Obrador nega la partecipazione della DEA alla cattura di Quintero

Il presidente Obrador ha riconosciuto di aver appreso dell’arresto una volta avvenuto, non prima, e ha nuovamente lamentato la morte di 14 marinai che hanno partecipato all’operazione.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador – NanoPress.it

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha negato la partecipazione dell’Agenzia per l’applicazione della droga degli Stati Uniti (DEA) alla più grande cattura di un trafficante di droga durante il suo governo.

Obrador si prende tutto il merito dell’arresto di Quintero

Quello che negli anni Ottanta era conosciuto come il Narco de Narcos, Rafael Caro Quintero, uno dei grandi leader del cartello di Guadalajara, poi convertito nel cartello di Sinaloa, è stato arrestato venerdì pomeriggio sulle montagne di Sinaloa, in un’operazione coordinata tra Ufficio del Procuratore Generale della Repubblica e del Segretario della Marina Militare.

“La DEA non ha avuto interferenze dirette. L’informazione è stata richiesta per collaborare con la nostra intelligence, ma non è stata eseguita. Da lì e prima, il Segretario della Marina del Messico ha svolto l’intera indagine e l’arresto del signor Caro Quintero”, ha sottolineato il presidente. La partecipazione degli Stati Uniti, o almeno la pressione del governo di Joe Biden, sembravano comunque evidenti.

Il narco, che era in fuga da nove anni, è stato arrestato due giorni dopo la visita del presidente messicano al suo omologo americano. Il capo era diventato un obiettivo della DEA dopo il brutale omicidio di uno di loro, l’agente Kiki Camarena, nel 1985.

Fu arrestato quell’anno e rilasciato in uno scandalo legale nel 2013, con 12 anni rimanenti della sua condanna. L’agenzia USA non ha mai perdonato il suo rilascio e ha aumentato la taglia sulla sua testa a 20 milioni di dollari, la più alta mai raggiunta per un fuggitivo.

López Obrador ha riconosciuto che le autorità messicane hanno eseguito un mandato d’arresto senza consultarlo. “L’ho saputo quando l’avevano arrestato”, ha detto. “Se c’è un ordine, deve essere eseguito. Inoltre, è una questione di routine, non hannno mai bisogno di consultarmi. Perché non c’è impunità per nessuno, chiunque esso sia”, ha aggiunto il presidente. Le parole del presidente si scontrano con quanto riportato sabato dalla Dea in un comunicato.

“La giustizia non ha una data di scadenza”

“La nostra incredibile squadra in Messico ha collaborato con le autorità del luogo per catturare e arrestare Caro Quintero, accusato negli Stati Uniti di aver torturato e ucciso l’agente speciale Kiki Camarena”, ha celebrato Anne Milgram, che dirige l’istituto dalla metà dello scorso anno.

Droga
Droga – Nanopress.it

“La giustizia non ha una data di scadenza. Grazie ai nostri partner messicani per aver catturato Rafael Caro Quintero”, ha affermato l’ambasciatore degli Stati Uniti in Messico, Ken Salazar. “La DEA lo ha localizzato e ha informato la Marina?” ha chiesto un giornalista durante la conferenza stampa mattutina del presidente.

No no no. E molti meno elementi della [DEA] hanno partecipato. Non è più come prima, quindi. Non sono informazioni veritiere, ma fortunatamente l’ambasciatore ha chiarito. Credo che il direttore della DEA abbia rilasciato una dichiarazione, e questo è ciò che ha dato origine alla versione in cui avevano partecipato e le informazioni che l’ammiraglio mi ha trasmesso erano nel senso che non c’era tale partecipazione”, ha insistito López Obrador. “A volte [la DEA] partecipa, hanno dei sistemi informativi.

López Obrador ha parlato su questo punto e ha assicurato che il trafficante di droga sta per essere processato, ma non ci sono ancora ulteriori progressi per quanto riguarda il processo di estradizione. “Ci occuperemo dell’assenza di corruzione e di atti contrari alla legge”, ha promesso il presidente.

Caro Quintero ha scontato 28 anni di condanna in Messico e quando mancano 12 anni per scontare la pena, vene stato rilasciato da un tribunale, uno scandalo giudiziario che il governo degli Stati Uniti non ha mai dimenticato.