Navalny festeggia il compleanno guardando Putin in TV

Non ci sono tempi morti nella routine carceraria di Alexei Navalny. Quando non dorme, viene obbligato a svolgere compiti senza senso – come memorizzare il nome di ogni carceriere nella sua ala – o costretto a guardare la TV di stato russa e video di propaganda su Putin. 

Alexei Navalny
Alexei Navalny – NanoPress.it

Eppure, non passa un’ora in cui non stia pensando a come far cadere il presidente Putin e il suo regime, che ora sta conducendo una guerra in Ucraina. “La prigione sta cercando di metterlo sotto un notevole stress psicologico, ma non ha smesso di lavorare”, ha detto Maria Pevchikh, in effetti la donna braccio destro dell’avversario del Cremlino negli ultimi dieci anni.

Navalny in carcere non smette di fare propaganda anti Putin

“Ogni giorno esce con nuove idee e progetti, che ci assegna. Ci tiene molto occupati, ma come puoi dire di no a qualcuno che è probabilmente il prigioniero politico più famoso del mondo?” A Pokrov, una colonia penale fuori Mosca, dove è detenuto dal febbraio dello scorso anno, Navalny è sotto sorveglianza continua.

I compagni detenuti non possono parlargli e quelli che lo fanno vengono severamente rimproverati. Sorprendentemente, nonostante ciò, Navalny e il suo team sono stati in grado di far uscire di nascosto messaggi dal carcere, molti dei quali sono pubblicati sui suoi canali di social media e seguiti da milioni di persone.

I messaggi sono scritti a mano da Navalny e passati ai suoi avvocati, ha detto Pevchikh, anche se non ha rivelato come riescono a eludere l’attenzione della censura carceraria.Tra i progetti ideati da Pokrov c’è Popular Politics, un canale YouTube che racconta la guerra in Ucraina, gestito da Pevchikh.

Navalny in ospedale dopo l'avvelenamento
Navalny in ospedale dopo l’avvelenamento – NanoPress.it

YouTube non è stato bandito in Russia, a differenza di Instagram e Facebook, fornendo così una fonte di notizie indipendente per i russi. Popular Politics ha 1,3 milioni di iscritti. Dieci anni fa, Pevchikh, 34 anni, ha avuto una carriera ben retribuita nel settore finanziario lavorando in Russia, Londra e Bruxelles.

Più o meno nello stesso periodo, Navalny, che ieri ha compiuto 46 anni, si stava facendo un nome come attivista anticorruzione, irritando il Cremlino acquistando azioni di società controllate dallo stato per accedere ai rapporti finanziari e denunciare illeciti.

Quando Navalny ha lanciato una chiamata per cercare volontari contro il ‘dittatore’ Putin, Pevchikh ha lasciato il suo lavoro e si è unito a lui. Da allora, ha guidato l’unità investigativa della Fondazione Anticorruzione, istituita da Navalny nel 2011, e ha pubblicato rapporti che dettagliano la ricchezza rubata accumulata da Putin e dai suoi accoliti.

Nell’agosto 2020 Pevchikh era con Navalny su un volo da Tomsk a Mosca quando quet’ultimo è improvvisamente crollato, in agonia. Quando è stato portato in ospedale, Pevchikh ha raccolto le prove dalla sua camera d’albergo, che in seguito avrebbero dimostrato che era stato avvelenato con novichok.

9 anni ancora in carcere, e arrivano nuove accuse per il dissidente

Tornato in Russia nel gennaio 2021, Navalny è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per aver violato la libertà condizionale con vecchie accuse di frode. Nel marzo di quest’anno la sua pena detentiva è stata estesa a nove anni con l’accusa di appropriazione indebita.

Navalny e Putin
Navalny e Putin – NanoPress.it

Questa settimana gli sono state rivolte altre accuse, questa volta per aver creato un “gruppo estremista” e “incitamento all’odio”. Con una possibile condanna a 15 anni, sono le nuove accuse politiche mosse contro di lui.

“Siamo rimasti un po’ sorpresi dal fatto che lo abbiano fatto così rapidamente dopo la condanna per l’ultima serie di accuse”, ha detto Pevchikh, che vive tra Vilnius, la capitale della Lituania, e Londra. “Ma è possibile che siano arrabbiati per il fatto che sia ancora in grado di comunicare e vogliano mandarlo in qualche prigione in Siberia dove i contatti saranno interrotti.

Dopo la guerra, non c’è limite all’aggressione di Putin”. Ha detto che era anche possibile che Putin stesse rispondendo a una serie di indagini pubblicate dopo la guerra che rivelavano beni detenuti in Europa dal leader russo e dai suoi amici, incluso uno yacht da 560 milioni di sterline.

A seguito della segnalazione, il governo italiano si è mosso per impedire allo yacht, che si dice appartenga a Putin, di lasciare il cantiere navale in Toscana dove è attraccato. “Meglio faremo nell’esporre la criminalità dello stato russo, più dure saranno le conseguenze per Alexei, e sono certo che la sentenza sia collegata al nostro rapporto su Scheherazade [lo yacht legato a Putin]”, ha detto Pevchikh.

“Ma questo è il nostro lavoro. Dobbiamo dimostrare che imprigionare Alexei non risolve il problema per loro”. Non è d’accordo con l’idea – molto fantasticata in Occidente – che un giorno Putin sarà rovesciato dai suoi alleati, poiché hanno investito troppo nel regime e probabilmente non sopravviverebbero a nessuna transizione verso la democrazia.

Invece, Pevchikh crede che l’unico modo per cacciare l’autoritarismo dalla Russia sia attraverso proteste di massa non violente, il cui tipo ha posto fine all’Unione Sovietica. “La cosa più importante è che le persone perdano la loro paura“, ha detto.

Siamo riusciti a entrare in questa ridicola situazione in cui un uomo e alcuni suoi amici controllano l’esercito e i servizi di sicurezza. Ma noi, il popolo russo, siamo molto più forti di loro. È come uscire da un incubo. Quello che stiamo cercando di fare è aiutare le persone a svegliarsi”.