Mike Pence il 6 gennaio ha rischiato di essere impiccato dalla folla

Il ruolo di Mike Pence, subitto dope quello di Donald Trump, giovedì è stato discusso davanti al comitato investigativo nell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti.

Mike Pence
Mike Pence – NanoPress.it

Testimoni hanno riferito di come Trump abbia prima messo sotto pressione il suo vice e poi sia stato deluso per non averlo assecondato. Secondo gli ex consiglieri dell’amministrazione, i tentativi dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump di sollecitare il suo vice Mike Pence a bloccare il riconoscimento, da parte del Congresso, della vittoria elettorale di Biden erano illegali.

Donald Trump voleva la ‘testa’ di Mike Pence

Il consigliere di Pence all’epoca, Greg Jacob, ha detto in un’audizione nel comitato investigativo sull’attacco al Campidoglio, che un’analisi approfondita all’epoca ha rivelato che “non c’erano basi ragionevoli per concludere che il vicepresidente comunque avrebbe avuto questa autorità”.

Il giudice in pensione Michael Luttig, che ha anche consigliato Pence sulla questione, ha affermato che se Pence avesse ascoltato la chiamata di Trump in quel momento, avrebbe di fatto precipitato l’America in una “rivoluzione” e in una “crisi costituzionale“. Trump ancora afferma senza alcuna prova, di essere stato privato della vittoria alle elezioni presidenziali del 2020 per frode elettorale.

Per settimane, il repubblicano ha cercato di utilizzare i metodi più discutibili per ribaltare successivamente la vittoria elettorale del democratico Joe Biden. La resistenza all’esito delle elezioni è culminata nell’attacco al Campidoglio, su cui sta lavorando la commissione investigativa del Congresso. I sostenitori di Trump hanno preso d’assalto la sede del parlamento a Washington il 6 gennaio 2021.

Il Congresso degli Stati Uniti si era riunito lì per confermare formalmente la vittoria elettorale di Biden. La folla violenta voleva impedirlo. Diverse persone sono morte nell’attacco. A quel tempo, Pence presiedeva la sessione del congresso nel suo ruolo di vicepresidente, un compito legalmente puramente cerimoniale.

Trump in precedenza aveva chiesto apertamente al suo vice di bloccare la procedura. Quindi Pence avrebe dovuto aiutarlo a bloccare la investitura di Biden per poi far diventare di nuovo Trump presidente. Greg Jacob ha descritto come Pence, contro il parere delle sue forze di sicurezza, si sia rifiutato di lasciare il complesso nonostante lo scoppio della violenza nella sede del Congresso.

Pence ha avuto il coraggio di rimanere in Campidoglio quel giorno

Pence “non voleva che il mondo vedesse il vicepresidente degli Stati Uniti fuggire dal Campidoglio degli Stati Uniti”, ha detto Jacob, che era con Pence in quel momento. Il suo capo era determinato a completare la certificazione dei risultati delle elezioni presidenziali. Egli vedeva come un “dovere costituzionale” porre fine a tutto questo.

Trump
Trump – NanoPress.it

Pence rimase quindi per ore in un luogo sicuro nel Campidoglio e da lì poi tornò nella sala del Senato. Jacob ha sottolineato che gli autori della Costituzione degli Stati Uniti non avevano affatto inteso che un vicepresidente in carica, che avrebbe anche potuto candidarsi per la rielezione, potesse invertire l’esito delle elezioni.

Inoltre, i repubblicani non vorrebbero mai che il vicepresidente di Biden, Kamala Harris, avesse quel potere se un repubblicano vincesse le elezioni del 2024. Il comitato ha mostrato di nuovo le registrazioni video di precedenti interviste ai testimoni, in cui i consiglieri di Trump all’epoca avevano respinto la teoria secondo cui Pence avrebbe potuto trasformare la sconfitta elettorale di Trump durante la procedura formale al Congresso.

L’ex procuratore della Casa Bianca di Trump, Eric Herschmann, ha definito la teoria “completamente folle”. All’epoca disse a uno dei consiglieri di Trump – John Eastman, che promosse questa idea – “Sei matto?” Poco prima dell’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti, Trump aveva nuovamente incitato i suoi sostenitori ad una manifestazione, dicendo che gli era stata rubata la vittoria elettorale.

Trump aveva anche incitato esplicitamente i suoi sostenitori contro Pence. Durante l’assalto stavano cercando nell’edificio il vicepresidente, che chiamavano traditore e minacciavano di impiccarlo perché non aveva impedito la conferma di Biden.

Il presidente della commissario dell‘inchiesta, il democratico Bennie Thompson, ha reso omaggio alla posizione di Pence. “Ha resistito alla pressione”, ha detto Thompson. «Sapeva che era illegale. Sapeva che era sbagliato”. Il paese può considerarsi fortunato che l’allora vicepresidente sia stato così coraggioso. “Quel coraggio lo ha messo in grave pericolo”. Thompson ha avvertito: “Il 6 gennaio, la democrazia è arrivata pericolosamente vicina alla catastrofe.