Macron contro Mélenchon: i Lepenisti per chi voteranno?

I francesi decidono alle elezioni legislative questa domenica e la prossima il margine di manovra che danno al presidente centrista Macron, per governareil Paese.

Macron
Macron – NanoPress.it

Né Emmanuel Macron né Jean-Luc Mélenchon sono in corsa per le elezioni legislative questa domenica e la prossima in Francia. Ma la campagna è un duello tra questi due uomini: il presidente centrista ed europeista e l’esperto leader della sinistra anticapitalista ed euroscettica.

Macron vs Mélenchon col terzo incomodo

Macron è stato rieletto alle elezioni presidenziali di aprile, e nelle elezioni legislative vuole riconvalidare la maggioranza all’Assemblea nazionale per governare comodamente. Mélenchon è riuscito a unire socialisti, ambientalisti e comunisti sotto la sua tutela e aspira a una maggioranza parlamentare che costringerebbe il presidente a nominarlo primo ministro.

Quello che si decide è il margine di manovra di Macron per governare nei prossimi cinque anni. Se lo fa con una maggioranza parlamentare favorevole, potrà applicare il suo programma. Una maggioranza avversa – opzione che nessun sondaggio contempla oggi – lo costringerebbe a convivere con un premier dell’opposizione e limiterebbe notevolmente i suoi poteri. E nessuno ancora azzarda previsioni su come voteranno i cittadini che alle presidenziali, e sono stati milioni, hanno votato per Marine Le Pen.

“La mia sensazione è che il primo round non andrà bene per Macron”, afferma il saggista e consulente Alain Minc, che ha fatto da mentore a Macron e ad altri presidenti. “Ma questo creerà un riflesso della paura di Mélenchon nel secondo round“, aggiunge. Come alle elezioni presidenziali di due mesi fa, la Francia sta assistendo a una scelta tra due modelli. Poi Macron e il capo dell’estrema destra, Marine Le Pen, si sono opposti.

La novità è che il suo rivale non è più Le Pen, sfocato in questa campagna. Il rivale è Mélenchon, il vero protagonista delle elezioni in cui, secondo i sondaggi, l’astensione potrebbe superare il 50%. Scappando fin dall’inizio come candidato a primo ministro, ha stabilito l’agenda e sostenuto la sinistra malata.

“Sì, possiamo vincere”, ha detto questa settimana, durante una campagna in un mercato all’aperto vicino a Place de la Bastille, la candidata melenchonista Caroline Mecary. “E anche se non avremo la maggioranza assoluta, saremo così forti che il presidente Macron non sarà più in grado di portare avanti la sua politica di distruzione sociale e smantellamento dei servizi pubblici”.

Mecary, avvocato di professione, si candida nel settimo distretto di Parigi, che comprende i quartieri centrali della Bastiglia e del Marais. Affronta uno dei valori nascenti del macronismo, l’attuale ministro dell’Europa, Clément Beaune. Se Beaune perde contro Mecary, dovrà lasciare l’incarico: è quanto ha stabilito l’Eliseo per i 15 ministri che sono anche candidati.

Due proposte per la Francia e per l’Europa

Il duello è un riflesso, su piccola scala, delle elezioni in Francia. È giovedì pomeriggio e Beaune cerca il voto nel Marais, l’antico quartiere ebraico di Parigi. Alla macelleria David, i proprietari distribuiscono salsicce e vino.

Jean Luc Mélenchon
Jean Luc Mélenchon – NanoPress.it

Si lamentano che, a causa delle limitazioni alla circolazione delle auto nel centro, la clientela non può parcheggiare. Sottolineano che dalla distruzione delle manifestazioni dei gilet gialli nel 2018, e poi dalla pandemia nel 2020, molte attività hanno chiuso.

Tutta la politica è locale. Eppure, in Francia, questa domenica e la prossima domenica, c’è un’altra posta in gioco: due proposte per la Francia e per l’Europa. Un programma di continuità e un altro di rottura.

Fino a poco tempo, Mélenchon proponeva l’uscita della Francia dai trattati dell’Unione Europea, e ora promuove la “disobbedienza” alle regole comuni (socialisti e ambientalisti preferiscono parlare di “abrogazione”). Macron vuole un’Europa “più forte e più sovrana”.

Beaune, nel Marais, soppesa le conseguenze di una vittoria di Mélenchon: “Comporterebbe un rischio di isolamento e indebolimento della Francia, di conflitto con i nostri partner e di disintegrazione in piccole dosi dell’Europa. Sarebbe una luce Frexit”. Vale a dire, la versione leggera e francese della Brexit britannica.

Spesso, precisa il ministro, quando qualcosa è leggero, sembra più facile da bere o da mangiare, ma porta alla stessa indigestione”. Al mercato della Bastiglia, Mecary respinge ogni accusa di antieuropeismo. “Quando il ministro-candidato aveva cinque anni, ho lasciato la Sorbona con un terzo ciclo di diritto comunitario ed europeo. Ero già un’europea convinta allora e lo sono ancora”, assicura.

“Non vogliamo uscire dai trattati. Vogliamo che si evolvano”, dice. Dal locale al continentale, passando per il nazionale. Il fiasco nell’organizzazione della finale di Champions League a Saint-Denis, il 28 maggio, e la morte di una donna per fucilazione della polizia, lo scorso fine settimana, hanno segnato una campagna di tono minore.

Macron il centrista: “Ordine e moderazione”

Macron, nei giorni scorsi, ha cercato di mobilitare il voto per l’ordine e la moderazione: “Niente sarebbe più pericoloso che aggiungere al disordine mondiale il disordine francese proposto dagli estremi”. Mélenchon ha lanciato un monito a Macron, il quale afferma di non sentirsi obbligato a nominarlo primo ministro, anche in caso di maggioranza melenconista: “Se siamo in maggioranza (…), dovremo sottometterci o dimettersi.” L’espressione “sottomettere o rinunciare” è una citazione del politico del XIX secolo Léon Gambetta.

Marine Le Pen
Marine Le Pen – NanoPress.it

Nel suo ufficio nel centro di Parigi, Minc molla: “Non credo, nemmeno lontanamente, che Mélenchon possa vincere. Ma è possibile che Macron abbia solo una maggioranza relativa”. Una maggioranza relativa significherebbe che Ensemble, il nome della candidatura macronista, sarebbe il primo gruppo in Assemblea, ma senza raggiungere 289 deputati, la soglia della maggioranza assoluta.

Non sarebbe la prima volta che un presidente rieletto di recente viene lasciato senza la maggioranza assoluta: è successo al socialista François Mitterrand alle elezioni legislative del 1988. Senza la maggioranza assoluta, Macron sarebbe costretto a mettersi d’accordo con altri gruppi: la destra moderata dei repubblicani (LR) o socialisti e ambientalisti. Sarebbe la fine del rullo macronista degli ultimi cinque anni.

“Il Parlamento diventerà un teatro“, prevede Minc. “E non siamo abituati a questo”. Le elezioni legislative lasceranno il passo a due anni senza elezioni in Francia. Fino a quelle europee del 2024. Quelle legislative saranno l’ultima occasione per l’opposizione per limitare il potere del presidente Macron, che sta preparando per questa estate un piano per aumentare il potere d’acquisto di fronte all’inflazione, e per la caduta il suo più riforma complicata: quella delle pensioni.

I sondaggi prevedono per il primo turno delle elezioni legislative, il prossimo 12 giugno, una distribuzione dell’elettorato in tre blocchi. La candidatura di Macron Ensemble (Insieme) otterrebbe il 28%, secondo l’ultimo sondaggio dell’istituto Ipsos per il quotidiano Le Monde, pubblicato venerdì. Il Nuovo Ecologo Popolare e Unione Sociale (NUPES) guidato da Jean-Luc Mélenchon, 27%. Il Raduno Nazionale (RN) di Marine Le Pen, 19%.

Il diritto tradizionale dei repubblicani (LR), 11%. Al secondo turno, il 19 giugno, Ensemble sarebbe il gruppo più numeroso all’Assemblea nazionale con un range compreso tra 275 e 315 seggi su 577, in calo rispetto alla legislatura dal 2017 al 2022, in cui i Macronisti avevano 347 deputati . NUPES sarebbe il primo all’opposizione: tra 155 e 190 seggi.

La terza posizione sarebbe contestata dalla LR, che otterrebbe tra 35 e 55 seggi, e dalla RN, tra 20 e 45. Le Pen potrebbe vincere il maggior numero di seggi per il suo partito nella storia. Ma sarebbe tutt’altro che il risultato delle elezioni presidenziali di aprile, quando, nonostante abbia perso contro Macron, ha ottenuto 13 milioni di voti, il 41,5%.