Legambiente, ritornano i campi estivi per tutelare la natura

Ritornano in tutta Italia i campi estivi di Legambiente: vi si può accedere a tutte le età. Un’esperienza di formazione che mira a tutelare l’ambiente che ci circonda, imparando cose nuove stando insieme ad altre persone. 

Campo estivo
Campo estivo – Nanopress.it

Dopo una pausa forzata, imposta dalla pandemia di Coronavirus, che ha limitato tutte le attività che, un tempo, si svolgevano senza problemi, ritornano i campi estivi di Legambiente. Potranno partecipare volontari di tutte le età, al fine di dare il proprio contributo per tutelare l’ambiente che ci circonda.

Legambiente, ritornano i campi estivi

I campi estivi di Legambiente ritornano ad essere operativi, dopo l’emergenza sanitaria. Un’ottima notizia che profuma di aria di normalità, dopo due anni trascorsi in casa, senza poter uscire e fare attività all’aria aperta, tra le altre cose.

Si tratta di un’opportunità molto interessante per tutte quelle persone che intendono prendersi cura dell’ambiente in cui vivono e sperimentare cosa significa fare squadra per raggiungere un obiettivo comune. Quest’anno le opportunità sono davvero tante e attraversano l’intero Stivale, da nord a sud e non solo: ci sarà anche la possibilità di fare un’esperienza unica anche all’estero.

Come sono organizzate le esperienze di volontariato

I campi estivi sono dedicati espressamente ai giovani, della fascia d’età che va dai 14 ai 17 anni. Anche gli adulti, però, possono accedere a un’esperienza simile, anche quelli più in là con gli anni, come spiega la Cooperativa Sociale Cigno Verde.

Ogni campo estivo ha una durata che può oscillare tra i dieci e i quindici giorni: inoltre, per chi vuole mettere in atto un’azione concreta per il territorio che si intende salvaguardare, può partecipare a 5-6 ore di volontariato al giorno.

bambini in canoa
Bambini in canoa – Nanopress.it

Le azioni per tutelare l’ambiente in cui viviamo

Quando si decide di partecipare a queste esperienze che permettono di fare gruppo e sentirsi utili nel meccanismo della tutela dell’ambiente, si possono attuare diverse azioni al fine di migliorare il mondo in cui viviamo.

Tra queste la pulizia di spiagge e parchi, escursioni, incontri con gli abitanti per parlare di biodiversità, trekking, nuotate, ripristino di strutture locali, ma anche far parte delle cosiddette missioni di citizen science, ossia contribuire a preservare le specie naturali, mediante un lavoro fotografico o di raccolta di dati.

Come dicevamo, si possono svolgere anche esperienze all’estero, visto che Legambiente fa parte dell’Alliance of European Voluntary Service Organisations che permette ai volontari anche di volare all’estero e svolgere – come afferma l’associazione ambientalista – “attività agricole a quelle a contatto con gli animali, fino all’organizzazione di festival di cultura, musica e arte”.