Letojanni, attaccato da uno sciame di api muore operaio 59enne

Operaio muore a Letojanni, in provincia di Messina, in seguito all’attacco di uno sciame di api e calabroni che lo hanno punto ovunque.

Insetti
Insetti – Nanopress.it

L’uomo si chiama Salvatore Ruggeri e aveva 59 anni. È morto probabilmente per shock anafilattico.

Operaio muore a Letojanni

Salvatore Ruggeri era un operaio siciliano di 59 anni che nella giornata di ieri ha perso la vita in seguito al violento attacco di uno sciame di api e calabroni.

L’uomo sarebbe entrato all’interno di un casolare in campagna e in quel momento è stato assalito dallo sciame di insetti che lo hanno colto di sorpresa pungendolo dappertutto, in particolare sul viso.

Salvatore stava dirigendosi al lavoro come ogni giorno e la tragedia si è consumata in poco tempo.

Come si legge anche sulla Gazzetta del Sud, Salvatore non ce l’ha fatta, è morto infatti poco dopo l’arrivo dei soccorritori.

È stata disposta l’autopsia da parte del Policlinico di Messina sulla salma, per stabilire con certezza la causa della morte, anche se quasi sicuramente si tratta di shock anafilattico dal momento che l’operaio è stato assalito violentemente ovunque, sprovvisto delle protezioni necessarie.

L’uomo infatti non avrebbe mai sospettato che all’interno del casolare ci fosse un tale sciame di pericolosi insetti.

La dinamica

Salvatore era un volenteroso operaio che ogni giorno all’alba si alzava per lavorare nell’impresa della moglie, che si occupava di giardinaggio e altri lavori manuali.

In effetti, l’uomo si è recato nel casale in contrada San Filippo, in un terreno raggiungibile attraverso una piccola stradina sterrata a ridosso della spiaggia, per prendere degli attrezzi da lavoro.

L’operaio aveva il compito di innaffiare le palme che si trovavano sul lungomare e già aveva provveduto a raccogliere l’acqua necessaria.

Quando ha aperto la porta del casolare per prendere il resto degli attrezzi ha trovato un’amara sorpresa: uno sciame di api e calabroni che lo ha martoriato ovunque in pochi minuti.

Durante la tragedia, Ruggeri ha fatto in tempo a chiamare aiuto e un operaio si è accorto di quanto stava accadendo e ha avvisato subito il 118.

La prima ipotesi è quella dello shock anafilattico, ma sul posto oltre ai soccorritori sono giunti anche i carabinieri di Taormina per disporre il sequestro della salma ed eseguire l’autopsia.

Carabinieri
Carabinieri – Nanopress.it

Bisogna capire quindi l’esatta causa del decesso di Salvatore, colpito da una disgrazia che non poteva essere evitata, o forse sì?