Putin: accettare la sconfitta o premere il pulsante nucleare?

Se la mobilitazione parziale non funziona e la mobilitazione totale continua a essere impraticabile per la stabilità del regime, Putin avrà solo il dilemma tra accettare la sconfitta o il pulsante nucleare.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.i

Se qualcuno nutriva dei dubbi sulle sconfitte militari ma soprattutto politiche che Putin sta subendo, il suo discorso di questa mattina ne è la prova definitiva. La sua posizione deve essere molto precaria per qualcuno che, fino a pochi mesi fa, ha stretto i gomiti con l’élite politica mondiale come un sovrano che avrebbe dovuto avere un minimo senso di responsabilità, per maneggiare armi nucleari con tanta facilità.

Il dilemma di Putin: accettare la sconfitta o il pulsante nucleare

In questo momento, il presidente russo assomiglia più a Kim Jong-il o all’Ayatollah Khamenei che ai suoi coetanei più o meno autocratici Xi Jinping, Narendra Modi ed Erdogan, che hanno sfigurato più o meno crudelmente la sua guerra e ora ascolterò inorridito le sue vanterie sull’uso della bomba atomica nel caso non ottenga “una vittoria imminente”, come aveva anticipato il giorno prima la truculenta Margarita Symonian, direttrice di Russia Today.

Politicamente, Putin ha perso questa guerra. La ha perso al primo turno, quando ha voluto rovesciare il governo democratico con un colpo solo nella speranza che la comunità internazionale si conformasse, come ha fatto nel 2014 quando la Crimea è stata annessa. Adesso lo sta perdendo militarmente e in grande stile: con la controffensiva ucraina la guerra è già arrivata al confine russo e non è ancora chiaro dove le sue truppe demoralizzate riusciranno a fermarla.

Oltre alla perdita di materiale bellico in grande quantità e alla resa di intere unità, ci sono pratiche barbariche, tipiche degli eserciti mercenari e forzati, in questo caso reclutati in gran parte dalle carceri, che si stanno scoprendo con il ritiro dei soldati di Putin. Gli attacchi a obiettivi prettamente civili, senza alcun valore militare, come le riserve d’acqua o le paludi con cui la Russia ha risposto alle avances ucraine, sottolineano il carattere terroristico, meramente vendicativo e disperato, degli indegni comandanti militari russi.

La farsa dei plebisciti urgenti che sta organizzando nei territori di Lugansk, Donetsk, Zaporizhia e Kherson, dove nessuna delle condizioni richieste dalle istituzioni internazionali per riconoscerne i risultati, è di scarsa utilità a Putin. Né coloro che si sforzano di capire Putin potranno comprare il diritto russo a decidere in Ucraina né l’esercizio organizzato dell’autodeterminazione in condizioni di guerra.

La mobilitazione che richiamerà 300.000 riservisti è la decisione più vicina allo stato di guerra

L’annessione servirà semmai a mostrare l’arma nucleare, per il momento come una minaccia, ma se necessario per Putin come una risposta sotto forma di bomba tattica, in risposta all’attacco su un territorio che entro pochi giorni sarà essere considerato parte della sacra patria della sovranità russa secondo la legalità autocratica emanata dalla Duma. Per quanto il piccolo zar della Russia sminuita nasconda la sua debolezza e la sua umiliazione con impassibilità e parsimonia, è una bugia che tutto stia andando come desiderava.

"Il palazzo di Putin"
“Il palazzo di Putin” – Nanopress.it

Ancora non la chiama guerra guerra, ma è chiaro che la mobilitazione parziale che richiamerà 300.000 riservisti è la decisione più vicina allo stato di guerra, anche se è la più moderata contro gli intransigenti del regime che volevano la propria mobilitazione totale della guerra aperta. Putin non dovrebbe mai essere creduto per quello che dice, ma per le intenzioni che attribuisce ai suoi nemici. Sono le accuse nello specchio, il suo specchio nero, in cui si riflettono chiaramente i suoi propositi.

Ha accusato l’Occidente di voler distruggere la Russia e l’Ucraina, che ha rubato all’arsenale nucleare, di voler attaccare con armi nucleari. Se la mobilitazione parziale non funziona e la mobilitazione totale continua a essere impraticabile per la stabilità del regime, l’unica cosa rimasta sarà il dilemma tra accettare la sconfitta o il pulsante nucleare. A meno che qualcuno non muova prima la sedia.