Netflix perde un milione di abbonati nel secondo trimestre

La revisione del modello di business consente al gigante dello streaming Netflix di aumentare le entrate, ed evitare una rotazione negativa. I cattivi presagi si sono avverati, ma solo in parte.

Personaggi Squid Game
Personaggi Squid Game – Nanopress.it

Da quando la piattaforma Netflix ha iniziato a vacillare ad aprile, rivelando di aver perso 200.000 abbonati nel primo trimestre dell’anno e che prevedeva di perdere due milioni nel secondo, sia Wall Street che Hollywood attendevano i risultati raccolti tra aprile e giugno . , quindi può indicare la direzione di un fenomeno, quello dello streaming, che non pochi ritengono aver raggiunto il picco. 

Netflix ha però ha visto le entrate crescere del 9% a 7,9 miliardi di dollari

In una giornata di guadagni diffusi sul floor -i tre principali indici hanno registrato questo martedì quasi il 3%-, la piattaforma che un tempo guidava il fenomeno dell’intrattenimento on demand ha parzialmente confermato le previsioni, con una perdita di un milione di abbonati tra Aprile e giugno, la metà di quanto previsto.

La società ha visto le entrate crescere del 9% a 7,9 miliardi di dollari, profitti che sarebbero stati più alti se il valore del dollaro non avesse spinto al ribasso quello delle altre valute mondiali. La più grande defezione di clienti nella storia dell’azienda non le ha però impedito di salvare i mobili. Netflix ha trascorso gli ultimi tre mesi ad adeguare il proprio modello di business per affrontare il resto dell’anno, in un momento di crescente incertezza economica.

Tra gli altri provvedimenti adottati, il licenziamento di 450 dipendenti e l’annuncio di un nuovo livello di abbonamento, con un canone più conveniente ma, in cambio, aperto alla pubblicità; anche la revisione del sistema che consente la condivisione delle password, ovvero l’imposizione di un firewall che molti ritengono sia stato affrontato troppo tardi.

Le decisioni del colosso dello streaming sono seguite con una lente d’ingrandimento tra i concorrenti, in quanto possono segnare un nuovo percorso, soprattutto in relazione alla rottura del tabù della pubblicità. Altre piattaforme che sono concorrenti diretti, come HBO, offrono da tempo due livelli di abbonamento, con tariffe diverse a seconda che offrano o meno annunci pubblicitari.

Finora l’hacking degli account perfettamente legittimo priva Netflix di un numero aggiuntivo di clienti. L’azienda oggi ha quasi 221 milioni di abbonati a pieno titolo, ritenendo che ci siano decine di milioni di password in più per la condivisione invece di registrarsi con le proprie tariffe. All’inizio del 2021, oltre 850 milioni di persone erano abbonate a un servizio di streaming nel mondo. 

La maggior parte degli analisti ha dato per scontata una perdita di abbonati per il secondo trimestre in linea

Oltre ai suoi problemi di gestione, Netflix ha anche subito una battuta d’arresto nei contenuti, poiché ha ottenuto meno nomination agli Emmy nel 2022 rispetto al suo principale rivale, HBO, nonostante offra una programmazione più abbondante rispetto alla rete via cavo e alla sua derivazione in streaming, HBO Max.

Netflix azioni
Netflix azioni

HBO ha vinto 140 nomination contro le 105 di Netflix, un risultato che mette in evidenza la crescente difficoltà per le piattaforme di produrre continuamente contenuti attraenti per lo spettatore. Tutti i dati raccolti da aprile avevano messo in guardia Wall Street, dove le azioni Netflix hanno perso il 46% dal rapporto sugli utili del primo trimestre e quasi il 70% dall’inizio dell’anno. Il valore aggiornato dei titoli sarà noto questo mercoledì, nella prima sessione dopo la presentazione dei risultati.

La maggior parte degli analisti ha dato per scontata una perdita di abbonati per il secondo trimestre in linea con le previsioni di Netflix, nonostante il successo della quarta stagione di Stranger Things, secondo la compagnia la serie più giocata della sua storia. Gli esperti prevedono ulteriori difficoltà per il resto dell’anno, con ulteriori abbonati che probabilmente lasceranno il servizio una volta terminata l’ultima stagione della trasmissione popolare.

Il timore si basa sul presupposto che Netflix abbia raggiunto il picco nel numero di abbonati negli Stati Uniti e in Canada e che le sue previsioni iniziali di crescita nel resto del mondo siano state esagerate. Alcuni esperti riducono il mercato potenziale totale a 400 milioni di clienti in tutto il mondo, invece del miliardo previsto dall’azienda. 

I risultati ambivalenti del secondo trimestre, con relativa perdita di abbonati e contestualmente maggiori ricavi, rappresenteranno uno scenario incerto per la sperimentazione del nuovo livello di advertising, servizio che sarà promosso da Microsoft, anche se il timore persiste che l’introduzione di un’opzione di abbonamento più economica può cannibalizzare gli abbonamenti senza pubblicità.