Mappatura genetica del cancro completata: nuove speranze di cura

Il progetto è il frutto della collaborazione tra il Consorzio Internazionale del Genoma del Cancro (Icgc) e il consorzio statunitense Tcga. Per l'Italia è l'Università di Verona ad aver lavorato alla mappatura genetica del cancro, con studiosi provenienti anche dalle Università di Padova e Treviso.

Continua a leggere

mappatura genetica del cancro

Foto Shutterstock | di CA-SSIS

È ufficiale: è stata completata la mappatura genetica del cancro. Grazie a una collaborazione internazionale che ha coinvolto oltre 1300 ricercatori di 37 Paesi in tutto il mondo si è arrivati ad ottenere la più completa banca dati mai ottenuta sulla genetica del cancro. Si tratta di una svolta fondamentale per il futuro della lotta ai tumori, dato che c’è finalmente spazio per nuove speranze di cura con le nuove terapie mirate su cui ora si può focalizzare la ricerca.

Continua a leggere

Continua a leggere

Lo studio sulla mappatura genetica del cancro

Lo studio internazionale per la mappatura dei genomi del cancro è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Nature guadagnando anche la copertina. Non è un caso dal momento che ci troviamo davanti a un evento davvero storico che promette di rivoluzionare l’approccio alle cure mediche. Ma come si è arrivati al completamento della mappatura genetica del cancro? In dieci anni i ricercatori hanno pazientemente analizzato oltre 2600 genomi di 38 diversi tipi di tumore fino ad arrivare a questo straordinario risultato che promette di portare cambiamenti concreti per i pazienti e nuove terapie nella cura del cancro.

Leggi anche L’estratto di aloe utile per potenziare le cure contro i tumori

Continua a leggere

Continua a leggere

L’Italia occupa un posto di rilievo. Tra i protagonisti italiani di questa ricerca sulla mappatura genetica del cancro, infatti, ci sono i ricercatori dell’Università di Verona, dell’Università di Padova e dell’Ulss di Treviso. Gli studiosi fanno tutti parte del Consorzio Internazionale Genoma del Cancro, composto da scienziati e clinici di 37 diversi paesi del mondo, con cui ha collaborato anche il consorzio statunitense Tcga. Lo studio è stato portato a termine grazie al finanziamento del Miur al Centro Arc-Net, dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc), e della Fondazione italiana per lo studio delle malattie del pancreas (Fimp).

Le nuove terapie nella lotta al tumore

E con il completamento della mappatura genetica del cancro si fanno strada nuove speranze di cura. Siamo di fronte a una delle più grandi imprese scientifiche del mondo che cambierà anche l’approccio della ricerca. Il genoma del tumore di ogni paziente è unico, ma esiste una serie finita di ”schemi ricorrenti”; identificare tutti questi schemi porterà a ottimizzare la diagnosi e il trattamento dei tumori. Ora gli studiosi potranno concentrarsi a lavorare sulla messa a punto di farmaci di precisione, che possano andare a colpire i tumori in maniera personalizzata in base alle caratteristiche della patologia manifestate in ciascun paziente.

Continua a leggere

Leggi anche Vaccini per tumori: la sperimentazione funziona

Continua a leggere

Il modo di affrontare la malattia cambierà radicalmente nei prossimi anni, le sperimentazioni già stanno dando dei risultati e per il futuro gli esperti assicurano la possibilità per i pazienti di potersi sottoporre a terapie veloci, in certi casi anche evitando il ricorso alla chirurgia.

Continua a leggere

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Kati Irrente

Giornalista per vocazione, scrivo per il web dal 2008. Mi occupo di cronaca italiana ed estera, politica e costume. Naturopata appassionata del vivere green e della buona cucina, divido il tempo libero tra musica, cinema e fumetti d'autore.

Da non perdere