Papa Francesco mette in guardia sull’uso dei media digitali: “Luoghi di tossicità”

Papa Francesco lancia un messaggio, soprattutto ai giovani, sull’utilizzo dei media digitali nel nostro secolo, che a volte secondo lui possono diventare luoghi tossici e brutali.

Papa Francesco
Papa Francesco – Nanopress.it

Papa Francesco ha lanciato un messaggio in occasione del congresso mondiale di comunicatori cattolici di Seoul, riflettendo sull’utilizzo dei media digitali oggi, soprattutto da parte delle giovani generazioni.

Il pontefice si è soffermato sulla necessità di sviluppare una capacità critica tale da poter utilizzare le nuove tecnologia con la giusta coscienza. Ecco cosa ha detto.

Papa Francesco invita alla sorveglianza sui media digitali

In occasione di questo incontro importante, il Congresso Mondiale dei Comunicatori Cattolici, che si terrà a Seoul il prossimo agosto, Papa Francesco ha inviato un messaggio significativo.

Papa Francesco
Papa Francesco – Nanopress.it

Il Santo Padre, che spesso durante il suo mandato si è soffermato su temi molto attuali, ha parlato dei media digitali e del loro utilizzo, che a volte diventa tossico e sbagliato.

Secondo il Papa, l’utilizzo dei media ha sollevato delle questioni importanti, gravi questioni etiche che vanno affrontate con il giusto equilibrio. Un messaggio il suo rivolto soprattutto alle nuove generazioni, che utilizzano i social media in ogni momento della loro vita.

Per il pontefice molti siti web possono diventare tossici, in quanto circolano spesso fake news e discorsi d’odio, che devono essere debellati.

Un problema che al giorno d’oggi colpisce la comunità digitale, tanto che ogni giorno si assiste ad episodi di cyber bullismo.

Come risolvere il problema? Ecco cosa dice il Papa

Papa Francesco, nel suo messaggio inviato alla comunità coreana, dice che secondo lui il problema deve essere affrontato attraverso l’educazione alla comunicazione.

Francesco esorta la comunità che parteciperà al Signis a prestare molta attenzione a questi temi: “C’è la necessità di aiutare le persone, soprattutto i giovani, a sviluppare un sano senso critico, imparando a distinguere la verità dalla menzogna, il giusto dallo sbagliato, il bene dal male, e ad apprezzare l’importanza di lavorare per la giustizia, la concordia sociale e il rispetto per la nostra casa comune”.

La Pace nel mondo digitale, per lui, deve essere all’ordine del giorno anche perché i media si sono rivelato un ottimo mezzo per comunicare, per stare vicini anche in momenti difficili.

Questo è successo durante la pandemia, come ricorda il Papa, quando i media hanno unito le comunità: “Non solo diffondendo informazioni essenziali, ma anche colmando la solitudine dell’isolamento e, in molti casi, unendo intere famiglie e comunità ecclesiali nella preghiera e nel culto”.