Messico: Obrador fa visita a Biden sullo sfondo del dramma dei migranti

Il presidente del Messico Obrador è protagonista di una tanto attesa visita di lavoro a Washington da Biden, dopo aver snobbato il Summit delle Americhe di giugno.

Manuel López Obrador
Manuel López Obrador – NanoPress.it

Due anni dopo, López Obrador, il presidente del Messico, torna alla Casa Bianca. Il presidente messicano si recherà negli Stati Uniti per incontrare martedì mattina Joe Biden e il vicepresidente Kamala Harris. L’ultima volta che è stato a Washington è stato su invito di Donald Trump, con il quale ha avuto una grande sincronia contro ogni previsione. Il suo ritorno allo studio ovale sarà in condizioni ben diverse, dal momento che il rapporto bilaterale ha accumulato mesi di tensioni.

Due anni dopo, López Obrador, il presidente del Messico, torna alla Casa Bianca

L’incontro è preceduto dall’affronto del capo dell’Esecutivo messicano al Summit delle Americhe, un incontro regionale il cui tema centrale, e preoccupazione comune, era la migrazione. Il leader messicano è stato il grande assente a Los Angeles in un momento in cui il suo Paese ha spodestato l’America Centrale come principale espulsore di popolazione del nord. Questi migrano in modo pericoloso, come rivela la tragedia di San Antonio, dove 53 persone sono state trovate morte all’interno di una roulotte. 26 erano messicani.

La migrazione sarà un problema inevitabile tra i due partner. Le stime indicano che gli Stati Uniti raggiungeranno i due milioni di arresti al confine a settembre, una cifra che supererà gli 1,7 milioni che hanno battuto i record di immigrazione nel 2021. Il Summit tenutosi a giugno ha definito una roadmap regionale che mira a scoraggiare l’uscita dai paesi di origine basato su investimenti per lo sviluppo e facilitando il ritorno dei migranti.

Questo è stato l’asse dei negoziati tra l’amministrazione Biden e López Obrador, che di recente si è detto interessato anche a mettere sul tavolo la proposta di un piano comune per far fronte all’inflazione che sta stringendo entrambe le economie. Anche il Messico arriva a Washington con una vecchia richiesta, che gli Usa amplino il numero dei visti per i lavoratori temporanei messicani e centroamericani in base alle esigenze del proprio mercato del lavoro.

Gli esperti sono scettici sulla possibilità di successo di questa iniziativa in un rapporto che ha sempre avuto un carattere transazionale. “Al massimo si può ottenere qualcosa di marginale in una sezione molto specifica. Nel settore dei servizi, ad esempio, dove c’è molto da offrire, è necessaria una certa specializzazione, come parlare bene la lingua”, afferma Víctor Esparza, presidente del Colegio de la Frontera Norte.

Il Dipartimento per la sicurezza interna e il Dipartimento del lavoro hanno annunciato un paio di mesi fa 35.000 visti di questo tipo per la seconda metà dell’anno. Una previsione che sembra testimoniale in relazione ai 239mila migranti irregolari entrati a maggio. Il pragmatismo è stato la chiave dell’accordo di Trump con López Obrador, il cui accordo implicito ha ridotto un’agenda complessa al controllo del commercio e dell’immigrazione.

La questione dell’immigrazione sarà al cento delle elezioni USA di mid-term

La finestra del pragmatismo sembra chiudersi per i Democratici, che rischiano di perdere il Congresso alle elezioni legislative di novembre. I sondaggi indicano che la politica di immigrazione di Biden e il suo controllo del confine saranno, insieme all’economia, una delle questioni decisive alle urne. La Casa Bianca lo sa, motivo per cui il bilancio 2023 prevede l’assunzione di 300 elementi della Border Patrol, che aiuteranno a sgomberare il confine in vista delle elezioni presidenziali del 2024.

Joe Biden 1
Joe Biden – Nanopress.it

Alejandro Mayorkas, il segretario della sicurezza interna, ha invitato i legislatori statunitensi dopo la tragedia di San Antonio ad approvare nuove leggi che “aiutino a riparare un sistema di immigrazione che è rotto”. È improbabile che ciò accada nel clima di polarizzazione politica a Washington. Il funzionario, tuttavia, ha confermato che il programma noto come Stay in Mexico continuerà a funzionare ancora per qualche settimana.

Questo programma, stabilito da Donald Trump e dal suo consigliere radicale Stephen Miller, ha i giorni contati grazie alla Corte Suprema, che ha concordato con l’amministrazione Biden in una stagione con molteplici battute d’arresto giudiziarie per il Democratico. L’iniziativa ha richiesto ai richiedenti asilo di attendere la risoluzione del loro caso in territorio messicano, che ha moltiplicato negli ultimi anni i rifugi e i campi per migranti al confine, sul versante messicano.

Ciò si concluderà una volta che il Supremo avrà comunicato la sentenza ai circuiti inferiori. Biden ha promesso durante la campagna di porre fine al provvedimento e la sentenza del tribunale è un pallone d’ossigeno per una serie di promesse da mantenere che sono ancora in lista d’attesa. Un altro di questi è stato ricordato a giugno dal ministro degli Esteri messicano, Marcelo Ebrard. “Il Messico sostiene pienamente l’impegno del presidente Biden di regolarizzare 11 milioni di immigrati privi di documenti”, ha affermato, riferendosi all’ambiziosa riforma presentata dalla Casa Bianca nel febbraio dello scorso anno.

Per Ana Saiz, avvocato e direttrice dell’ONG Sin Fronteras, la fine di Stay in Mexico è una buona notizia. Tuttavia, sostiene che “è ancora una simulazione perché il sistema di asilo si sta impantanando. Il saldo era solo dell’1% sotto Trump ed è salito solo al 5% sotto Biden”. La Casa Bianca ha già annunciato che cerca di rivitalizzarlo. Al vertice di Los Angeles, si è impegnato a reinsediare 20.000 rifugiati dalle Americhe durante gli anni fiscali 2023 e 2024, triplicando il tasso attuale.