Muore a 96 anni Delia Giovanola, una delle fondatrici delle Nonne di Plaza de Mayo

Delia Giovanola si era riunita nel 2015 con il nipote, nato in un centro di tortura della dittatura argentina, e aveva detto ai giornalisti presenti: “Sapete cosa significa volare come una libellula a 89 anni?”.

Delia Giovanola e suo nipote
Delia Giovanola e suo nipote – NanoPress.it

È così che ha ricordato il giorno in cui gli è stato detto che suo nipote, Martin, era dall’altra parte del telefono. Lo cercava da 39 anni insieme alle Nonne di Plaza de Mayo, l’organizzazione che, insieme ad altre 11 donne, aveva fondato nel bel mezzo della dittatura militare. “Le ragazze mi dicono ciao nonna. Sto vivendo un sogno”, si commosse quel pomeriggio di novembre.

Delia Giovanola era per tutti la ‘Nonna di Plaza de Mayo’

Ieri Delia Giovanola è morta all’età di 96 anni. Quando nel marzo del 1976 avvenne il colpo di stato militare, Delia Giovanola aveva 50 anni ed era insegnante. A ottobre apprese che una banda di polizia aveva rapito il suo unico figlio, Jorge Ogando, e sua nuora, Stella Maris Montesano, entrambi militanti del gruppo di guerriglia ERP.

La coppia ebbe una figlia nel 1971, che chiamarono Virgina, e aspettava un maschio quando i militari gettarono la donna nelle segrete di Banfield Pit. Il 5 dicembre 1976 nasce Martin, su un tavolo di lamiera situato nella cucina della stanza delle torture. Il bambino è stato dato in adozione. Nonna Giovanola venne a conoscenza dell’esistenza di Martín attraverso la testimonianza di un sopravvissuto al Banfield Well e dedicò la sua vita alla sua ricerca.

“Non avrei mai pensato che sarebbe durato per sempre. Ho pensato che da quando Stella era incinta di 8 mesi l’avrebbero liberata rapidamente. Non pensavo che sarebbe stato per sempre e mai più”, ha dichiarato Giovanola nel maggio dello scorso anno in un processo per crimini contro l’umanità. Ha detto ai giudici che la sua vita era “cambiata per sempre” quel giorno.

E si ricordò di come si era fatto carico della nipote Virginia, abbandonata dai repressori il giorno in cui i suoi genitori furono rapiti. Fin dal primo giorno la piccola Virginia ha partecipato ai concentramenti in Plaza de Mayo. “Non avevo nessuno con cui lasciarla, eravamo molto soli, suo padre era figlio unico. Ha giocato con i piccioni. Fino a quando non ha iniziato ad arrabbiarsi, i militari ci hanno minacciato con le armi e io ho smesso di portarla”.

“Le Malvinas sono argentine, anche gli scomparsi”

Delia Giovanola si recò in Plaza de Mayo per incontrare altre donne che cercavano i loro figli. Proprio lì è nato il comitato Abuelas, composto da coloro che sapevano che era possibile anche che ci fosse un nipote nato in cattività. “Sono nata da madre per essere nonna”, ha detto durante un incontro al Museo della Memoria. “Non c’era modo di cercare un bambino, non c’era un percorso da seguire”.

Alberto Fernández
Alberto Fernández – NnoPress.it

“Automaticamente troviamo un gruppo di mamme e nonne che cercano i propri figli e nipoti. Non ci conoscevamo, né sapevamo come. Scambiando idee, provando e sbagliando molte volte andiamo avanti”, ha detto. Giovanola ha fatto notizia in tutto il mondo durante la guerra delle Falkland nel 1982. Durante un giro in Plaza de Mayo, un giornalista straniero le ha scattato una foto con in mano un pezzo di carta con la scritta “Le Malvinas sono argentine, anche gli scomparsi”.

Per un attimo aveva infranto la barriera dell’informazione della dittatura. “La città di Buenos Aires è stata tappezzata di adesivi che dicevano ‘I Malvinas sono argentini’ e ‘Gli argentini hanno dei diritti e sono esseri umani’. Era così indignato vedere la città così e che nessuno parlava delle mamme e delle nonne, che erano lì da sei anni girando per la piazza, che tornai a casa e con rabbia scrissi su un pezzo di cartone: ‘Le Malvinas sono argentine, anche gli scomparsi”, ha detto Delia a proposito di quella foto emblematica.

Quando sua nipote Virginia compì 18 anni, si unì alla ricerca di Martin. Ha scritto otto lettere al fratello scomparso che mostrano il suo crepacuore, fino a quando nel 2011 è caduto in depressione e si è suicidato. Mancavano solo quattro anni alla fine della ricerca. Martín viveva negli Stati Uniti e aveva aspettato la morte dei suoi genitori adottivi per avvicinarsi ad Abuelas e sottoporsi a un test del DNA.

Lo aspettava Delia Giovanola. Abuelas de Plaza de Mayo ha salutato oggi uno dei suoi fondatori con una lunga dichiarazione: “Pieno di vitalità ed entusiasmo fino all’ultimo respiro, aggraziato, ironico, spontaneo, con ferme convinzioni, illustre vicino di San Martín, Delia ha ripetuto: ´La vita mi ha dato e mi ha tolto, mi ha punito ma ero felice’. Ancora non ci rendiamo conto che non c’è più, ma il vuoto che si avverte è enorme. Addio, cara Delia!”.