New York: il mondo letterario rende omaggio a Salman Rushdie

A New York Paul Auster, Siri Hustvedt e Gay Talese, tra gli altri famosi scrittori, ricordano che l’intolleranza e le minacce alla libertà di espressione non vengono solo dall’Iran.

Salman Rushdie
Salman Rushdie – NanoPress.it

Salman Rushdie ha potuto guardare questo venerdì in streaming dal suo letto d’ospedale della Pennsylvania dove è recuperato l’omaggio che colleghi di spicco di professione, convocati da PEN America, gli hanno reso alle porte della New York Public Library.

New York omaggia Salman Rushdie ad una settimana dal tentato omicidio

L’evento, appena una settimana dopo che un 24enne ha tentato di eseguire la fatwa iraniana che lo aveva condannato a morte nel 1989, ha riunito scrittori della statura di Paul Auster, Siri Hustvedt, Gay Talese, Jeffrey Eugenides e Hari Kunzru, tra una dozzina di nomi prestigiosi, per ricordare l’autore anglo-indiano con la lettura di frammenti dei suoi libri.

Sui gradini d’ingresso della venerabile istituzione, aperti alla folla di turisti che scorreva lungo la Fifth Avenue, il ricordo di Rushdie fluttuava nell’ambiente come il genio nella bottiglia della storia: un demiurgo la cui mera invocazione trasforma il mondo. La maggior parte dei partecipanti si è attenuta al copione e ha scelto estratti dal prolifico lavoro di Rushdie per onorarlo e difendere la libertà di espressione contro qualsiasi forma di oscurantismo.

Joseph Anton, le memorie emozionali che scrisse sulla scia della fatwa, furono le più citate, come fece Hustvedt scegliendo il passaggio in cui ricorda come suo padre, Anish, cambiò il complicato cognome in Rushdie in omaggio a Ibn Rushd, o Averroè. Ma non tutti sono rimasti fedeli al piano e alcuni, come Eugenide, hanno ricreato aneddoti relativi alla loro ammirazione per Rushdie. “A 20 anni, dopo aver letto Midnight Children, sono andato a Londra e ho avuto la felice idea di incontrarlo.

Ho trovato il suo nome, indirizzo e numero di telefono nell’elenco, ci sono andato ma era in vacanza in Italia, ma sua suocera mi ha fatto entrare e mi ha dato un pezzo di carta, dove le ho scritto un biglietto. Poi sono tornato in albergo”, ha detto l’autore del grande romanzo Middlesex (Anagram). Suzanne Nossel, direttore esecutivo di PEN America, ha ricordato il carattere edonistico e vitale di Rushdie nell’introduzione all’atto, “e la sua predilezione per le feste”.

La poetessa iraniana Roya Hakakian, anche lei rifugiata a New York, ha ricordato il più giocoso Rushdie, quello che ha scritto il libro per bambini Harun e il mare di storie. Paul Auster, visibilmente invecchiato -ha perso il figlio e la nipote, la figlia, a causa di un’overdose in pochi mesi-, ha sottolineato il potere della letteratura come chiave di accesso al mondo. La migliore letteratura, come quella del suo amico Rushdie, “apre l’universo, abbatte i confini delle lingue, espande il mondo e ci aiuta a capire coloro che non sono come noi”, ha affermato in chiaro riferimento agli intolleranti.

Il romanziere e saggista Siri Hustvedt, ha sottolineato il valore della diversità

Il romanziere e saggista Siri Hustvedt, ha sottolineato il valore della diversità, come quella che ha nutrito l’adolescente indiano venuto nel Regno Unito negli anni Sessanta per studiare, quel Rushdie che sarebbe venuto da adulto “per godere delle sue molte radici “. Alla fine dell’atto, la coppia ha sottolineato il loro messaggio “contro l’intolleranza dilagante”.

Hadi Matar
Hadi Matar – NanoPress.it

Entrambi hanno sottolineato che la teocrazia iraniana non è l’unica minaccia alla libertà di espressione, sebbene non abbia mai revocato la fatwa contro lo scrittore. “In questo momento, in questo Paese, assistiamo a violenze. Dai nazionalisti bianchi di estrema destra, quindi dobbiamo essere molto chiari sul vero nemico di questo paese.

È l’estrema destra, che abbraccia l’intero Partito Repubblicano”, ha affermato l’autore di 4, 3, 2, 1, che ha citato l’esempio del divieto di libri negli ambienti ultraconservatori per avvertire che le libertà non possono essere date per scontate. “Dobbiamo stare con Rushdie e tutto ciò che esemplifica, che è libertà di espressione illimitata, ma dobbiamo renderci conto che anche noi siamo minacciati. E che la persona che lo ha aggredito è un americano”.

Hustvedt ha ricordato che i tiepidi costituiscono anche una minaccia silenziosa: “33 anni fa [quando fu pubblicata la fatwa] alcuni editori erano molto coraggiosi, ci furono attacchi alle librerie… Ma altri non volevano avere niente a che fare con questo e c’erano persino scrittori che denunciavano Rushdie e Lo hanno incolpato di tutti i problemi.

Alla fine, ha detto l’autore di Everything I Loved, “la letteratura sopravvive e va avanti, ma dobbiamo essere molto diligenti e non dare nulla per scontato”.È stato un atto con punte di umorismo – la prima cosa che Rushdie ha recuperato dopo l’aggressione, secondo il figlio Zafar – e amore, tanto amore e ammirazione per la figura del potente scrittore anglo-indiano, la cui carriera, minacce a parte, costituisce una “celebrazione della vita”, come hanno ricordato alcuni partecipanti.

E’ stato un tributo costernato, ma anche, forse per il sole che picchiava sul leggio improvvisato, luminoso, anzi speranzoso, da un raduno di amici desiderosi di ritrovare l’assente. “Celebreremo Salman per quello che ha passato, ma anche, cosa più importante, per tutto quello che ha generato. Per le storie, i personaggi, le metafore e le immagini che ha regalato al mondo”, ha riassunto il direttore esecutivo di PEN America. Insomma, per l’universo letterario, personale e creativo di un autore abbagliante come un’esplosione di fuochi d’artificio.