Meta e Netflix si preparano ad una recessione economica

Le grandi aziende tecnologiche come Meta e Netflix si preparano piani di aggiustamento di fronte ai timori di una recessione.

Personaggi Squid Game
Personaggi Squid Game – Nanopress.it

Meta prevede di ridurre del 30% i piani di assunzione di ingegneri, e Netflix ha licenziato 450 dipendenti tra maggio e giugno. Con l’aumento dei timori di recessione, i prezzi che continuano a salire e le ricadute della pandemia che continuano a farsi sentire, molte aziende tecnologiche sono costrette a ripensare alle proprie esigenze di personale.

Meta e Netflix licenziano e bloccano le assunzioni

In attesa di pubblicare i loro resoconti trimestrali sugli utili, alcuni hanno annunciato che rinvieranno i piani di assunzione e ridurranno le offerte di lavoro, sapendo che l’autunno sarà ricco di difficoltà.

“Non c’è dubbio che le aziende spenderanno meno e taglieranno i budget. Niente di tutto ciò è una buona notizia per il prossimo trimestre”, ha affermato Paul Verna, analista di Insider Intelligence, una società di ricerche di mercato. Il settore è in difficoltà da mesi. Ad aprile, il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, aveva già avvertito che il boom che la tecnologia aveva vissuto durante la pandemia sarebbe presto giunto al termine.

All’inizio dell’anno, Apple ha perso lo status di azienda più preziosa al mondo, il che ha contribuito a un forte calo dell’indice Nasdaq Composite, che ad aprile è crollato del 13%. La scorsa settimana, il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha pubblicato i dati sull’indice dei prezzi al consumo di giugno, che, in aumento del 9,1%, ha segnato un altro record negli ultimi 40 anni.

Alcuni numeri che hanno superato le previsioni degli esperti e che hanno messo più pressione sulla Federal Reserve per aumentare più rapidamente i tassi di interesse e quindi inasprire la sua politica monetaria. L’azione più aggressiva della banca centrale statunitense alimenta il timore degli investitori che il deterioramento economico si verificherà più rapidamente del previsto e li spinge a spostare le proprie azioni in aree più sicure del mercato.

Di fronte all’incertezza, le aziende si mettono al riparo e ripensano alle proprie priorità per non perdere competitività. Alphabet, la società madre di Google, sta rallentando i suoi sforzi di reclutamento. Secondo una nota interna raccolta da Bloomberg, il CEO Sundar Pichai ha detto ai dipendenti che, sebbene la società abbia aggiunto 10.000 dipendenti nel secondo trimestre, rallenterà il ritmo delle assunzioni per il resto dell’anno e darà la priorità ai talenti tecnici e ingegneristici.

“Come tutte le aziende, non siamo immuni dai venti contrari”, ha affermato. Il gigante della ricerca aveva quasi 164.000 dipendenti alla fine di marzo. Sulla stessa linea, Apple prevede di limitare le assunzioni e la spesa in alcune divisioni il prossimo anno per far fronte al rallentamento economico. L’exchange di criptovalute Coinbase ha annunciato a giugno che avrebbe licenziato circa il 18% della sua forza lavoro e revocato le offerte di lavoro.

“Stiamo entrando in una recessione dopo un boom economico di oltre 10 anni”

“Sembra che stiamo entrando in una recessione dopo un boom economico di oltre 10 anni. Sebbene sia difficile prevedere l’economia o i mercati, pianifichiamo sempre il peggio in modo da poter gestire l’attività in qualsiasi ambiente”, ha affermato il CEO Brian Armstrong sul blog Coinbase. Tesla ha anche informato i suoi lavoratori che prevede di licenziare il 10% della sua forza lavoro e Meta prevede di ridurre del 30% i piani di assunzione di ingegneria, secondo Reuters.

Multinazionale Meta
Multinazionale Meta – Nanopress.it

“Se dovessi scommettere, direi che questa potrebbe essere una delle peggiori recessioni che abbiamo visto nella storia recente”, ha detto ai dipendenti l’amministratore delegato dell’azienda Mark Zuckerberg durante una sessione settimanale di domande e risposte a cui l’agenzia di stampa ha avuto accesso. Nel 2021, la società di Facebook ha annunciato uno spostamento della propria attività dai social network alla realtà virtuale.

Inoltre, sta lottando per rinnovare i suoi contenuti e fidelizzare gli utenti, in particolare i più giovani, poiché migrano sempre più verso concorrenti come TikTok.Licenziamenti su Netflix I servizi multimediali, dopo aver beneficiato durante il lockdown, stanno già affrontando un rallentamento della loro espansione, con inevitabili conseguenze. Netflix ha effettuato diversi round di licenziamenti da quando ha segnalato la perdita di 200.000 abbonati nel primo trimestre.

Ad aprile, ha iniziato a chiudere alcune iniziative di marketing, quindi ha licenziato 150 dipendenti a maggio e 300 a giugno, riferisce Bloomberg. Spotify, da parte sua, sta tagliando la crescita dei dipendenti di circa il 25% per adeguarsi ai fattori macroeconomici, ha affermato il CEO Daniel Ek in una nota allo staff il mese scorso. Brutte notizie che, oltre a deludere i neolaureati in cerca di lavoro, potrebbero nuocere al prestigio delle grandi aziende tecnologiche.

“Sebbene le aziende possano risparmiare un po’ di soldi nel breve termine, rischiano un danno reputazionale potenzialmente catastrofico”, ha detto a Reuters Brian Kropp, illustre vicepresidente della pratica delle risorse umane presso la società di consulenza Gartner.