Medvedev accusa l’Occidente di fare la guerra al popolo russo

Dmitry Medvedev , l’attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Russia ha riconosciuto che i proprietari russi di grandi aziende stanno subendo perdite a causa delle sanzioni, ma ha ritenuto che “non siano fatali”.

Dmitry Medvedev e Vladimir Putin
Dmitry Medvedev e Vladimir Putin – NanoPress.it

Medvedev su Telegram ha accusato l’occidente di voler affamare i russi

Stamane l’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha accusato l’Occidente di fare guerra al popolo russo, imponendo sanzioni che colpiscono i cittadini comuni, molto più dei leader russi.

In una dichiarazione rilasciata dopo che l’Unione Europea (UE) ha approvato un embargo sul petrolio russo a causa della guerra in Ucraina, Medvedev ha affermato che gli occidentali “odiano” la Russia. “Chi volevano punire gli autori [delle sanzioni]? Il presidente [Vladimir Putin] e la leadership politica e militare del Paese? No, ovviamente no. (…) Nessuno di noi ha beni, o interessi significativi in in paesi stranieri”, ha scritto Medvedev sulla rete di messaggistica di Telegram.

Medvedev, l’attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha riconosciuto che i proprietari russi di grandi aziende stanno subendo perdite a causa delle sanzioni, ma ha ritenuto che per loro, vista la ricchezza accumulata, “non saranno fatali”.

Secondo il presidente russo le sanzioni occidentali “sono rivolte proprio al popolo russo”. L’UE ha approvato lunedì un nuovo pacchetto di decreti contro Mosca, che include un embargo sulle importazioni di petrolio russo fino alla fine del 2022, per ridurre la dipendenza energetica europea.

Polonia, Lituania e Paesi Bassi senza petrolio russo

Secondo la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, la misura ridurrà di circa il 90% le importazioni di petrolio russo da parte del blocco Ue, ad eccezione dei paesi senza sbocco sul mare come Ungheria, Slovacchia e Repubblica Ceca.

La bandiera dell'Unione Europea
La bandiera dell’Unione Europea – Nanopress.it

Il conflitto in Ucraina ha fatto emergere l’eccessiva dipendenza energetica dell’UE dal Paese di Putin, che per il momento importa dalla Russia una percentuale che sfiora il 45% delle importazioni di gas. Medvedev ha anche accusato l’Occidente di mentire quando afferma di voler punire i leader russi.

“Molto semplicemente, vogliono danneggiare l’economia, colpire il rublo, aumentare l’inflazione e far salire i prezzi nei negozi, abbassando così il tenore di vita dei russi comuni”, ha detto. L’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio è stata condannata dalla comunità internazionale in generale, con diversi paesi e organizzazioni che hanno emanato sanzioni contro gli interessi economici della Russia.

Per rappresaglia, Mosca ha interrotto la distribuzione di petrolio ad alcuni paesi, come Polonia, Lituania e, da oggi, Paesi Bassi, dopo aver chiesto il pagamento dei contratti in valuta russa, ed aver avuto un ‘no’ come risposta.

Diversi paesi hanno anche fornito all’esercito ucraino armi per combattere le forze russe. La guerra è entrata oggi nel suo 97° giorno, senza un bilancio ufficiale delle vittime, che diverse fonti, comprese le Nazioni Unite, dichiarano di essere molto alto. L’ONU ha finora confermato la morte di oltre 4.000 civili, ma ha avvertito che questo numero è decisamente da considerare per difetto.