Macron contro Mélenchon: elezioni all’insegna dell’astensione giovanile

Macron vs Mélenchon, è l’ora delle decisioni. Il 75% dei minori di 25 anni non è andato a votare al primo turno delle elezioni legislative del 12 giugno.

Jean-Luc Mélenchon
Jean-Luc Mélenchon – NanoPress.it

La sinistra cerca di mobilitare i giovani per rafforzarsi nell’Assemblea nazionale e limitare il potere del presidente. Se ci fosse un partito di coloro che non votano, questo partito sarebbe quello con più militanti in Francia e il più popolare tra i giovani. Al primo turno delle elezioni legislative francesi, il 12 giugno, si è astenuto il 52,5% dei francesi con diritto di voto: 25,7 milioni di elettori in totale.

I govani ago della bilancia tra Macron e Mélenchon

L’astensione è stata del 75% tra gli elettori tra i 18 ei 24 anni, secondo l’istituto demografico Ifop. Questa domenica, al secondo turno, i francesi eleggeranno i 577 deputati dell’Assemblea nazionale e, secondo i sondaggi, il numero di quelli che staranno a casa potrebbe essere ancora più alto. C’è già un vincitore: il Partito dell’Astensione. Se questo immaginario Partito di Astensione avesse un feudo elettorale, sarebbe il dipartimento o provincia di Seine-Saint-Denis, la più povera di Francia e quella con la più grande popolazione di origine immigrata.

A Seine-Saint-Denis, periferia nord o banlieue di Parigi, l’astensione è salita domenica scorsa al 61,1%. Ci sono luoghi in cui la percentuale era ancora più alta. A Bondy, ad esempio, dove il calciatore Kylian Mbappé è cresciuto e ha imparato a calciare il pallone. L’astensione qui è stata del 66,7%.

E venerdì sera, quando mancavano 2 ore per la chiusura dei ballottaggi, in questa città di 52.000 abitanti si è svolta una corsa contro il tempo per convincere gli scettici. “Io non voto. Non mi conoscono e io non conosco loro. Francamente, non mi interessa. Non voterò per qualcosa che mi deluderà in seguito. faccio la mia vita. Se i prezzi salgono, cercherò di guadagnare di più. Se scendono, meglio. A parlare è un ragazzo di 20 anni dai capelli rossi.

Al primo turno, le due forze più votate sono state la NUPES del politico veterano euroscettico e anticapitalista Jean-Luc Mélenchon, e Ensemble, la forza politica del presidente Emmanuel Macron. Terza l’estrema destra: il National Rally (RN) di Marine Le Pen. I sondaggi prevedono che Ensemble, ora a maggioranza assoluta in Assemblea Nazionale, continuerà ad essere il gruppo con il maggior numero di deputati, seguito dal NUPES.

La domanda è se i macronisti otterranno la maggioranza assoluta: un minimo di 289 deputati, la metà più uno del totale dei seggi. O se dovranno accontentarsi di una maggioranza relativa che costringerebbe Macron a concordare le leggi con altre forze. La posta in gioco – ciò che possono decidere gli astensionisti – sono i limiti al potere del presidente. Il problema dei melenchonisti è che una parte del loro elettorato – i giovani e le classi lavoratrici delle città suburbane come Bondy – è quella come appartenenza è di sinistra ma che si solito non vota.

Se l’affluenza scende dal primo turno, il Presidente dovrebbe vincere facilmente

L’elettore dell’Ensemble invece — pensionati e persone con un livello di istruzione e reddito più elevato — è quello che si mobilita di più. Mélenchon, se vuole raggiungere il suo obiettivo di avere una maggioranza parlamentare e costringere Macron a nominarlo primo ministro, deve mobilitare milioni di astensionisti.

Macron
Macron – NanoPress.it

Se l’affluenza scende ulteriormente dal primo turno, Macron dovrebbe vince facilmente. Ma se sale, gli equilibri cambieranno”, spiega Vincent Martigny, professore di scienze politiche, su un terrazzo di Parigi. “Tutto dipenderà da dove verrà lo shock: o gli elettori di Macron si muovono per salvare il presidente, o la sinistra mobilita i giovani”.

Da un capo all’altro della Francia, i candidati e i militanti del NUPES hanno intrapreso un’operazione per sedurre questi cittadini. O, almeno, cercano complicare le cose per Macron nel suo secondo mandato di cinque anni, appena iniziato dopo aver vinto le elezioni presidenziali.

Lo ha spiegato questa settimana prima di intervenire a un comizio a Besançon, nell’ovest del Paese, la candidata melenchonista Sévérine Véziès: “La cosa decisiva in questo secondo turno sarà la mobilitazione degli astensionisti e degli elettori del Raduno Nazionale: c’è in questo elettorato persone che rifiutano totalmente Emmanuel Macron, e anche persone che soffrono di politiche liberali e a cui possiamo dare risposte”.

Véziès ammette che “il giovane elettorato non è il più facile da mobilitare”. “Se avessi la soluzione…”, sospira. “Devi spiegare loro che il loro futuro è nelle loro mani. L’urgenza del tempo li influenzerà. La pensione a 65 anni, come vuole Macron, riguarderà loro, non i pensionati di oggi. Riguardo alla disaffezione, Véziès sottolinea: “Ci sono giovani che si sentono disillusi perché non gli viene offerto un futuro. E ci sono anche giovani che si sono mobilitati al primo turno delle elezioni presidenziali e si sono sentiti delusi”.

L’astensione è stata alta alle elezioni presidenziali,

L’astensione è stata alta alle elezioni presidenziali, la più alta dal 1969, ma era inferiore al 30%. Niente a che vedere con il 52,5% di queste legislative, il 65% di quelli regionali 2021 o il 58,4% di quelli comunali 2020. «Non credo che l’astensione sia endemica in tutte le elezioni, perché nelle presidenziali l’affluenza è ancora alta ”, afferma il politologo Martigny. “Le elezioni presidenziali sono ancora importanti per i francesi, ma le elezioni del presidente cannibalizzano il resto delle elezioni, e questo è un problema”.

Marine Le Pen
Marine Le Pen – NanoPress.it

Martigny nega, contrariamente alle apparenze, che i giovani si siano disconnessi dalla politica. “Assolutamente no”, risponde. “Ho 45 anni, l’età di Macron, e la mia generazione è stata meno politicizzata di quella attuale, che è iperpoliticizzata attorno a due questioni: l’ambiente e la parità tra uomini e donne e il genere”. E aggiunge: «D’altra parte, le questioni di parte non li interessano: ritengono che la politica tradizionale non risponda alle sfide che devono affrontare».

Mehmet Ozguner, il candidato sostituto nella banlieue di Bondy, lo conferma: “Nei quartieri popolari i giovani sono impegnati. L’abbiamo visto all’inizio del covid. Sono stati i giovani a organizzarsi per aiutare le persone bisognose”. Ma non è facile raggiungere questi giovani per votare, soprattutto nelle periferie. “Dobbiamo evitare di disprezzarli, giudicandoli”, riflette il candidato Ozguner, che nel tardo pomeriggio ha incontrato i suoi amici nella piazza del Municipio. Ci sono bambini che corrono e giocano a calcio, nonni che prendono l’aria fresca, donne velate e passeggini.

E cinque ventenni che parlano di politica. “Quello che rimprovero ai militanti di una certa età”, aggiunge, “è che vengono a dare lezioni”. “C’è anche un problema di rappresentanza”, sottolinea Emma, ​​riferendosi alla scarsità di giovani candidati e di candidati provenienti dai quartieri popolari. Chems, uno studente di medicina, aggiunge: “Nei quartieri popolari non ci sono modelli su cui basarsi e dire: ‘Lui è un esempio, vorrei essere come lui. Yvana chiude il dibattito: «Nei partiti c’è anche un problema di razzismo strutturale. Ti chiamano per distribuire volantini e per arruolarti nell’esercito, ma quando si tratta di essere nominato candidato…”.