McDonald’s, il simbolo del Capitalismo USA, lascia la Russia per sempre

McDonald’s, colosso statunitense della ristorazione, per motivi noti (la guerra diplomatica tra Usa e Urss, a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, qualche settimana fa ha chiuso i suoi ristoranti in Russia e ora ha deciso di vendere.

McDonald's in Russia
McDonald’s in Russia – NanoPress.it

McDonald’s venderà la sua attività russa a un partner siberiano

E oggi si è appreso che McDonald’s ha trovato un acquirente. Le cifre dell’operazione sono ancora sconosciute, anche se la società ha stimato, alcuni giorni fa, che registrerà perdite per 1.300 milioni di dollari per la sua partenza dalla Russia.

L’azienda, che 32 anni fa, ha simboleggiato lo sbarco delle multinazionali nel tramonto dell‘Unione Sovietica, rappresenta oggi, con la sua frettolosa partenza dal Paese eurasiatico, e la vendita delle sue attività a imprenditori locali, la fuga generalizzata dall’Ucraina a causa del la guerra.

‘La Grande M’ ha annunciato il trasferimento della sua filiale a un partner siberiano, che rinominerà il marchio e cambierà il nome ai prodotti in vendita, anche se gli hamburgher e gli altri cibi rimarranno praticamente uguali.

La catena di fast food ha annunciato che venderà la sua filiale russa, al suo partner Alexander Góvor, che dal 2015 ha ampliato la catena in Siberia, aprendo 25 ristoranti in zone remote del paese. Góvor ha iniziato a fare fortuna nel 2007, estraendo gas nella regione del Kuzbas, in una joint venture con la ditta Evraz di Roman Abramovich.

La ‘Grande M’ possiede 850 ristoranti in Russia

McDonald’s ha chiuso i suoi ristoranti in Russia a marzo, di fronte alla tempesta scatenata dall’offensiva contro l’Ucraina. Le prospettive per il prezzo del rublo, la cui forza attuale non corrisponde al cambio reale delle banche, e il resto dei problemi derivati ​​da un Paese sottoposto a una grande ondata di sanzioni, hanno portato l’azienda a mettere i lucchetti ai suoi suoi ristoranti.

Patatine e pollo in un McDonald's in Russia
Patatine e pollo in un McDonald’s in Russia – NanoPress.it

McDonald’s possiede l’84% dei suoi quasi 850 ristoranti in Russia e, controlla il 7% del settore della ristorazione, secondo l’agenzia Tass. Finora naturalmente. Altre catene di ristorazione fast food, come Burger King, hanno mantenuto aperte le loro attività, poiché la maggior parte dei loro stabilimenti sono franchising, gestiti da uomini d’affari russi.

Non appena la vendita è stata resa nota, l’agenzia per l’alimentazione e l’agricoltura della regione di Mosca, ha assicurato che questa operazione potrebbe creare circa 6.000 posti di lavoro aggiuntivi nella provincia moscovita. L’accordo siglato con Góvor prevede il mantenimento dei 62.000 posti di lavoro generati da McDonald’s per almeno due anni.

Inoltre, Góvor dovrà assumere tutti gli obblighi con fornitori, locatori e società pubbliche.La domanda ora è se il cliente russo accetterà la nuova immagine che assumerà McDonald’s. Secondo fonti della catena e Oleg Bukharov, presidente della Federazione Russa dei Ristoratori e Albergatori, ha assicurato all’agenzia Tass, solo i nomi e i loghi originali scompariranno, ma i menu saranno identici.

Per questo, da metà giugno sarà possibile verificare fino a che punto il marchio McDonald’s sia l’ingrediente principale dei suoi hamburger.