Meta, Mark Zuckerberg pronto a dimettersi? La notizia è falsa

Meta: al contrario di quanto trapelato, Mark Zuckerberg non intende dimettersi. La conferma da un responsabile delle comunicazioni.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg – Nanopress.it

L’amministratore delegato di Meta, Mark Zuckerberg, non intende dimettersi, secondo quanto riferito da un responsabile delle comunicazioni dell’azienda, respingendo le voci di un possibile allontanamento dall’azienda. “Non è vero“, ha detto su Twitter, Andy Stone, responsabile della comunicazione di Meta, società madre di Facebook e Instagram.

Meta: Mark Zuckerberg non si dimette

Un articolo pubblicato martedì sul sito The Leak riportava voci secondo cui Mark Zuckerberg avrebbe deciso di lasciare il suo incarico alla guida di Meta e che le sue dimissioni sarebbero entrate in vigore il prossimo anno. Secondo i media, questa decisione non influirà sul Metaverso, il progetto di realtà virtuale a cui sta lavorando il miliardario 38enne.

Le voci di un potenziale abbandono della sua carica sono iniziate a circolare dopo che il fondatore di Facebook ha perso 11,2 miliardi di dollari lo scorso ottobre.

Il prezzo delle azioni di Meta ha perso – in particolare – più di 30 dollari in una singola sessione, passando da quasi 130 dollari a circa 98 dollari tra il 26 e il 27 ottobre. Bisogna notare che il titolo di Meta ha iniziato l’anno con un valore superiore a 330 dollari e da allora è in calo.

logo Meta
Logo Meta-Nanopress.it

I licenziamenti in azienda

Come molte delle sue controparti tecnologiche, Meta ha effettuato massicci licenziamenti mercoledì 9 novembre. Degli 80.000 dipendenti del gruppo, 11.000 sono stati informati via e-mail del loro licenziamento.

Meta ha licenziato allo stesso modo di altri giganti della tecnologia (Uber, Twitter, ecc.). I dipendenti sono stati avvisati, nella stessa mattinata, via mail, che non avrebbero più avuto accesso al proprio computer e al proprio sistema di messaggistica durante la giornata.

I dipendenti licenziati non hanno potuto nemmeno salutare i loro colleghi con i quali a volte avevano lavorato per diversi anni. Gary Yuen, Product Manager di Facebook, era uno di loro e ha svelato il dietro le quinte di questo licenziamento.

Per Meta, sono soprattutto i suoi investimenti nel metaverso a preoccupare gli investitori. Va detto che il gruppo contava 500.000 utenti attivi al mese. Adesso ce ne sono la metà. Peggio ancora, Horizon Worlds non trattiene le persone che lo provano. Questi ultimi molto spesso abbandonano l’universo virtuale dopo un mese.

Risultato di questa situazione? Il calo dell’azione di Meta. In un anno la valutazione del gruppo è scesa del 65,68%. L’azienda vale oggi 310 miliardi di dollari. Una conseguenza di ciò è la discesa di Mark Zuckerberg nella classifica degli uomini più ricchi del mondo.

L’imprenditore detiene, infatti, un numero significativo di azioni Meta. In un anno, la sua fortuna è diminuita di 81 miliardi di dollari. La sua ricchezza ammonterebbe, secondo Bloomberg, a 44,5 miliardi di dollari.