Macron e i francesi: vincitori che sono diventati perdenti

Quello in Francia è stato un voto per un sistema politico diverso: con la sconfitta alle elezioni parlamentari, Emmanuel Macron inizia un secondo mandato, malconcio e indebolito. Diventa per lui un esercizio speciale di autodisciplina.

Emmanuelle Macron
Emmanuelle Macron – NanoPress.it

Questa mattina, i commentatori politici hanno usato moltissime parole per descrivere quello che è successo. Ma come spesso accade quando succede l’imprevisto, lo shock si riduce inizialmente a frasi vuote o aleatorie: questo voto, qualunque sia la formula per definirlo, è uno schiaffo clamoroso per Macron.

Le elezioni legislative sono state uno schiaffo clamoroso per Macron

Tutto questo è vero, ma nulla rende giustizia alla situazione attuale. Perché il secondo turno delle elezioni parlamentari rivela una crisi politica radicata in Francia, la cui portata fino a ieri sera tutti avevano sottovalutato: giornalisti, istituti elettorali, scienziati politici e probabilmente lo stesso Presidente.

Le Monde ha citato le prime reazioni al risultato dei sostenitori di Macron, descrivono l’esito delle elezioni come “uno scenario dantesco”, come “l’inferno”, come un colpo incredibilmente violento. “Non è quello che speravamo”, ha detto l’ex portavoce del governo Gabriel Attal, la notte delle elezioni sul canale televisivo TF1.

Niente di confortante, niente di edificante, il partito di governo rimarrà a lungo senza parole. Ci sono volute due ore e mezza prima che il nuovo Primo Ministro Élisabeth Borne commentasse il risultato in un discorso di quattro minuti: legnoso, freddo e tecnocratico. Il discorso di Borne non ha nulla di confortante, nulla di costruttivo, e di certo non prende per mano i francesi, che avevano appena dato un impressionante voto di sfiducia al presidente.

La Borne ha cercato di cavarsela con frasi come queste: “Continueremo a lavorare con il Presidente nel dialogo per il Paese” o “Da domani continueremo ad ampliare le nostre azioni per tutto il popolo francese“. L’Eliseo avrebbe anche potuto far parlare il computer vocale Alexa, e non sarebbe suonato molto diversamente.

Secondo i risultati preliminari del secondo turno elettorale, l’alleanza di governo ‘Ensemble’ avrà solo 246 seggi in parlamento, un centinaio in meno rispetto a prima: una perdita enorme. “Ensemble” avrebbe avuto bisogno di almeno 43 parlamentari in più per avere una maggioranza assoluta, anche se ristretta. Sono risultati che mostrano di quali contraddizioni sono capaci questo Paese e i suoi elettori.

Alle presidenziali il capo di ‘Esemble’ aveva ottenuto il 58,5%

Alle elezioni presidenziali del 24 aprile, quasi due mesi fa, i francesi hanno votato Emmanuel Macron per un secondo mandato con il 58,5 per cento. È stata una vittoria storica: la prima volta che un presidente in carica è stato rieletto in Francia dal 1958, salvo periodi di convivenza politica (la convivenza di un presidente e un primo ministro di diversa estrazione politica).

Elisabeth Borne
Elisabeth Borne – NanoPress.it

Macron era più nettamente davanti a Marine Le Pen nel secondo scrutinio di quanto temuto. Lui, che aveva preso molte decisioni improbabili, che era stato duramente contestato, comunque ha rivinto. Fino a ieri quando i francesi gli hanno rifiutato la maggioranza assoluta in parlamento e hanno provocato una situazione di stallo all’Assemblea nazionale, nel bel mezzo di una crisi economica e di politica estera.

Anche questa sconfitta è storica: mai nella storia della Quinta Repubblica un presidente ha avuto una maggioranza parlamentare così debole. Questo non fa ben sperare per i prossimi cinque anni, il secondo mandato di Macron. Per lui, che ama prendere le decisioni da solo e che ha ridefinito il concetto di esercizio verticale del potere, durante il suo primo mandato, dovrà essere un esercizio speciale di autodisciplina.

I francesi non vogliono più un uomo ‘forte’ a capo dello stato, e l’hanno chiarito ieri. E l’hanno già detto nei sondaggi: secondo un sondaggio di Harris Interactive, circa il 50 percento ha affermato di non volere che il partito al governo abbia la maggioranza assoluta in parlamento.

In questo senso, il voto di ieri è anche contrario al precedente stile di governo del Presidente, che tante volte negli ultimi anni ha scavalcato il Parlamento, ha preso decisioni da solo, e autocraticamente e amava parlare a nome dei propri ministri, invece di lasciare che fossero loro a dire la loro.

È un voto per un sistema politico diverso. Indirettamente, votando, gli elettori hanno imposto un risultato simile a quello di una rappresentanza proporzionale. Riflette l’intera frammentazione del Paese: la composizione dell’Assemblea nazionale non è mai stata così diversificata.

La compulsione a scendere a compromessi non è mai stata così grande. Ad un certo punto della serata, il conservatore Jean-François Copé ha suggerito tramite Twitter che i repubblicani dovrebbero ora formare un’alleanza di governo con Macron.

I Reppubblicani giocano al rialzo

Il leader del partito dei repubblicani però, Christian Jacob, ha dato il rifiuto poco dopo; i conservatori, ovviamente, rimarranno all’opposizione, ha dichiarato fermamente. Un’alleanza con i repubblicani, che hanno circa 60 seggi in parlamento, è l’unica opzione realistica per Macron per raggiungere la maggioranza parlamentare. Entrambe le parti lo sanno. E quindi questo primo rifiuto potrebbe essere una delle solite manovre politiche utilizzate per aumentare la merce di scambio.

Christian Jacob
Christian Jacob – NanoPress.it

Gli altri risultati di questa domenica sono: i populisti di destra attorno a Marine Le Pen e al suo partito Rassemblement National (RN) sono ancorati al paese molto più profondamente di quanto si pensasse, non solo nel nord e nel sud deindustrializzato, che è sempre stato suscettibile di slogan di destra, ma anche in molte regioni rurali.

Marine Le Pen è la vera vincitrice di queste elezioni e il suo partito è l’unico a registrare una crescita, e che crescita: 89 parlamentari della RN si siederanno presto in parlamento, rispetto ai soli otto finora. In parlamento è più che decuplicato, è una vittoria storica. L’altro vincitore della serata, l’alleanza di sinistra Nupes attorno al populista Jean-Luc Mélenchon, si rivela perdente al secondo sguardo.

Sebbene l’alleanza elettorale, in cui si sono uniti i socialisti, i verdi, i comunisti e il partito di Mélenchon La France Insoumise (LFI), sia il più grande gruppo di opposizione all’Assemblea nazionale con 142 parlamentari, è ben al di sotto delle proprie aspettative.

LFI, il partito dell’uomo che ha rivendicato in modo vistoso la carica di primo ministro, ha solo 84 parlamentari in questa alleanza ed è quindi minoritario rispetto ai populisti di destra di Le Pen. Già domenica sera, i lepenisti hanno chiesto l’influente presidenza della commissione per il bilancio in parlamento, che tradizionalmente appartiene al gruppo più forte dell’opposizione, e consente loro di avere una prima visione dei progetti di legge e dei testi del governo.

Meno poteri al Presidente

Rimane un’altra contraddizione: da anni i francesi lamentano la scarsa importanza del parlamento nella vita politica della repubblica. Tuttavia, oltre il 52% di loro questa volta non ha votato per cambiare le cose. Emmanuel Macron dovrà convivere con questi numeri anche nei prossimi anni.

Bandiera Francese
Bandiera Francese – NanoPress.it

Dopo il secondo turno delle elezioni presidenziali, aveva promesso al suo Paese un nuovo modo di governare. In un discorso al Champ de Mars a Parigi il 24 aprile, ha spiegato di aver sentito anche tutti coloro che non lo hanno votato. Sicuramente erano solo parole e non era intenzionato a farlo davvero.

Nelle settimane che sono seguite, non si è visto molto questo nuovo metodo. E non ci sono stati nemmeno segnali di risveglio politico, e anche la nomina del tecnocrate Élizabeth Borne a primo ministro ha fatto capire che il Presidente nulla voleva cambiare. L’immagine politica di Macron è stata rivelata in una sola frase, detta da lui, la scorsa settimana.

Poco prima della sua partenza per Romania e Moldova, si è rivolto alla gente con un appello drammaticamente messo in scena dalla pista e davanti alle turbine in funzione del suo aereo presidenziale, e ha chiesto il voto per una solida maggioranza dell’alleanza di governo: “Domenica, alla Repubblica non è consentita una sola assenza di voto”.

Se si prende sul serio questa frase, può solo significare che Emmanuel Macron rivendica per sé il concetto di “Repubblica” e non lo concede ad altri. Questo potrebbe essere parte del problema.