Messico: scandali e corruzione, dopo 80 anni al potere il PRI si spegne

Il partito storico che ha dominato la vita politica del Messico per quasi ottant’anni sta morendo impantanato nelle polemiche della sua ultima generazione di politici.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador – NanoPress.it

C’è stato un tempo in cui il PRI, il partito che ha governato il Messico per quasi 80 anni, partecipava sll’Internazionale socialista e al Forum di Davos con molta sicurezza e autorevolezza. Un tempo, fino agli anni Novanta, in cui vinceva le elezioni a man bassa, il PRI dominò il Congresso, la Giustizia, gli Stati e la politica internazionale in America Latina.

In Messico finisce un’epoca

Era un’epoca nel XX secolo in cui un quinto dei messicani, attualmente 120 milioni di abitanti, erano membri o militanti del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI). Anni della Guerra Fredda, in cui il peronismo in Argentina o l’Apra in Perù erano apprendisti di un movimento politico, paragonabile solo per dimensioni e durata al Partito Comunista Cinese o all’Unione Sovietica.

Molti decenni in cui lo Stato, il partito e la società civile erano così uniti fisicamente ed emotivamente che i colori del PRI, verde, bianco e rosso, erano gli stessi della bandiera nazionale. Tutto ciò è stato sgonfiante per l’inefficienza, l’arrivo della democrazia e una lunga lista di scandali e di corruzione come quelli che stanno scuotendo di nuovo il partito. Nell’ultima settimana, l’ex presidente, Enrique Peña Nieto, e l’attuale leader del partito, Alejandro (Alito) Moreno, hanno dovuto dare spiegazioni sui loro arricchimenti illeciti.

A pochi giorni di distanza, la Procura del Messico ha annunciato che sta indagando su Peña Nieto, presidente dal 2012 al 2018, a causa di un “progetto” di trasferimento internazionale che gli ha permesso di ricevere poco più di 1,2 milioni di euro. L’annuncio ha coinciso con la rivelazione dsu come il suo avvocato, Juan Collado, ha acquistato un appartamento di lusso al Four Seasons di Madrid mentre era indagato per riciclaggio di denaro.

Peggio per Moreno, l’attuale presidente del Pri, indagato per riciclaggio, evasione fiscale, appropriazione indebita, abuso di autorità e uso improprio dei poteri, dopo che si è scoperto che possiede almeno 23 case. Il 47enne ex governatore di Campeche, che ha raggiunto la vetta del partito nel 2019 promettendo rinnovamento e facendo innamorare di nuovo i più poveri del Messico, è apparso questa settimana su tutti i media sfoggiando la sua Lamborghini gialla.

L’auto sportiva era parcheggiata all’interno di una delle sue case, quella con un campo da calcio, diverse piscine e una cuccia climatizzata. Alla più recente debacle elettorale, in cui ha perso le roccaforti di Oaxaca e Hidalgo, si aggiungono gli scandali che trascinano un partito in declino, senza presidente, senza ideologia, odiato dentro e fuori e con i suoi dirigenti che danno spiegazioni umilianti sul loro eredità.

Tradizionalmente, la vecchia leadership del PRI era stata riconosciuta per la sua capacità politica di gestire con la stessa facilità rapine, doppi standard e ambiguità ideologiche. Tutte le famiglie politiche del paese provengono dai quadri del PRI, tranne il conservatore PAN e il giovane Movimiento Ciudadano, che emula Ciudadanos, e dalle sue fila provengono dal presidente López Obrador, dal ministro degli Esteri Marcelo Ebrard o dal presidente del Senato, Ricardo Monreal, tra gli altri.

La sua capacità di sfruttare l’entusiasmo nazionalista con le risorse pubbliche ha inaugurato una generazione di tecnocrati che è salito al potere a 40 anni, e l’ha arricchito a tempo di record grazie a riqualificazioni e tangenti da parte delle imprese di costruzione.

Il potere ha logorato chi lo ha avuto

L’intelligenza perversa del vecchio PRI ha dato vita a volgari ostentazioni sui social network. Nato nel 1929 dalle ceneri della Rivoluzione dopo un patto tra le correnti di Zapata, Villa e Carranza, la reinvenzione del PRI avvenne con Lázaro Cárdenas (1934-1940) e Miguel Alemán (1946-1952), il primo presidente civile.

Enrique Peña Nieto
Enrique Peña Nieto – NanoPress.it

Da allora è cresciuto come un leviatano particolare, un partito di massa in stile socialista che ha finito per imitare lo Stato in un sistema autoritario e corporativo – tradizionalmente riuniva sindacati e padroni, contadini e uomini d’affari – perfezionato per più oltre 70 anni ininterrotti al potere, fino all’anno 2000, con l’ascesa al potere di Vicente Fox.

Nel 2012, Enrique Peña Nieto ha vinto le elezioni e nel 2018 ha trasferito il potere a López Obrador con un triste equilibrio impantanato nella corruzione. Secondo lo storico Lorenzo Meyer, “Il PRI è nato con il potere nelle sue mani ed è come un bambino a cui sono stati dati tutti i doni dalla culla. Tra questi, il dono di non dover lottare per le elezioni.

“E chi gli ha fatto quei doni?”, si chiede Meyer, “le élite rivoluzionarie che si impongono sugli altri cacicchi dopo la rivoluzione e l’esercito”. Secondo il professore emerito del Colegio de México, “il PRI si è sgonfiato a causa della corruzione e della perdita della capacità di controllo dell’economia. Allo stesso tempo, la Guerra Fredda è finita e gli Stati Uniti hanno smesso di essere interessati a sostenere un Paese che era stato importante perché non era né fascista né comunista”, spiega.

Sebbene il PRI in Messico abbia fatto di tutto per scavare la sua tomba, il governo di López Obrador ha fornito la pala. Il partito del presidente, Morena, è la mano che manda in onda in televisione le denunce di arricchimento contro la dirigenza Pri. La governatrice di Campeche, Layda Sansores, mostra ogni settimana nuove conversazioni private con Moreno o immagini delle sue dimore nel suo programma televisivo. Da parte sua, Moreno attribuisce gli attacchi alla vendetta del partito al potere, poiché il suo partito si è opposto alla riforma dell’elettricità, una delle promesse stellari di López Obrador.

Questa settimana si è seduto accanto al presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, in Svizzera, dove si è recato per denunciare la persecuzione che sta vivendo durante il Consiglio dell’Internazionale socialista tenutosi a Ginevra, e molti dubitano del suo ritorno nel Paese . Una situazione simile sta vivendo l’ultimo candidato a destra, Ricardo Anaya, che si difende dall’esilio dalle accuse di corruzione.

Mentre questo sta accadendo, la strada sembra spianata per Morena, che affronterà le elezioni presidenziali tra due anni senza nessuno ad oscurarla, né a destra né a sinistra. Una sottile strategia per annientare gli avversari che ricorda l’autoritarismo del vecchio PRI degli anni ’70, secondo Labastida.

López Obrador incarna quel modello che concentra il potere nella figura presidenziale, che non ammette dissidenza e che fa la gestione elettorale dei programmi sociali”, afferma l’ex candidato alla presidenza. Mentre per alcuni il PRI muore un po’ di più, ogni giorno per altri, l’attuale presidente incarna il vecchio detto che “il PRI non si crea né si distrugge, si trasforma solo”.