Pakistan: le piogge hanno creato una crisi umanitaria senza precedenti

Oltre 20 giorni di forti piogge e lo straripamento del fiume Indo, il più importante del Pakistan, hanno innescato un’emergenza sanitaria e alimentare che rischia di ristagnare nel lungo periodo.

Pakistan, dei bambini vengono tratti in salvo
Pakistan, dei bambini vengono tratti in salvo – NanoPress.it

Case sommerse dall’acqua, ponti e strade distrutte, raccolti persi e oltre 33 milioni di persone colpite sono solo alcune delle conseguenze che le forti piogge hanno lasciato in un terzo del territorio del Pakistan. “Il Paese sta attraversando una crisi umanitaria senza precedenti e le conseguenze a lungo termine devono ancora arrivare”, lamenta Rocío Vicente, specialista dei diritti umani dell’UNICEF. In meno di un mese il ritmo di vita della popolazione di 66 dei 116 distretti ha girato di 180 gradi.

In Pakistan le conseguenze sociali del disastro stanno appena iniziando a farsi vedere

Il governo li ha dichiarati in “stato di calamità”, mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che le aree colpite sono al massimo livello di emergenza. Per Vicente, l’intervento dello Stato e l’aiuto delle organizzazioni internazionali non sono sufficienti per coprire l’entità dei problemi legati a queste inondazioni. “Il Pakistan è il quinto Paese più popoloso del mondo, con oltre 220 milioni di persone, e in questo momento abbiamo mezzo milione di sfollati, senza acqua potabile e senza assistenza medica”, dice.

“Il 30% dei sistemi idrici è stato danneggiato e questo implica l’esposizione diretta a malattie che possono essere fatali”, spiega. Ruby Taric, capo del team di Medici senza frontiere (MSF) in Baluchistan, una delle province più colpite dal disastro, afferma che i compiti di controllo, monitoraggio e prevenzione delle malattie sono una sfida. Prima delle inondazioni, il Pakistan registrava già 4.531 casi di morbillo e 15 casi di poliovirus selvaggio, ora l’OMS ha avvertito di un aumento dei focolai di infezioni come tifo, morbillo e dengue.

“Abbiamo 2.000 posti letto, tutti occupati. Inoltre, ora lavoriamo con meno personale perché cinque di loro sono risultati positivi alla malaria”, afferma. Non hanno ancora registrato alcun caso di colera, che è molto comune in questo tipo di emergenza, ma hanno rilevato un aumento significativo della malaria.

Secondo i dati forniti dall’Unicef, circa 1.460 ospedali sono fuori servizio, proprio quando il pericolo del proliferare di zanzare – i principali trasmettitori di malattie tropicali come febbre gialla, malaria e dengue -, morsi di serpente, malattie cutanee e respiratorie, a causa all’umidità e alla grande quantità di acqua stagnante.

La mancanza di acqua potabile è uno dei problemi più importanti, secondo MSF, che deve affrontare la popolazione delle due province più colpite: Baluchistan e Sindh, nel sud del Paese. Tale mancanza, dice Taric, ha aumentato i casi di diarrea. Anche quasi 3mila chilometri di strade sono stati bloccati da detriti e acqua, mentre 150 ponti sono stati distrutti, secondo gli ultimi rapporti diffusi dal governo pakistano.

Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) ha segnalato le difficoltà incontrate dalle brigate di aiuto e assistenza umanitaria nell’accesso alle regioni più colpite. Sebbene le inondazioni abbiano finora lasciato un bilancio di 1.200 morti e quasi 6.000 feriti, le organizzazioni internazionali avvertono che la cifra potrebbe essere più alta, poiché ci sono ancora aree a cui non hanno avuto accesso.

Taric, di Medici senza frontiere, assicura che le persone più vulnerabili sono i bambini e le donne incinte. “Se è già difficile muoversi in aree allagate piene di detriti, lo è ancora di più per le donne incinte”, afferma.

I bambini sono i più vulnerabili

“Molti di loro hanno smesso di sottoporsi ai controlli prenatali e vedono che la loro salute è peggiorata non solo a causa dell’esposizione a un ambiente malsano, ma anche emotivamente”. Taric si riferisce all’incertezza di non sapere dove saranno accuditi e se avranno o meno una casa dove prendersi cura dei loro figli. “Depressione e ansia fanno parte dei loro giorni da quando hanno dovuto fuggire dalle zone allagate”. Secondo l’UNFPA, 73.000 delle 650.000 donne incinte in Pakistan dovrebbero partorire il mese prossimo.

Conseguenze pioggia monsonica
Conseguenze pioggia monsonica- Nanopress.it

In un Paese dove 27 milioni di persone soffrono di insicurezza alimentare, i bambini sono più svantaggiati: il 40% di quelli sotto i 12 anni è rachitico, uno dei problemi di sviluppo legati alla malnutrizione. A ciò si aggiunge la perdita di mezzi di sussistenza e l’impatto emotivo della fuga dalle loro case per stabilirsi in rifugi temporanei.

Secondo i dati di Action Against Hunger, più della metà dei 33 milioni di persone colpite dalle piogge monsoniche sono bambini di età inferiore ai 12 anni.Prima delle inondazioni, il Pakistan era già in cima alla lista dei paesi a rischio climatico infantile, classificandosi al 14° posto su 163. Jennifer Ankrom, direttrice di Action Against Hunger in Pakistan, avverte che la situazione è ormai diventata insostenibile.

“La gente delle comunità manteneva la coltivazione del riso e del grano come mezzo di sussistenza. Quando non avevano soldi, li scambiavano con altri prodotti. Ora hanno perso tutto”, dice. Dopo le piogge sono morti 719.000 capi di bestiame e sono stati sommersi oltre due milioni di ettari di coltivazioni e frutteti.

Alla mancanza di cibo si aggiunge la mancanza di acqua potabile e servizi igienici adeguati, nonché la distruzione dei servizi igienici, i tre fattori che contribuiscono alla malnutrizione cronica. Ankrom, di Action Against Hunger, avverte delle sue conseguenze: “Colpisce il sistema immunitario dei più piccoli e deteriora il sistema cognitivo, incidendo non solo sulla loro salute ma anche sulle loro prestazioni.

Senza un rapido intervento, sono condannati. Senza acqua e senza cibo sono facili prede di malattie opportunistiche”. Nonostante il lavoro di assistenza umanitaria, l’Onu calcola che l’investimento necessario per coprire i bisogni di questa calamità naturale superi i 160 milioni di euro. Il governo pakistano aumenta tale importo. Gli esperti concordano sul fatto che le conseguenze sociali del disastro stanno appena iniziando a farsi vedere.