Le Nazioni Unite parteciperanno all’operazione ‘Grano per l’Africa’

L’Africa è in crisi e Putin promette di non attaccare Odesa se l’Ucraina smina i suoi porti per esportare grano, mentre il presidente dell’Unione africana evoca uno scenario catastrofico se la guerra continua.

Macky Sall
Macky Sall – NanoPress.it

L’attuale presidente dell’Unione Africana (UA), il senegalese Macky Sall, ha chiesto questo venerdì alla Russia una tregua nella guerra in Ucraina e di liberare le riserve di tonnellate di cereali e fertilizzanti bloccate in entrambi i paesi a causa del conflitto, per impedire che la crisi alimentare subita dal continente africano si aggravi ulteriormente.

Crisi alimentare: l’Africa chiede alla Russia di sbloccare i cereali

Sall ha evocato uno scenario catastrofico se il conflitto dovesse continuare, mentre il presidente russo Vladimir Putin ha incolpato le sanzioni occidentali per la crisi. In una successiva intervista televisiva, il presidente russo ha assicurato che le sue forze armate non assaliranno Odessa – la principale città costiera dell’Ucraina – se Kiev smina il mare per sbloccare il trasporto di grano, e che non metterà condizioni al passaggio di navi da trasporto attraverso il Mar Nero.

Entrambi i leader si sono incontrati nella città russa di Sochi, incontro a cui ha partecipato anche il presidente della commissione dell’Au, il ciadiano Moussa Faki Mahamat. Il tentativo di mediazione africana in questo conflitto nasce dall’enorme preoccupazione che esiste nel continente per l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari di base, in particolare la farina, ma anche il carburante.

L’incontro dà un sostegno internazionale a Mosca in un momento di grande isolamento. Sall ha sottolineato all’inizio del suo incontro con Putin, che diverse nazioni africane sostengono la Russia di fronte alle risoluzioni delle Nazioni Unite che condannano l’invasione dell’Ucraina.

“La posizione del continente africano è molto eterogenea e, nonostante le enormi pressioni, molti Paesi non hanno condannato la posizione russa”, ha sottolineato il presidente senegalese, che si è rammaricato che il suo continente, l’Asia e il Sud America siano stati colpiti da un conflitto lontano”.

Siccità Africa
Siccità Africa – NanoPress.it

Nell’intervista televisiva, sul canale Rossiya 24, Putin ha dichiarato che l’Occidente incolpa la Russia di una crisi alimentare che, secondo lui, era già iniziata prima di iniziare la sua campagna militare a febbraio. In ogni caso, ciò è stato aggravato da due circostanze che hanno come legame comune l’offensiva russa.

Da un lato, i combattimenti in Ucraina e il blocco dei suoi porti hanno impedito al granaio d’Europa e al quinto esportatore mondiale di grano di vendere i propri raccolti all’estero. Putin ha invece ordinato all’inizio di marzo che il suo Paese non esporti fertilizzanti o grano in risposta alle sanzioni imposte a causa del conflitto.

Lo stesso presidente ha condizionato la fine delle restrizioni alla risoluzione di questo problema nelle telefonate avute in questi giorni con il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, e con il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan. Per quanto riguarda il blocco marittimo, il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, si recherà in Turchia mercoledì prossimo per affrontare una questione che il Cremlino ha considerato “prioritaria” questo venerdì.

Dopo il suo incontro con Sall, Putin ha assicurato che nessuna nave sarà minacciata. “Garantiremo la sicurezza dell’accesso a questi porti e assicureremo l’ingresso di navi straniere e il loro movimento lungo il Mar Nero e il Mar d’Azov in qualsiasi direzione”, ha promesso. In un’intervista a EL PAÍS, il portavoce del governo turco, Ibrahim Kalin, ha affermato che questo problema potrebbe essere risolto “nelle prossime due settimane”.

Le Nazioni Unite parteciperanno all’operazione ‘Grano per l’Africa’

“Probabilmente sarà un’operazione sotto l’egida delle Nazioni Unite, con Istanbul come centro principale dell’operazione. Ci saranno rappresentanti russi e ucraini che gestiranno e monitoreranno il processo“, ha spiegato il rappresentante di Ankara. Mosca accusa l’Ucraina di aver estratto i suoi porti, tra cui Odessa e Mariupol. Prima dell’inizio dell’offensiva russa, questo problema non esisteva.

Linda Thomas-Greenfield
Linda Thomas-Greenfield – NanoPress.it

Entrambi i paesi contribuiscono per circa un terzo alla produzione mondiale di grano e, secondo le Nazioni Unite, la Russia è il principale esportatore mondiale di fertilizzanti azotati, il secondo di potassio e il terzo di fosfati. Putin contava su questa dipendenza dalla catena alimentare globale e l’11 marzo ha vietato l’esportazione di fertilizzanti sulla scia delle sanzioni.

Oltre a proporre lo sminamento dei porti ucraini con la flotta del Mar Nero in testa, Putin ha offerto un’altra opzione: revocare le sanzioni al suo alleato Bielorussia in modo che i raccolti vengano trasportati attraverso quel territorio. Proprio questo venerdì, il presidente bielorusso, Aleksandr Lukashenko, e il segretario generale dell’Onu, António Guterres, hanno discusso della questione.

Il presidente bielorusso ha offerto “ogni tipo di assistenza ferroviaria” per trasportare il grano ucraino nei porti baltici “se sono aperti ai prodotti bielorussi”, sanzionati dall’Occidente dopo la sua brutale repressione delle proteste contro le frodi elettorali del 2020, in cui Lukashenko è stato rieletto. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zajárova, ha ribadito che le esportazioni russe di fertilizzanti e cereali dipenderanno dalla revoca delle sanzioni contro il suo Paese.

Per soddisfare i suoi interessi politici e, per inciso, commerciali, l’Occidente è colui che ha introdotto restrizioni all’ingresso di navi straniere nei porti russi, servendo navi russe in porti stranieri, e che ha creato barriere insormontabili nelle assicurazioni. e transazioni bancarie”, ha affermato la portavoce, nelle dichiarazioni raccolte dall’agenzia Tass.

Tuttavia, le sanzioni non incidono sul trasporto di generi alimentari. Per calmare le preoccupazioni delle compagnie di navigazione e assicurazioni, l’ambasciatore statunitense all’ONU, Linda Thomas-Greenfield, ha assicurato questa settimana che Washington sta preparando “lettere rassicuranti” in cui verrà messo per iscritto che non saranno interessate dalle restrizioni sull’esportazione di cibo e fertilizzanti russi.

Pur disponendo di enormi risorse naturali, uno dei grandi problemi dell’Africa è la sua forte dipendenza dall’estero, soprattutto per l’energia e il cibo. In questo contesto, sia la Russia che l’Ucraina sono fornitori chiave di grano e fertilizzanti.

Putin
Putin – NnoPress.it

La possibilità di perturbazioni e instabilità dovute all’aumento del pane o della benzina, come è accaduto in passato nei paesi del Maghreb e del Sudan, e solo pochi giorni fa in Guinea, è un’altra delle conseguenze dell’inflazione in Africa. Un recente studio delle Nazioni Unite assicura che il 44% del grano importato nel continente provenga da entrambi i paesi: il 32% dalla Russia e il 12% dall’Ucraina.

Per questo il blocco alle esportazioni di questo cereale, essenziale nella dieta di milioni di africani con cui si fa il pane e altri prodotti di base, è all’origine della crisi alimentare che sta già mostrando in Africa il suo volto peggiore, e che si è aggiunta ai numerosi conflitti, shock climatici e aumenti dei prezzi dovuti al covid-19 che aveva già innescato povertà e malnutrizione in Africa.

Da qui la preoccupazione dell’Unione Africana di liberare i cereali detenuti nei porti ucraini e russi. In un messaggio inviato martedì scorso ai leader europei, l’Unione Africana ha chiesto il proprio sostegno a questa gestione prima di Putin, affermando che, altrimenti, ci sarebbe “uno scenario catastrofico di carenze e aumenti diffusi dei prezzi” e che “il peggio deve ancora venire “.

In una recente intervista alla rivista Jeune Afrique, Sall ha parlato di “carestia” e ha ricordato che l’Africa è “tra una roccia e un luogo duro”. “Il continente risente sia delle conseguenze della guerra che delle sanzioni che colpiscono la Russia (…) dopo due anni di pandemia, la situazione è diventata insostenibile”, ha concluso.