Putin a Draghi: “Do il grano se mi togliete le sanzioni”

Mario Draghi ha chiamato Vladimir Putin per trovare un accordo sulle esportazioni di grano ucraino in Europa. Ecco cosa si sono detti.

La bandiera dell'Ucraina 'stesa' su un campo di grano
La bandiera dell’Ucraina ‘stesa’ su un campo di grano . NanoPress.it

La guerra in Ucraina ha bloccato le importazioni di grano prodotto in tale nazione e molti paesi europei, tra cui l’Italia, stanno riscontrando difficoltà nel processo di approvvigionamento di questo alimento. Mario Draghi ha chiamato Vladimir Putin, al fine di trovare un accordo per avviare un percorso di dialogo e pace, ma il leader del Cremlino punta a far decadere le sanzioni contro la Russia.

Draghi sente Putin, dialogo sulla crisi alimentare del grano

Il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro italiano Mario Draghi hanno discusso sulle modalità che potranno essere messe in atto per contrastare la crisi alimentare internazionale. Il Cremlino ha affermato che ciò potrebbe verificarsi solo se l’Occidente revocasse le sanzioni.

Ho sentito che era mio dovere prendere questa iniziativa a causa della gravità della crisi umanitaria che potrebbe colpire i più poveri del mondo“, ha detto ai giornalisti. L’obiettivo, come afferma Draghi, è quello di “sbloccare queste enormi quantità di grano nei porti ucraini nel Mar Nero“.

Ha aggiunto, inoltre, che avrà una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy per parlare di questa spinosa questione. Il blocco dei porti ucraini da parte della Russia ha impedito le spedizioni di grano, di cui entrambi i paesi sono i principali esportatori.

La risposta di Mosca

Vladimir Putin ha sottolineato che la Federazione Russa è pronta a dare un contributo significativo per superare la crisi alimentare attraverso l’esportazione di grano e fertilizzanti, a condizione che le restrizioni politicamente motivate dall’Occidente vengano revocate“, ha affermato Mosca in una nota.

L’Ucraina ha descritto la posizione russa come un “ricatto“: il ministro degli Esteri britannico – Liz Truss – ha affermato che Putin sta “cercando di tenere il mondo in ostaggio“, portando avanti una crisi alimentare che fa leva sul conflitto contro l’Ucraina.

Bambino con la bandiera ucraina
Bambino con la bandiera ucraina – NanoPress.it

La posizione della Casa Bianca

Un portavoce della Casa Bianca ha affermato che non sono in corso trattative per allentare le sanzioni contro la Russia, al fine di garantire le esportazioni di grano e che e azioni della Russia stanno incrementando notevolmente la fame nel mondo.

Prima che la guerra scoppiasse, l’Ucraina era uno dei fornitori principali di olio di grano, mais e girasole: la nazione esportava maggiormente verso i paesi più poveri e a basso reddito, com quelli dell’Africa del Nord. Il grano – al momento – è depositato in silos in Ucraina e non può essere spedito.

Le sanzioni degli Stati Uniti e dei nostri alleati e partner prendono di mira la macchina da guerra di Putin“, ha affermato il portavoce. “Non impediscono l’esportazione di prodotti agricoli ucraini o russi, inclusi cibo e fertilizzanti, né le transazioni ordinarie necessarie per queste esportazioni, come banche o spedizioni“.

Il conflitto sta alimentando una crisi alimentare globale che ha comportato una vertiginosa impennata dei prezzi di cereali, oli da cucina, carburante e fertilizzanti.