Usa, investito da un camion mentre raccoglie fondi per la nipote malata: Jean Pierre Petit non ce l’ha fatta

L’uomo morto in bici è stato investito a metà del tragitto che aveva intrapreso per raccogliere fondi per la nipote malata.

Ciclista
Ciclista – Nanopress.it

L’incidente è avvenuto in South Dakota e il ciclista, Jean Pierre Petit, è morto a causa dell’impatto con un camion.

Uomo morto in bici per amore della nipote

A causa di un violentissimo impatto con un camion, l’uomo che percorreva la strada Interstatale 29, in direzione sud, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Sioux Falls dove purtroppo, per le gravi condizioni, è morto 4 giorni dopo.

Jean Pierre Petit aveva programmato il viaggio nei minimi dettagli per una nobile causa, raccogliere i fondi necessari per il trapianto di reni che serviva per salvare la nipote affetta da una malattia molto rara.

A metà strada l’uomo non ce l’ha fatta, a causa di un violento incidente che ha causato la sua morte.

Il figlio del ciclista ha dato la triste notizia, riferendo che il padre non ce l’ha fatta a terminare la sua attraversata di 1.350 chilometri da Winnipeg a Hot Springs.

Strada
Strada – Nanopress.it

In molti seguivano il viaggio  sulla sua pagina Facebook dedicata, dove aggiornava costantemente gli interessati. Il figlio ha informato queste persone, proprio tramite il social, che il viaggio intitolato Cycle4Eveline è terminato in questo modo davvero tragico.

Jean Pierre si faceva chiamare JP ed era un padre amorevole ma anche un dolce nonno, un buon marito e ovviamente un grande eroe proprio per il bellissimo gesto che aveva ideato.

L’incidente

Jean Pierre Petit è morto il 9 giugno mentre era arrivato a circa metà della sua impresa e stava percorrendo l’Interstatale 29, a 17 chilometri a nord di Brookings, un piccolo centro del sud Dakota.

Mentre si trovava sulla corsia d’emergenza, un camion diretto nella stessa direzione lo ha investito, scaraventandolo a diversi metri di distanza e causando gravissime ferite su tutto il corpo.

Il trasporto in ospedale con l’ambulanza è stato tempestivo e in un primo momento è stato curato all’ospedale di Brookings, mentre in seguito, per l’aggravarsi delle condizioni, è stato trasferito nella struttura di Sioux Falls dove è deceduto il 13 giugno.

Sono ancora in corso le indagini per ricostruire la dinamica dell’incidente, ad ogni modo molti ricorderanno la bellissima impresa di Jean Pierre, morto per una causa importantissima.

Il viaggio è stato bruscamente interrotto nel peggiore dei modi, quando mancavano 650 chilometri al termine, nel frattempo i soldi raccolti sono circa 17mila dollari.

Nei post del figlio su Facebook viene espresso il dolore per la morte di un padre così generoso e amoroso che oltre alla nipote Eveline, salverà anche altre persone, infatti i suoi organi sono stati trapiantati.