Le Marche, il laboratorio anti-abortista di Meloni in Italia

Le Marche, una delle due regioni governate dai Fratelli d’Italia, è diventata una roccaforte dove è più difficile ricevere la pillola per interrompere la gravidanza, e che costringe le donne a trasferirsi in altre zone per esercitare il loro diritto.

Giorgia Meloni ad Ancona
Giorgia Meloni ad Ancona – NanoPress.it

Maddalena, 42 anni, ha scoperto a gennaio di essere incinta. Il suo compagno l’aveva appena lasciata e lei aveva già un altro bambino piccolo che aveva cresciuto da sola. I conti che faceva con la vita non tornavano più. Né con le scadenze legali per prendere una decisione. Disperata, ha iniziato a pensare di abortire. Quando è andata dal ginecologo ha scoperto di essere già incinta di sette settimane.

Nelle Marche il tasso di obiezione di coscienza tra i medici è superiore al 70%

Il problema è che vive nelle Marche (1,5 milioni di abitanti), regione del centro-est del Paese governata da Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, dove il tasso di obiezione di coscienza tra i medici è superiore al 70%, secondo al sindacato Confederazione Generale Italiana del Lavoro (CGIL). Inoltre, il governo regionale – formato con Lega e Forza Italia – consente la somministrazione della pillola abortiva RU-486 solo fino alla settima settimana, e non fino alla nona, come in gran parte d’Italia.

A quel punto poteva solo sottoporsi ad un intervento chirurgico, autorizzato fino alla settimana 12. Così è andato dal ginecologo, un amico personale. “Mi ha detto che, a questo punto, non era più un problema suo. Mi ha buttato fuori e mi ha mandato in uno studio medico”. La storia di Maddalena, il cui nome è l’unica cosa fittizia in questa vicenda, è un esempio della prova che devono subire molte donne in alcune regioni come le Marche, dove l’arrivo del Governo di Fratelli d’Italia dopo decenni di dirigenti di a sinistra, ha accentuato il problema.

Dopodiché, è andata in ospedale e gli hanno dato appuntamento solo alcuni giorni prima della settimana 12, quando scade il termine legale. La lista d’attesa non corrispondeva all’urgenza e alle necessità di un caso del genere: doveva aspettare altri 28 giorni. “È stato un incubo, sono cresciuto e il mio amore per il bambino è cresciuto.

So che è bello avere figli, ma per me era una necessità evitarlo. Se avessi seguito le indicazioni dell’ospedale avrei dovuto aspettare altre cinque settimane, con il rischio che se avessi contratto il covid o avessero chiuso il centro per quel motivo, avrei mancato la scadenza.

Tornavo a casa, piangevo ogni giorno perché pensavo di non farcela. Ho chiamato il mio ginecologo, gli ho chiesto aiuto per trovare un posto nelle Marche per farlo, e per messaggio mi ha detto: ‘Ti faccio sapere’. Non mi ha richiamata“. Nella regione, nel 2020 sono state 1.351 le donne che hanno abortito (ultimo dato ufficiale disponibile), il 4,5% in meno rispetto alla media italiana.

Il 25 settembre il corso dell’Italia cambierà. Con molta probabilità governerà l’estrema destra e Giorgia Meloni diventerà la prima donna a raggiungere la presidenza del Consiglio dei ministri. «È quello che ci serve per mettere ordine», dice Fabrizio Minelli, residente ad Ancona (capoluogo delle Marche), nella piazza dove il politico di estrema destra ha tenuto il primo comizio di questa campagna, rivendicando questo modello di governo.

Il 25 settembrcon molta probabilità Giorgia Meloni diventerà la prima donna a raggiungere la presidenza del Consiglio dei ministri

Molte cose, però, non potranno cambiare in Italia. In ambito economico, anche in politica internazionale, dovremo rispettare il percorso aperto dall’Esecutivo Unitario di Mario Draghi. Ma i diritti civili saranno l’unica concessione allo sguardo dell’autore che il nuovo governo potrà permettersi. Francesco Acquaroli, amico personale di Meloni, governa nelle Marche da poco più di due anni. Il luogo, tra l’Appennino e il mare Adriatico, permette di intuire alcuni dei comportamenti della nuova coalizione Esecutiva.

Aborto
Aborto – Nanopress.it

Un’Amministrazione formata con Lega e Forza Italia, i cui principali esponenti —dal Ministro della Salute al Ministro per le Pari Opportunità—, appena entrati in carica si sono dichiarati contrari all’aborto. Fratelli d’Italia ha trasformato la regione in un presunto laboratorio per le elezioni politiche che si terranno in Italia il 25 settembre.

Ma i grossi problemi della zona, come le infrastrutture, la mancanza di comunicazione con il resto del Paese – non c’è alta velocità da Roma – o il calo occupazionale, continuano a punire i suoi abitanti, come spiega il segretario della Cgil, Giuseppe Santarelli.

Nella regione persistono polemiche sulla matrice fascista del partito. Il suo presidente, un anno prima delle elezioni regionali, ha partecipato ad una cena nel comune di Ascoli Piceno per celebrare l’anniversario della marcia di Benito Mussolini su Roma. Uno dei suoi massimi esponenti, Carlo Ciccioli, fucilato nel cuore di Ancona, ferendo un militante comunista.

L’elenco è lungo. Ma in ambito sociale ci sono gesti simbolici come il ritiro della sponsorizzazione regionale dalla celebrazione del LGTB Pride o la questione dell’aborto, che continua ad essere il biglietto da visita più evidente per le prossime elezioni. La pressione in questa materia è massima. E molte donne e associazioni femministe sono uscite a manifestare nelle strade.

La Meloni è stata costretta a ripetere che, se salirà al potere, non ha alcuna intenzione di abolire la legge 194, varata nel 1978. La sua idea, dice, è quella di promuovere la “prevenzione”. Ma ci sono molti modi per ostacolare il diritto all’aborto. Maddalena, ad esempio, l’ha raggiunta dopo un lungo calvario psicologico nella sua regione (molte donne si trasferiscono in Toscana, Lazio o Emilia Romagna).

Coloro che rimangono coinvolti nella burocrazia e negli ostacoli amministrativi finiscono quasi sempre per chiedere aiuto ai gruppi di attivisti. Si è rivolta all’AIEDE (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica), onlus che opera in tutta Italia. Ma prima ha dovuto ottenere l’autorizzazione dal ministero della Salute, per il quale è stata costretta a minacciare di ingerire una dose eccessiva della cosiddetta pillola del giorno dopo.

“Questo è l’unico modo in cui ho avuto loro di darmelo. Ho aspettato otto ore e sono uscito con il foglio ufficiale. Ho inviato una foto all’associazione e sono riuscito ad abortire due settimane dopo”. L’AIED, che nelle Marche ha sede nel comune di Ascoli Piceno, è stata costituita nel 1953 e ha portato avanti grandi battaglie in questo campo. Il problema è che la legge del 1978 lascia poco spazio e molte volte le donne devono andare in altri paesi per abortire. Tiziana Antonucci è la presidente di questa regione.

Ketty Pesaresi, delegata Sanità del sindacato Cgil, sottolinea che al di là di una questione di principi, è anche una questione di pressioni

Nelle Marche è più grave perché l’assessore alle Pari Opportunità, Giorgia Latini, della Lega, si è dichiarata contraria all’aborto e ha impedito alla Regione di aderire al decreto Speranza. Si riferisce alla norma che estendeva il termine di fornitura della pillola abortiva fino a nove settimane. Un cambiamento fondamentale, perché è difficile per le donne rendersi conto di essere incinta fino a sei settimane.

Manifestante per l'aborto negli USA
Manifestante per l’aborto negli USA – Nanopress.it

Poi, la legge italiana ci obbliga ad aspettare ancora una settimana per riflettere, senza lasciare quasi nessun margine. “Si tratta di misure contro l’autonomia delle donne e la loro indipendenza. Stiamo tornando a un’epoca più simile all’Afghanistan. Siamo spiacenti. Ma mi stanno chiamando da tutti i paesi, quindi la paura deve essere generale. L’associazione di Antonucci effettua aborti all’ospedale di Ascoli Piceno (consentito il sabato) con ginecologi extra marchigiani. I proprietari dei centri medici della regione quasi lo rifiutano.

Ketty Pesaresi, delegata Sanità del sindacato Cgil, sottolinea che al di là di una questione di principi, è anche una questione di pressioni (in alcune province, come Fermo, non si pratica un solo aborto). “Molti medici non sono obiettori. Ma sanno che se vogliono fare carriera devono mettersi in profilo.E di più ora”, dice.

Ed è vero che le cose sono peggiorate, ma per anni anche la sinistra ha guardato dall’altra parte, quando in questa regione i numeri erano altissimi. «È un problema culturale, ma per la politica, in realtà, è solo un problema di potere», insiste.La situazione, però, è nettamente peggiorata con l’arrivo della destra.

E il clima negli ospedali non è buono. Un ginecologo di questi centri, che non vuole fare il suo nome per paura di rappresaglie, insiste sul fatto che la parte sull'”interruzione farmacologica è una questione politica”. “Non abbiamo la guida per farlo. E dal punto di vista formale si può fare solo fino a sette settimane e solo negli ospedali.

Non può essere somministrato in regime ambulatoriale, il che riduce l’intimità del processo e fa sì che molti si dimettano”. Significativamente elevato il volume degli obiettori in sanità pubblica nelle Marche. Ma molti, insiste questo ginecologo, non adottano quella posizione per una ragione morale. “È un intervento di peso. E molti non lo fanno, semplicemente per avere una responsabilità in meno”. E in questo, Le Marche possono anche essere un modello dal 25 settembre in poi.