Navalny, probabile trasferimento per il dissidente russo: “Lì strappano le unghie ai detenuti”

Navalny oggi ha riferito che sarà stato trasferito in una colonia di massima sicurezza a Melekhovo, dove sarebbe stata attrezzata per lui una “prigione all’interno di una prigione”.

Aleksei Navalny
Aleksei Navalny – NnoPress.it

Il leader dell’opposizione russa, oggi ha detto sui social network che sarà trasferito nella colonia di massima sicurezza di IK-6 a Melekhov. “La mia sentenza non è ancora entrata in vigore, ma i prigionieri della colonia di regime Melehovo scrivono che mi stanno preparando una ‘prigione in prigione’”.

Navalny non ha paura delle minacce di Putin

Il segretario stampa di Navalny, Kira Yarmysh, ha affermato che sebbene la tortura sia usata sui prigionieri in molte colonie russe, IK-6 è “un posto mostruoso anche per standard così folli”. E ha citato numerose testimonianze dei media sull’uso della tortura sui prigionieri nella colonia.

Il 22 marzo, il tribunale Lefortovo di Mosca ha condannato Navalny a nove anni di carcere per un nuovo caso di frode, e oltraggio ad un giudice. È stato anche multato di 1,2 milioni di rubli.

Navalny è stato condannato per frode, e condannato ad altri nove anni in un carcere di massima sicurezza a marzo, dopo aver già ricevuto una condanna a tre anni e otto mesi per “appropriazione indebita”, segnando quasi 13 anni di carcere in totale.

Navalny ha detto che vuole sostituire Putin, e dice che vincerebbe le elezioni se non fossero truccate, a favore del leader del Cremlino. A marzo, Navalny – che ha quasi perso la vita quando è stato avvelenato con il novichok – è stato condannato a nove anni di carcere a regime severo per “frode e oltraggio alla corte“.

Il giudice che lo aveva condannato era stato promosso da Vladimir Putin prima della sentenza. Navalny è considerato il nemico più carismatico di Putin e il leader russo si rifiuta persino di menzionare il suo nome. Avvocato, il politico dell’opposizione ha esposto senza sosta la presunta corruzione nella cerchia di Putin. 

Le torture atroci fatte in quella struttura

Putin
Putin – NanoPress.it

Nel suo ultimo discorso in tribunale, Navalny ha detto che il caso contro di lui è stato inventato. Si è espresso contro la guerra in Ucraina e ha promesso di “continuare a combattere le autorità”, dichiarando di aver paura “né dell’FSB, né delle armi chimiche, né di Putin”.  Lo scorso anno il media indipendente Mediazona, ha rivelato accuse di tortura sistematica e violenza sessuale nella struttura, nota come colonia correttiva n. 6.

Riguardo a questa struttura, dove probabilmente sarà destinato Navalny, un ex detenuto, Ivan Fomin, allora 29enne, ha affermato che il governatore della colonia, Roman Sahakyan, lo aveva costretto a rifiutare un avvocato con minacce.

Gli è stato detto che se non avesse collaborato ‘mi avrebbero violentato e legato le mie gambe e le mie mani da dietro. “Mi stendevo e loro mi picchiavano i tacchi e il sedere. Dopodiché, se non avessi confessato, mi hanno detto che mi avrebbero [stuprato] con un manico [di vanga] e poi me lo avrebbero messo in bocca”.

Fornin ha assistito a quello che hanno fatto ad un altro detenuto che è stato preso a pugni allo stomaco e picchiato con tubazioni sui talloni e sul sedere. Il prigioniero è stato quindi sodomizzato con le tubazioni, che in seguito gli sono state forzate in bocca, ha detto.