Oltre l’NRA: sono tanti i gruppi che influenzano le leggi sulle armi in USA

La National Rifle Association (NRA) è abituata ad attirare l’attenzione nazionale e internazionale, soprattutto quando vengono formulate le richieste di una legislazione sulla sicurezza delle armi a seguito di sparatorie di massa, come quella che ha causato la morte di 19 studenti e due insegnanti la scorsa settimana a Uvalde, in Texas.

Un uomo con un fucile
Un uomo con un fucile – NanoPress.it

La NRA e le associazioni pro armi negli USA

Ma ci sono anche altri gruppi per i ‘diritti a possedere le armi’, che esercitano un’influenza significativa nella capitale della nazione, dove ogni anno sborsano milioni ai lobbisti, per aiutare a persuadere legislatori e politici a schierarsi dalla loro parte su questioni a cui tengono.

Secondo un’analisi di Open Secrets, un’organizzazione no-profit apartitica che tiene traccia delle lobby e dei contributi alle campagne elettorali, le organizzazioni di difesa dei diritti delle armi hanno speso la cifra record di 15,8 milioni di dollari l’anno scorso in attività di lobbying.

Dal 1998, l’industria ha speso quasi 200 milioni di dollari in lobbying federale. Il top spender dell’anno scorso non è stata l’NRA, di cui sempre tanto si parla. Quel posto è andato alla National Shooting Sports Foundation, che ha pagato ai lobbisti 5 milioni di dollari nel 2021. Un portavoce della fondazione ha dichiarato che il gruppo è disposto a impegnarsi in discussioni sulla legislazione sulla sicurezza delle armi, purché sia ​​ragionevole.

“Siamo disposti a sederci con chiunque e ad arrivare a soluzioni reali, purché tali decisioni considerino i diritti degli americani rispettosi della legge”, ha detto il portavoce della National Shooting Sports Foundation Mark Oliva.

Joe Biden, dopo aver visitato domenica scorsa le famiglie in lutto e i primi soccorritori a Uvalde, ha detto che intendeva continuare a spingere per l’approvazione della legislazione sulla sicurezza delle armi e che si affida ai repubblicani “razionali” per raggiungere un accordo con i Democratici.

Spesi 200 milioni di dollari per ‘influenzare’ i politici

La National Shooting Sports Foundation è l’associazione di categoria per l’industria delle armi da fuoco. Tra i suoi migliaia di membri ci sono produttori di armi, distributori e rivenditori, nonché poligoni di tiro e organizzazioni di sportivi. La fondazione è stata costituita nel 1961, dopo una serie di incontri sponsorizzati dalla rivista Field & Stream, una pubblicazione incentrata sulla caccia, la pesca e altre attività all’aperto.

Persone con armi in mano
Persone con armi in mano – NanoPress.it

La missione dell’organizzazione è “promuovere una migliore comprensione e una maggiore partecipazione alla caccia e agli sport di tiro“, secondo il sito web della fondazione. Oliva, il portavoce, ha affermato che il gruppo è diverso da altri come l’NRA, che rappresenta milioni di singoli proprietari di armi, ma i loro interessi si allineano quando si tratta del diritto di portare armi.

La NSSF ha preso parte a discussioni su leggi più severe sulle armi dopo Sandy Hook e ha sostenuto l’approvazione della legislazione nel 2018 progettata per migliorare il sistema nazionale di controllo istantaneo dei precedenti penali, che i rivenditori utilizzano per eseguire controlli sui potenziali acquirenti di armi.

Uno studio dei rapporti di lobbying ha rilevato che l’organizzazione ha cercato di influenzare i legislatori lo scorso anno su più di 30 atti legislativi, comprese le misure che regolano l’accesso ai terreni pubblici, consentendo il trasporto nascosto di armi da fuoco attraverso i confini statali e, creando un processo di ricorsi per i regolamenti imposti dal Ufficio per l’alcol, il tabacco, le armi da fuoco e gli esplosivi.

Gun Owners of America è un’organizzazione di lobby senza scopo di lucro fondata nel 1976 dal defunto senatore dello stato della California Hubert Leon “Bill” Richardson. L’organizzazione, che si autodefinisce “lobby senza compromessi”, ha speso $ 2.771.929 in spese totali di lobbying nel 2021, secondo Open Secrets.

Tutti per la difesa del ‘Secondo Emendamento’

La missione inviata dal GOA è difendere il Secondo Emendamento. Ha formato una rete nazionale di avvocati che lavorano con legislatori e cittadini locali per mantenere aperti i poligoni di armi e i club di armi. Nel 2021, GOA ha cercato di influenzare circa 80 progetti di legge, tra cui l’ATF Accountability Act del 2021 e il divieto di armi d’assalto del 2021.

Esposizione di armi
Esposizione di armi – NanoPress.it

La National Association for Gun Rights vanta un numero crescente di membri e 4,5 milioni di “attivisti di base” e si propone come leader in una “battaglia contro gli accaparratori di armi”. L’associazione, afferma di mirare a “fermare l’agenda radicale contro le armi in tutta la nazione”.

“Non accettando nessun compromesso sulla questione del controllo delle armi, NAGR lavora instancabilmente per ritenere i politici responsabili delle loro opinioni contrarie alle armi e ha fatto grandi passi avanti nel proteggere e preservare il Secondo Emendamento”, afferma il gruppo. L’associazione ha un comitato di azione politica che supporta i candidati impegnati a combattere il controllo delle armi, e ad espandere i diritti e le protezioni del Secondo Emendamento.

L’associazione ha anche un braccio legale che difende i proprietari di armi in tribunale e contesta le leggi che ritiene incostituzionali. L’associazione è stata fondata dal consulente repubblicano Mike Rothfeld. Dudley Brown, presidente dell’associazione, ha riferito di aver assunto lobbisti federali per la prima volta nel 2013 e ha speso in media 1,2 milioni di dollari all’anno dal 2017, secondo Open Secrets. Il gruppo ha pagato ai lobbisti 1,6 milioni di dollari nel 2021 per influenzare i politici e i legislatori.