Omicidio a Napoli: un 17enne uccide la madre a coltellate, fermato

Ieri sera un ragazzo di 17 anni ha compiuto un terribile omicidio a Napoli, accoltellando la madre nella loro abitazione.

omicidio Napoli
Omicidio Napoli – Nanopress.it

La donna, Filomena Galeone, è morta dopo i 20 colpi inferti dal figlio adottivo, in un momento in cui i due erano soli in casa.

Omicidio a Napoli

Il ragazzo di 17 anni è stato posto a fermo dai carabinieri, che lo hanno preso in custodia dopo aver accertato la morte della madre, Filomena Galeone, una psichiatra morta dopo 20 coltellate.

Un efferato omicidio avvenuto in una zona centrale di Napoli, precisamente in una traversa di via Mezzocannone.

La storia è davvero terribile e ancora le forze dell’ordine stanno lavorando per ricostruire le dinamiche dell’omicidio, infatti non è ben chiaro quale sia il movente che ha spinto il ragazzo a uccidere la madre che lo aveva accolto adottandolo, insieme al marito anche lui psichiatra.

La dinamica

Dai primi accertamenti, il 17enne si è scagliato contro la madre adottiva, 61 anni, con un coltello utilizzato per sferrare 20 coltellate.

omicidio Napoli
Omicidio a Napoli – Nanopress.it

I due si trovavano in casa da soli, infatti il padre non era presente nell’abitazione dove ieri sera si è verificato l’omicidio a Napoli, precisamente in via Rampe San Giovanni Maggiore, una zona molto centrale della città.

Secondo le prime ricostruzioni, Filomena Galeone avrebbe litigato con i figlio e al culmine delle discussioni, il figlio originario della Lituania, l’avrebbe uccisa violentemente con un coltello.

In seguito è stato lo stesso ragazzo, adottato da piccolo e accolto con amore dalla famiglia, ad allertare di quanto accaduto, infatti si sarebbe affacciato dalla finestra con le mani ancora sporche di sangue, urlando che sua madre si era appena suicidata.

A questo punto, i vicini di casa hanno chiamato i soccorsi, i quali sono intervenuti subito sul luogo dell’omicidio constatando la morte della vittima.

Anche i Vigili del Fuoco sono accorsi, infatti il ragazzo, che si trovava in forte stato di shock e confusione generale, sosteneva di essere rimasto chiuso in casa e non era in possesso delle chiavi, dunque è stata sfondata la porta per entrare in casa.

I carabinieri indagano sull’omicidio a Napoli verificatosi ai danni di una donna che, a detta di chi la conosceva, era una persona tranquilla e gentile, che non aveva mai dato problemi a nessuno.

In generale la famiglia non aveva apparentemente problemi rilevanti, per questo motivo il giovane verrà sottoposto ad accertamenti psichiatrici per valutare la sua salute mentale e capire cosa possa aver fatto scattare in lui  una furia omicida così grave da uccidere sua madre.

Gli specialisti della polizia scientifica si stanno intanto occupando dei rilievi sulla scena del crimine e in serata il pm del Tribunale dei Minori ha disposto il fermo per il ragazzo con l’accusa di omicidio.