Petro cerca la sua luna di miele con il Congresso della Colombia

Il partito del presidente eletto Petro, in Colombia, sta ancora cercando di consolidare le sue maggioranze in legislatura, sebbene abbia già avuto approcci favorevoli con i banchi dei maggiori partiti.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Le ambiziose promesse di cambiamento fatte dal presidente eletto Gustavo Petro in campagna elettorale devono ora fare un percorso complesso: attraverso le sale del nuovo Congresso, che entrerà in carica il 20 luglio. Sebbene il partito di Petro, il Patto Storico, sia riuscito a marzo ad ottenere il più grande numero di seggi alle elezioni legislative di marzo – 20 seggi al Senato, 27 alla Camera dei Rappresentanti – ciò non è sufficiente per avere la maggioranza.

Sono ambiziose le promesse di Petro fatte in campagna elettorale

Il Senato colombiano ha 108 seggi e la Camera ne ha 188. Per approvare progetti di legge con maggioranze, Petro e il Patto storico entrano nell’ultima settimana per consolidare le loro alleanze chiave con altri partiti prima dell’inizio della legislatura. “Saremo in un’assemblea permanente”, ha detto in una conferenza stampa il senatore Roy Barreras del Patto storico, che è stato nominato come prossimo presidente del Senato, una posizione che gli conferisce molto potere per dare la priorità al agenda del governo.

Barreras si riferiva a un’assemblea che inizia questa settimana fino al 19 luglio in cui il Patto Storico si riunirà per negoziare con altre parti per definire, ad esempio, la presidenza delle varie commissioni congressuali. E per questa trattativa, i partiti devono chiarire se si dichiarano parte della coalizione di governo, come indipendenti o come opposizione. “Vogliamo che il Partito dei Verdi sia nei consigli di amministrazione”, ha detto Barreras.

“Vogliamo che ci sia una rappresentanza dei liberali, e in particolare del liberalismo che ha vinto le elezioni presidenziali”, ha aggiunto, chiarendo che alcuni liberali li hanno accompagnati al secondo turno e altri no. “Vogliamo la partecipazione del Partito conservatore che ha deciso di sostenere il cambiamento; e il partito di La U che ha fatto lo stesso”, ha detto.Innanzitutto ci sono quelli che sicuramente staranno con Petro.

I gruppi che compongono l’Alleanza Verde si sono già dichiarati parte della coalizione di governo, ma con la loro somma non c’è ancora la maggioranza: ne hanno 13 al Senato, 12 alla Camera. C’è anche Comunes, l’ex guerriglia delle Farc, che ne ha solo 5 per parte. Ma i numeri della coalizione di governo, per ora, non danno ancora maggioranze. Quindi gli ultimi tre partiti citati da Barreras sono quelli che saranno fondamentali per la coalizione di Petro: La U, il Partito Liberale e il Partito Conservatore.

I conservatori hanno mostrato in queste settimane di essere divisi sulla questione: alcuni rappresentanti vogliono sostenere il Patto Storico, ma l’ex presidente del partito ha firmato una lettera dicendo che ciò sarebbe assurdo perché la comunità è “antagonista alle idee della sinistra”. .” Tuttavia, i tre partiti hanno già detto che non si dichiareranno all’opposizione, anche se non hanno annunciato se faranno parte della coalizione di governo o se andranno come indipendenti.

La sconfitta di del partito di Dunque favorisce il petrismo

“In ogni caso, essere indipendenti dà già un margine importante per il sostegno alle iniziative del governo”, ha detto il senatore Iván Cepeda, del Patto storico. “Non direi che c’è già una garanzia al 100%, ma credo che le cose stiano iniziando bene e gli incontri dei prossimi giorni saranno decisivi”. Inoltre, aggiunge Cepeda, la scarsa popolarità dell’attuale presidente, Iván Duque, e la sconfitta elettorale del suo partito di destra Centro Democratico, possono anche generare un ambiente favorevole per Petro.

Ivan Duque
Ivan Duque – NanoPress.it

“Le forze politiche sono consapevoli che è una cattiva idea apparire in questo momento solidale con l’attuale governo, perché si conclude con un gigantesco scandalo di corruzione”, aggiunge Cepeda, riferendosi a una recente indagine in cui si sospetta corruzione in bilancio destinati a progetti di processi di pace.

“Quindi non credo sia uno spettacolo di astuzia politica essere associato al governo Duque, sarebbe voler affondare sul Titanic”.Il Patto Storico, in ogni caso, è ottimista. Lunedì e martedì tutti i membri del Congresso si sono incontrati con i ministri già nominati per discutere l’agenda del Congresso per il primo anno legislativo. Hanno annunciato che la riforma fiscale e la riforma rurale avranno la massima priorità e che altre, come la riforma sanitaria, passeranno per l’anno successivo.

Cepeda menziona anche che una riforma politica del processo di pace e una riforma del Congresso – che propone di ridurre i privilegi dei membri del Congresso e di essere più esigenti di fronte all’assenteismo parlamentare – saranno all’ordine del giorno per il primo anno. “Il nuovo Congresso si adeguerà: accelerazione totale e un nuovo sistema che consenta maggiore efficienza e velocità nel processo“, ha affermato all’inizio della settimana il possibile prossimo presidente del Senato, Roy Barreras.

Ha annunciato che, per approvare le riforme del primo anno, le commissioni costituzionali del parlamento terranno i loro dibattiti insieme (e non uno dopo l’altro), in modo che in seguito anche l’intero Senato e la Camera possano votare contemporaneamente. “Ma anche guachafita ha finito di incontrarsi solo due giorni a settimana: almeno 4 giorni a settimana di lavoro e taglieremo le ferie”.

La fretta non è piaciuta alla senatrice dell’opposizione di Uribe Maria Fernanda Cabal, che ha definito questa velocità un “colpo di stato”. La fretta, tuttavia, non è un colpo di stato. L’accademica Laura Wills, politologa dell’Universidad de los Andes e direttrice del centro studi Congreso Visible, chiarisce che il provvedimento di emergenza proposto da Barreras è sancito dalla quinta legge, la normativa che regola il Congresso.

“Non è qualcosa di nuovo, non è qualcosa che Roy Barreras si sta inventando, ma quello che ha detto ha generato molta paura perché molte persone non conoscono la quinta legge e non sanno che questa è una cosa contemplata dalla legge”, spiega testamenti. “Ora, la cosa più importante è che nell’iter legislativo ci sia una discussione approfondita prima del voto, e il timore che questo messaggio ha generato è stato, perché mandare un’emergenza adesso se il quadriennio non è ancora iniziato?

“Tutti i governi iniziano con una luna di miele”, spiega il professor Wills

“Di solito le misure urgenti che vengono prese quando ci sono motivi eccezionali per andare più veloci. Ad esempio, che si avvicina la fine di una legislatura e che una legge importante affonderà se non verrà approvata prima. Ma in ogni caso, perché questa urgenza venga accolta, il Congresso deve approvarla: non basta che lo dica il presidente del Senato. E qui, ancora, sarà importante vedere quale posizione prendono i tre maggiori partiti che hanno già detto di non essere l’opposizione, ma che non si sono nemmeno dichiarati parte della coalizione di governo: liberali, La U e conservatori.

Bandiera Colombia
Bandiera Colombia – NnoPress.it

“Tutti i governi iniziano con una luna di miele” al Congresso, spiega il professor Wills. “In questo momento tutto sembra favorevole al governo, sembra che avrà una grande coalizione, quindi è il momento perfetto per presentare questi progetti di legge. Ma poi le coalizioni possono essere instabili, sia quelle di opposizione che quelle di governo, perché i partiti si definiscono secondo la situazione, secondo il disegno di legge, secondo una miriade di variabili.

Inoltre, sebbene in Colombia ci sia una legge dei seggi in modo che i partiti siano disciplinati [quando votano insieme], quella legge ha molte eccezioni, ed è per questo che molte volte i membri del Congresso si discostano dalla decisione del loro partito. In pratica, le partite non si comportano sempre come dichiarato. Lo stesso Patto Storico dovrà dimostrare se riesca o meno ad essere partito disciplinato nel prossimo quadriennio.

Finora nessun partito di sinistra era riuscito a eleggere così tanti deputati in una legislatura e, sebbene siano riusciti a raggiungere insieme le elezioni presidenziali, tra di loro si sono cominciate a vedere alcune lacerazioni. Ad esempio, il senatore Gustavo Bolívar, fedele a Petro da diversi anni, ha condiviso sui suoi social il suo malcontento quando il suo collega Roy Barreras è stato nominato futuro presidente del Senato, un politico che è stato abile al Congresso ma che ha ha cambiato più volte partiti (più recentemente è passato dall’Uribismo, al Santismo, al Petrismo).

“Il giorno in cui lo hanno scelto come presidente del Senato ho detto a Petro che mi sembrava che Barreras non rappresentasse il cambiamento in questo Paese e questo potrebbe costarci in termini di credibilità”, ha detto Bolívar al quotidiano El Espectador. Ha anche pubblicato una colonna in cui si chiedeva se avrebbe dato a Roy il suo voto il 20 luglio per essere eletto presidente del Senato.

Un altro senatore del Patto, Alexander López, ha affermato che la nomina di Roy Barreras non è stata una decisione congiunta del caucus. “Né democratico, né concertato, né dialogato”, ha scritto sul suo account Twitter. Il voto di sostegno o meno a Roy sarà uno dei segni del primo giorno del Congresso per mostrare quanto sia dolce la luna di miele, anche all’interno dello stesso partito di Petro.

“Per me il primo test è stata la campagna elettorale”, dice il senatore Cepeda. “I banchi delle altre coalizioni sono stati atomizzati e il nostro è l’unico sopravvissuto. Ovviamente ci sono contraddizioni, amicizie e inimicizie, come accade in ogni comunità umana. Nel nostro caso, ora, il problema è vedere se sapremo come affrontarli o meno”.