L’Italia, teatro di 67 governi negli ultimi 76 anni, è di nuovo in crisi

Italia alle urne: i partiti di destra dell’Esecutivo di Mario Draghi, La Lega e Forza Italia, insieme al Movimento 5 Stelle decidono di non votare la mozione di fiducia al Senato.

Mario Draghi
Mario Draghi – Nanopress.it

Il Parlamento italiano, animale selvaggio e autodistruttivo come pochi altri, ha completato mercoledì il suo ultimo lavoro letale e ha liquidato la legislatura, spingendo il presidente del Consiglio Mario Draghi alle dimissioni. Questo evento ha molti genitori. Ma sono stati i partiti di destra, Forza Italia e La Lega, a dare il tocco finale all’Esecutivo di cui facevano parte.

In Italia non si è mai votato ad ottobre

Entrambe le formazioni si sono rifiutate di votare al Senato sulla mozione di fiducia con la quale il presidente del Consiglio aveva accettato di riconsiderare le sue dimissioni, presentata giovedì scorso. A questo rifiuto si è poi aggiunto il Movimento 5 Stelle (M5S), il partito che originariamente ha causato questa crisi e che ha caricato pesantemente contro Draghi.

Uno spettacolo grottesco e dannoso in un momento molto delicato per l’Italia e per l’Europa, che chiude 17 mesi di mandato in cui il Paese aveva riconquistato la leadership internazionale. Draghi non ha aspettato il risultato della votazione. Ha ottenuto 95 sì contro 38 no. Ma non importava, perché non si trattava di aritmetica, ma di sondare se avesse ancora un appoggio unificato. Il primo ministro è salto sulla sua auto ufficiale e se ne è andato.

Il suo seguito ha annunciato che non si recherà al Palazzo del Quirinale, sede della Presidenza della Repubblica, fino a giovedì mattina. Sarà dopo l’apparizione alla Camera dei Deputati, dove il voto e il suo intervento si ripeteranno per correttezza istituzionale. Si prevede che sarà dopo quel rituale – se non ci sono stati colpi di scena inaspettati – quando presenterà le sue dimissioni.

E il capo dello Stato probabilmente non avrà altra scelta che accettarlo questa volta e sciogliere le Camere. Resta il dubbio se cercherà una formula per salvare le riforme avviate dall’Esecutivo Draghi e mantenere la stabilità del Paese fino alla prossima legge di bilancio, prevista per fine ottobre. In caso contrario, indicherà le elezioni per l’ultima settimana di settembre o la prima settimana di ottobre. Draghi, visibilmente arrabbiato e deluso dalla sua replica, quando la peggiore delle ipotesi era quasi inevitabile, ci ha provato un’ultima volta.

“Oggi avevo due possibilità. Confermo le mie dimissioni e me ne vado senza passare per il voto di fiducia. Ma il supporto che ho visto nel paese è senza precedenti e impossibile da ignorare. Questo mi ha portato a riproporre il patto di coalizione ea sottoporlo al vostro voto. Sei tu che decidi. Quindi nessuna richiesta di pieni poteri”, ha lanciato a chi lo accusava di organizzare la seduta per arrogarsi un potere che le urne non gli avevano conferito.

Ma era già troppo tardi. La Lega e Forza Italia, infastidite dal severo intervento della mattinata e convinte che lo scenario delle elezioni anticipate li avrebbe favoriti, avevano già preso la loro decisione. La nave stava affondando. Il M5S non voleva essere da meno e si rifiutò anche di supportare Draghi. Il leggendario ex presidente della Banca centrale europea è passato così in soli sei giorni dalle dimissioni per dignità al licenziamento.

Matteo Renzi, leader di Italia Viva. “Niente sarà più lo stesso domani”

Lo spettacolo inizia ora. Ma, come avvertì Michel Platini, quando cade l’acrobata, di solito entrano i clown. Lo ha avvertito a sua volta Matteo Renzi, leader di Italia Viva. “Niente sarà più lo stesso domani in Italia”. La messa in scena di mercoledì al Senato lascia l’immagine dell’Italia molto commossa. Ma cambierà anche lo schema delle forze. Forza Italia di Silvio Berlusconi, uno dei promotori della rottura, andrà in pezzi. Lo stesso mercoledì sono iniziate le dimissioni.

Matteo Renzi
Matteo Renzi – Nanopress.it

La metà del partito, invocando la moderazione e la propria appartenenza al Partito popolare europeo, è rimasta sbalordita da quanto accaduto. C’è stato un tentativo di mediazione con Il Cavaliere fino all’ultimo momento, ma la parte del suo partito che più influenza le sue decisioni lo ha spinto a sostenere i partiti populisti e far cadere l’Esecutivo di cui faceva parte.

Una decisione sorprendente visti gli impegni pendenti che l’Italia ha con l’Ue, le riforme pendenti per ricevere i fondi del piano di risanamento (230.000 milioni di euro) e la guerra in Ucraina, in cui l’Italia ha giocato un ruolo fondamentale fin dall’inizio.

La mattinata era iniziata meglio per Draghi. Il clima era ottimista prima dell’apparizione di Draghi alle 9.30. Il premio per il rischio dell’Italia è sceso nelle prime ore del mattino e il mercato azionario non ha mostrato segnali di preoccupazione. Draghi non poteva ignorare l’enorme pressione che ha ricevuto per non dimettersi. Da Bruxelles a Washington, passando per il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelensky, gli hanno chiesto in questi giorni di revocare la decisione di dimettersi giovedì della scorsa settimana.

Così è stato. L’ex presidente della Bce, in un lungo e denso discorso al Senato, ha passato in rassegna le grandi opere del suo Esecutivo negli ultimi 17 mesi, ha evidenziato le ragioni della rottura e la necessità di ricostruire l’unità nazionale per andare avanti. Ha attribuito il suo cambio di posizione all’enorme sostegno popolare ricevuto nelle ultime ore, ma lo ha anche condizionato a quello dei partiti.

Il Presidente del Consiglio ha delineato le sfide pendenti che restano per questo Esecutivo, come alcuni dei suoi migliori alleati gli avevano consigliato nei giorni scorsi, ed è stato disposto a completare i lavori se le parti avessero firmato la sua tabella di marcia. Ha presentato un vero programma di governo che ha esposto le formazioni. Prendilo o lascialo, è venuto a dirtelo. L’Italia non ha bisogno di una facciata di fiducia che sbiadisce ad ogni mossa scomoda.

Serve un nuovo patto di fiducia sincero e concreto

Serve un nuovo patto di fiducia sincero e concreto. Partiti, parlamentari, siete pronti a ricostruire questo patto?” Ha chiesto loro tre volte, prima di interrogarli nuovamente: “Sei pronto a confermare lo sforzo che avete fatto nei primi mesi?” Piano di ripresa e riforme Il presidente del Consiglio ha chiesto di completare il piano di ripresa post-pandemia e le riforme richieste dall’Unione Europea per continuare a iniettare i fondi concordati. Ha anche fatto riferimento agli affari internazionali, in particolare al sostegno all’Ucraina, basato sul continuare a inviare armi (misura che il Movimento 5 Stelle rifiuta).

Berlusconi e Salvini
Berlusconi e Salvini – Nanopress.it

È stato anche insospettabilmente duro con la posizione della Liga su alcune questioni e ha avvertito che metterà le mani sul reddito di cittadinanza, la misura stellare dei grillinos in questa legislatura. L’aggressività di Draghi ha suscitato qualche sorpresa nelle file di entrambe le formazioni, che hanno evitato di applaudire come il resto. Draghi si era presentato dopo le 9,30 a Palazzo Madama, sede del Senato, ed era andato dritto al punto. “Giovedì scorso ho presentato le mie dimissioni al Presidente della Repubblica.

Ho preso la decisione perché la maggioranza che ha sostenuto questo governo sin dal suo inizio era rotta. Il presidente ha respinto le dimissioni e mi ha chiesto di spiegare qui oggi al Parlamento ea tutti gli italiani i motivi di un’elezione longanime e dovuta”. Draghi ha motivato la sua decisione sulla base del fatto che l’unica legittimità democratica che può avere un presidente del Consiglio che non si è recato alle urne è “il massimo sostegno possibile da parte del Parlamento”.

“Soprattutto se devi prendere decisioni che influiscono profondamente sulla vita dei cittadini”, ha aggiunto. “L’unico modo, se vogliamo continuare insieme, è ricostruire questo patto dall’inizio, con coraggio, altruismo e credibilità. Lo chiedono soprattutto gli italiani», ha insistito. Ma a quel punto i suoi compagni di viaggio probabilmente lo avevano già venduto.

L’Italia, teatro di 67 governi negli ultimi 76 anni, si trova ora ad affrontare un nuovo scenario di crisi. Il Paese è abituato a vivere in un caos istituzionalizzato che gli ha permesso di sopravvivere per decenni rimandando riforme e grandi ristrutturazioni. Ma questa volta, in piena guerra e con uno scenario economico di estrema volatilità, la rottura si presenta come una delle più assurde, inopportune e autodistruttive degli ultimi tempi.