L’entrata della Svezia nella NATO scuote la diaspora dei curdi

I sostenitori dell’autonomia dei curdi temono che la Svezia faccia orecchie da mercante mentre i suoi governanti si stanno muovendo per aderire alla Nato.

Curdi
Curdi – NanoPress.it

La Svezia è stata a lungo un rifugio per rifugiati e dissidenti, dagli iraniani in fuga dalla rivoluzione islamica ai cileni in fuga dalla dittatura, contribuendo alla reputazione del Paese come pacificatore sulla scena mondiale.

Svezia nella Nato, che fine faranno i curdi?

Ma ora questa politica delle porte aperte sta complicando il tentativo della Svezia di aderire alla NATO dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, con la Turchia che blocca i piani di Stoccolma sui suoi contatti con i gruppi curdi sperando di ritagliarsi una patria a cavallo dei confini di Turchia e Siria.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan accusa sia la Svezia che la Finlandia di ospitare terroristi, compresi militanti curdi. I gruppi curdi qui temono che con l’aumentare della pressione politica, potrebbero presto perdere un rifugio chiave mentre la Svezia si muove per rafforzare la propria sicurezza chiedendo, insieme alla Finlandia, di aderire all’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico.

Tutti i 30 membri della NATO, inclusa la Turchia, devono approvare l’ingresso di eventuali nuovi membri. “Noi curdi rispettiamo la decisione della Svezia di aderire alla NATO”, ha affermato Shiyar Ali, il rappresentante nordico con sede a Stoccolma dell’amministrazione autonoma curda nel nord-est della Siria. “Ma non vogliamo che l’adesione e le relazioni con la Turchia siano a nostre spese”.

Funzionari turchi e statunitensi affermano che Erdogan è motivato da preoccupazioni di lunga data sui contatti della Svezia con i membri di un’organizzazione curda siriana, collegata al Partito dei lavoratori del Kurdistan, o PKK, un gruppo considerato un’organizzazione terroristica da Stati Uniti, Turchia e Unione Europea, compresa la Svezia.

Il PKK ha condotto una lunga guerriglia contro lo stato turco in un conflitto che ha provocato la morte di ben 40.000 persone dal 1984, secondo l’International Crisis Group. Come altre nazioni occidentali, la Svezia distingue tra il PKK e altri gruppi curdi.

La Turchia chiede alla Svezia di tagliare i legami con il gruppo militante e ha chiesto alle autorità svedesi di estradare i suoi membri, insieme ai presunti seguaci di Fethullah Gulen, un religioso esiliato che la Turchia accusa di aver orchestrato un fallito tentativo di colpo di stato militare del 2016.

La Svezia finora ha sempre dato asilo agli esuli

La Finlandia è ampiamente considerata un danno collaterale nella controversia. La Turchia chiede anche a Finlandia e Svezia di revocare le restrizioni sulla vendita di armi ad Ankara. La scorsa settimana la Svezia ha dichiarato di non avere un embargo sulle armi contro la Turchia, ma di non aver rilasciato licenze per le esportazioni ad Ankara dal 2019, quando la Turchia ha lanciato operazioni militari contro i curdi nel nord della Siria.

Abdullah Öcalan
Abdullah Öcalan – NanoPress.it

Pochi osservatori ritengono che la Svezia permetterà l’estradizione di individui in Turchia. Il ministero degli Esteri svedese ha affermato che sta continuando gli sforzi diplomatici per risolvere l’impasse. Ma alcuni attivisti curdi affermano di temere che il servizio di sicurezza svedese possa prendere una linea più dura contro i membri dei gruppi curdi che si oppongono alla Turchia.

L’anno scorso, una madre curda di due figli è stata espulsa dopo che il servizio di sicurezza svedese l’ha etichettata come una minaccia alla sicurezza nazionale, senza spiegare perché. I curdi svedesi affermano anche che le vendite di armi alla Turchia danneggiano la loro causa poiché è probabile che le armi vengano utilizzate contro gruppi curdi in Turchia e nel nord della Siria.

La Svezia iniziò ad aprirsi agli immigrati dalla seconda guerra mondiale. Tra i primi ad arrivare quelli provenienti da Norvegia, Estonia e Danimarca. Ebrei da tutta Europa vennero qui. Nei decenni successivi, iraniani e rifugiati delle guerre balcaniche si stabilirono in Svezia, seguiti da persone in fuga dai conflitti in Afghanistan, Siria e oltre. Non ci sono statistiche ufficiali, ma si ritiene che i curdi in Svezia siano circa 100.000, ovvero circa l’1% della popolazione totale.

Non sono un’entità omogenea. Negli ultimi cinque decenni, i curdi in fuga da un colpo di stato militare in Turchia negli anni ’70, l’oppressione sotto l’Ayatollah Khomeini iraniano e Saddam Hussein in Iraq, e la guerra e la persecuzione in Siria hanno messo piede in Svezia. Molti curdi che si stabilirono qui erano ben istruiti e politicamente attivi. Si sono impegnati nella società civile e nelle politiche di partito in tutto lo spettro politico.

Sei parlamentari svedesi sono di origine curda. I bambini curdi possono studiare entrambi i dialetti principali del curdo come lingua madre nelle scuole svedesi. Con frustrazione della Turchia, i politici svedesi si sono incontrati ripetutamente con le YPG, una milizia curda con sede in Siria, che la Turchia vede come un’estensione del PKK.

Il futuro sempre più incerto

L’YPG ha guidato una campagna contro lo Stato Islamico in Siria e ha ricevuto armi e addestramento da una coalizione militare guidata dagli Stati Uniti supportata dalle truppe svedesi. Il braccio politico delle YPG, noto come PYD, gestisce il governo autonomo nel nord-est della Siria.

Erdogan
Erdogan – NanoPress.it

Il rappresentante del centro comunitario curdo a Stoccolma ha paragonato le YPG al popolo ucraino, che anche la Svezia sostiene. “Sono persone innocenti che si proteggono. Lo Stato Islamico era una minaccia per l’umanità”, ha detto la persona. Il signor Ali, rappresentante della regione autonoma in Svezia, ha affermato che la sua organizzazione ha quelle che ha definito “connessioni ideologiche” con parti del PKK, ma nessun legame formale.

Analisti indipendenti affermano che i due sono sempre più strettamente legati poiché il PKK, sotto la pressione di una campagna militare turca in Iraq, spinge i suoi membri in Siria. I sostenitori della causa curda attualmente beneficiano di un’enorme influenza politica in Svezia.

La coalizione di governo guidata dal primo ministro Magdalena Andersson si affida alla maggioranza di un solo parlamentare: l’indipendente Amineh Kakabaveh, ex guerrigliera di origine curda di origine iraniana che ha contribuito a spingere il governo ad approfondire la sua cooperazione con la regione autogovernata curda nel nord della Siria.

La signora Kakabaveh dice che non voterà per il bilancio del governo, che è in fase di negoziazione questo mese, o per la sua rielezione se cederà a una qualsiasi delle richieste del signor Erdogan. Martedì si è astenuta in un voto di sfiducia contro il ministro della giustizia svedese in cui ha tenuto il voto decisivo, sostenendo il governo dopo aver affermato di aver ricevuto assicurazioni che Stoccolma non si sarebbe tirata indietro contro la Turchia.