Migranti a Lampedusa: trasferiti in altri centri per liberare l’isola

Una situazione che va lentamente migliorando a Lampedusa, dove l’hotspot d’accoglienza dei migranti si sta piano piano svuotando, dopo i numerosi arrivi dei giorni scorsi. Verranno trasferiti sia in Sicilia che altrove.

Migranti trasferiti
Migranti trasferiti – Nanopress.it

870 migranti hanno, già ieri, lasciato l’isola. Oggi anche Matteo Salvini è atteso sull’isola.

Migranti Lampedusa: urge sfollare l’hotspot

L’estate è sempre stato il momento propizio per l’arrivo di tanti migranti sulle nostre coste. Il mare calmo e tranquillo permette le traversate senza alcun tipo di problema. Ma i problemi stessi iniziano una volta che si è arrivati nelle vicinanze della costa perché, lì, si attende di esser salvati o accolti dallo Stato straniero.

Questo è quello che accade, quasi sempre, a Lampedusa e sulle coste siciliane perché sono quelle più vicine ai porti africani, da dove partono le navi e i barchini carichi di disperati che cercano, in Europa, una vita migliore.

Ma l’hotspot non sempre può accogliere tutti e, specie quello di Lampedusa, davanti ad una capienza massima di 350 posti, è arrivato a contenerne anche quasi e più di 1000. Da ieri, infatti, sono iniziati i trasferimenti, in Sicilia e in altre Regioni disposte ad accoglierli, dei migranti.

Grazie alla nave “Diciotti” della Guardia Costiera e ad alcuni traghetti, 870 migranti hanno lasciato Lampedusa e l’hotspot.

Ma non basta perché ce ne sono ancora 809 in attesa di un’altra destinazione, proprio per far spazio e far tornare alla normalità il luogo di prima accoglienza dell’isola stessa.

Folla all'hotspot di Lampedusa
Folla all’hotspot di Lampedusa – Nanopress.it

I trasferimenti in altri centri di accoglienza

Nel piano proposto dalla Prefettura di Agrigento, 150 migranti saranno trasferiti a Porto Empedocle con un traghetto, scortato dai Carabinieri. Altri 50 migranti, invece, verranno portati a Pozzallo, scortati dalla Guardia di Finanza e altri 50 ad Agrigento, con l’aiuto della Guardia Costiera invece.

Non soltanto trasferimento di migranti, ma anche la necessità di liberare il porto dell’isola stessa dalle tante navi e barchini di fortuna con le quali i migranti arrivano sulle coste italiane. Con l’aiuto di un’autogru, infatti, tutte le imbarcazioni sono state posizionate e caricate su un camion e portate altrove, lontane dal porto.

Successivamente, saranno messe in campo operazioni di pulizia del porto e di messa in sicurezza. Accanto ad una giornata di lavoro, di trasferimento e di messa in sicurezza dei migranti stessi, per dare loro condizioni di vita più dignitose ed umane, rispetto all’affollamento all’interno dell’hotspot, oggi è atteso sull’isola siciliana di Lampedusa anche l’arrivo del senatore e leader della Lega, Matteo Salvini, in visita in questi luoghi.