Milano spiegata ai turisti di Expo 2015

Duomo Milano bianco e nero

Fra poche settimane Milano accoglierà Expo 2015. Milioni di persone da tutto il mondo si riverseranno nel capoluogo lombardo. Milioni di persone che mangeranno, faranno compere, si sposteranno qui e lì per assaporare la vita della più moderna metropoli italiana. I milanesi, anche quelli d’adozione, sono inorgogliti dalla modernità della città. Soprattutto perché la paragonano a quella delle altre città italiane. Purtroppo però per mobilità, organizzazione e molti altri fattori Milano impallidisce rispetto ad altre capitali europee. Ecco cosa rispondere ai nostri amici stranieri che ci sommergeranno di domande su Milano.

Perché la città è così bella che i milanesi preferiscono attraversarla in tram o in autobus. E’ una sorta di giro turistico quotidiano.

Perché Milano sta cercando di gemellarsi con Sana’a, la capitale dello Yemen.

Perché i milanesi sono cultori della modernità. Ci piace costruire continuamente palazzi nuovi. “Il cemento armato è poesia” [CIT.]

Per permettere ai turisti di ammirare il panorama della Pianura Padana.

Per permettere ai pendolari di socializzare mentre aspettano sulla banchina. Noi italiani amiamo fare amicizia.

Non sono rom, sono operatori della metropolitana in stage che aiutano i viaggiatori a fare i biglietti. In cambio del portafoglio.

Prossima domanda?

Perché ai milanesi non piace ostentare la propria eleganza, la riservano per le grandi occasioni.

Perché lì c’è il Po. Se vuoi navigare usa il fiume.

Perché kebab, piadine, arancine e panzerotti sono stati originariamente inventati a Milano, solo che non lo sa nessuno.

Perché il suo proprietario è un politico che vuole spingere la gente a preoccuparsi dei problemi reali della società.

Non sono zanzare, si tratta di droni adibiti al prelievo di sangue porta a porta dall’Assessorato alla Salute.

Perché la lontananza rafforza l’amore.

I semafori sono intelligenti. E’ che certi automobilisti sono teste di minchia.

Perché la settimana è corta e il we è anche più corto e quindi accorciare le parole viene sponta. E’ una cosa che s’imapara dopo l’uni, quando si inizia a lavorare e resta poco tempo per gli ape e per la disco. Se non lo capisci non fa niente, vai tra.

I milanesi fanno briefing, danno feedback asap fyi, fanno brainstorming e mandano recap perché sono in un mood very very confident.

Perché i milanesi ci tengono a non sprecare il cibo. Per cui quando cenano in un locale apprezzano gli avanzi della sera prima, sotto forma di frittata o polpette.

Parole di Maurodi

Da non perdere