e della pace, ma il linguaggio di debolezza con cui l’Europa gli ha parlato finora, e con cui grandi maggioranze in molti paesi continuano a parlare, difficilmente porta alla pace e invece serve la lunga guerra che Putin vuole e potrebbe anche servire alla sua vittoria finale.