Nato, Stoltenberg: presto saremo 32 Paesi

La decisione arriva dopo un incontro a tre tra Ankara, Stoccolma ed Helsinki (Turchia, Svezia e Finlandia), sotto la mediazione del segretario generale della Nato.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

La Turchia ha revocato questo martedì a Madrid il suo veto alla candidatura di Svezia e Finlandia per entrare nella NATO. Dopo settimane di trattative, con Ankara che mantiene il blocco contro i Paesi nordici, nelle ultime ore si sono intensificati i contatti per sistemare la situazione al vertice di Madrid.

La Turcha da l’ok a Svezia e Finlandia per entrare nella Nato

La decisione della Turchia è arrivata dopo un incontro dei vertici dei tre Paesi, alla presenza nella capitale spagnola del Segretario Generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg. “Abbiamo raggiunto un accordo che apre la strada all’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato”, ha confermato Stoltenberg in apparizione subito dopo la firma di un memorandum tra il Paese alleato e i due candidati, che hanno firmato pubblicamente i ministri degli esteri dei tre stati.

Il documento firmato “risponde alle preoccupazioni della Turchia, comprese quelle relative all’esportazione di armi e alla lotta al terrorismo”, ha aggiunto il segretario generale dell’Alleanza, riferendosi alle due principali riluttanze di Ankara a dare il proprio assenso all’adesione di Stoccolma e Helsinki . “Presto saremo 32 [paesi alleati]”, ha assicurato.

La decisione, che invia un potente segnale politico alla Russia quattro mesi dopo l’invasione dell’Ucraina, apre la strada al nono allargamento della NATO. Questo mercoledì, secondo Stoltenberg, gli alleati prenderanno la decisione di invitare formalmente Svezia e Finlandia a diventare membri.

Infine, la decisione sul loro accesso dovrà essere approvata in tutte le capitali alleate. “Sono sicuro”, ha sottolineato, “che l’adesione di Svezia e Finlandia alla nostra alleanza è qualcosa che accadrà”. La strada da percorrere, in ogni caso, potrebbe essere ancora lunga e non priva di dossi. La revoca del veto turco è “solo su invito” che la NATO farà a Svezia e Finlandia, secondo una fonte della delegazione turca.

In questo modo questi paesi otterranno lo status di candidati, ma la Turchia si riserva il diritto di porre il veto all’ingresso definitivo di Finlandia e Svezia nel caso in cui non soddisfino i requisiti stabiliti da Ankara e inclusi nel memorandum. L’incontro tra i tre leader interessati è iniziato martedì a Madrid con i volti seri di tutte le delegazioni ed è durato più di due ore. Lo sblocco è arrivato nel tardo pomeriggio.

I 3 ministri degli Esteri hanno firmato un memorandum trilaterale

“A seguito di quell’incontro, i nostri ministri degli Esteri hanno firmato un memorandum trilaterale confermando che la Turchia sosterrà l’invito di Finlandia e Svezia a diventare membri della NATO al vertice di Madrid di questa settimana”, ha annunciato in una nota il presidente finlandese Sauli Niinistö , dopo aver firmato il documento. “Le fasi specifiche della nostra adesione alla NATO saranno concordate dagli alleati nei prossimi due giorni, ma quella decisione è già imminente”, ha precisato.

Joe Biden 1
Joe Biden – Nanopress.it

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha celebrato l’accordo in un tweet: “Congratulazioni a Finlandia, Svezia e Turchia per la firma di un memorandum trilaterale, un passo cruciale verso un invito NATO a Finlandia e Svezia, che rafforzerà la nostra Alleanza e rafforzerà la nostra sicurezza collettiva, e un ottimo modo per iniziare il Summit”.

Il documento firmato afferma che “Finlandia e Svezia non forniranno supporto [alle milizie curde] YPG / PYD [il loro braccio politico], e all’organizzazione descritta come FETÖ in Turchia [riferendosi all’organizzazione politica religiosa del predicatore islamista Fethullah Gülen, un ex alleato di Erdogan si è trasformato in un avversario e i cui membri sarebbero stati coinvolti nel tentativo di colpo di stato del 2016]”.

Nel testo, i due paesi candidati “confermano inoltre che il PKK [Partito dei lavoratori del Kurdistan] è un’organizzazione terroristica proscritta” ed entrambi si impegnano a “prevenire le loro attività”, aggiunge riferendosi al gruppo armato curdo che dal 1984 sostiene la lotta armata contro lo Stato turco che chiede maggiori diritti e autonomia per la popolazione curda della Turchia. Più di 45.000 persone, per lo più curde, sono morte nel conflitto.