La visita di Nancy Pelosi a Taiwan scatena la rabbia della Casa Bianca

La scommessa di Biden sulla stabilità della regione indo-pacifica esce male dal tour asiatico del leader americano, anche a causa della visita della Pelosi a Taiwan.

Nancy Pelosi atterra a Taiwan
Nancy Pelosi al suo arrivo a Taiwan-Nanopress.it

La visita di Nancy Pelosi a Taiwan ha messo la Casa Bianca in una posizione scomoda. Sebbene negli Stati Uniti l’Esecutivo e il legislatore condividano una posizione dura nei confronti di Pechino, il fatto che il Presidente della Camera dei Rappresentanti abbia messo piede sull’isola nel bel mezzo del conflitto ucraino, con la Cina nell’orbita della Russia, ha aggiunto inutili tensioni alle tradizionalmente difficili relazioni tra Washington e Pechino.

La Pelosi ha fatto irritare contemporaneamente Cina e Stati Uniti

Ha anche costretto il governo a esercitare l’equidistanza che, senza sconfessare il veterano democratico, consente all’amministrazione Joe Biden di uscire dalla trance. Pura retorica discorsiva, con il corrispondente lubrificante della diplomazia, di fronte alla palpabile minaccia militare nello Stretto di Taiwan, dove l’esercito cinese terrà manovre a fuoco vivo a partire da questo giovedì.

Di fronte alla tiepidezza dei suoi colleghi di partito alla Casa Bianca, Pelosi ha goduto del sostegno entusiasta di molti repubblicani. “Come abbiamo detto, il presidente ha il diritto di visitare Taiwan, come hanno già fatto altri presidenti della Camera, senza incidenti, e molti membri del Congresso per anni, compreso questo”, ha affermato John Kirby, coordinatore della comunicazione strategica per il Consiglio della sicurezza nazionale.

Ma… “il viaggio è stata una sua decisione, e il Congresso è un ramo indipendente del governo, come tutti sapete”, ha sottolineato l’alto funzionario durante la conferenza stampa quotidiana alla Casa Bianca. Né il luogo scelto per la dichiarazione né il contenuto della dichiarazione erano incidentali. Garantire misure di sicurezza intorno al viaggio di Pelosi nella regione ha presto cessato di essere l’obiettivo principale della Casa Bianca.

L’amministrazione Biden si è subito concentrata sulla riduzione del rischio. Un sì ​​ma no in termini di opportunità e rilevanza del viaggio che Kirby ha spiegato con una moltitudine di avversari. “Il viaggio è pienamente coerente con la nostra tradizionale politica della Cina unica”, come è nota la dottrina dell’ambiguità strategica, che esclude il sostegno ad azioni unilaterali della Cina nazionalista, ma allo stesso tempo riafferma il sostegno di Washington alla sua sicurezza e difesa.

In altre parole, il riconoscimento diplomatico del principio guida fondamentale di Pechino secondo cui esiste un solo governo cinese. Secondo questa dottrina, gli Stati Uniti riconoscono e hanno legami formali con Pechino, non con l’isola di Taiwan, che la Cina vede come una provincia irredimibile che spera un giorno di riportare all’ovile. Washington non rifiuta né accetta la pretesa di Pechino su Taiwan, ma non riconosce nemmeno l’indipendenza dell’isola.

Quel difficile equilibrio è ora scosso dall’azione di Pelosi, che ha ignorato l’avvertimento pubblico del presidente Biden secondo cui l’esercito americano considerava la visita “non una buona idea in questo momento”. La visita ha sollevato sospetti anche in chiave regionale. Se fin dal primo minuto del suo mandato Biden ha chiaramente optato per una strategia economica e diplomatica in Asia per contrastare la Cina, rafforzando le alleanze, la manovra di Pelosi lascia particolarmente esposti i partner regionali: dal Giappone all’Australia, passando per la Corea del Sud o le piccole ma strategiche Isole Salomone.

Il messaggio di Biden resta lo stesso: nonostante la disputa in Ucraina, Washington non ha dimenticato i suoi amici asiatici

Il messaggio di Biden resta lo stesso: nonostante la disputa in Ucraina, Washington non ha dimenticato i suoi amici asiatici, in una regione soggetta a grandi linee di forza, quelle segnate dalla Cina e dal suo tradizionale rivale, l’India. Con uno stato fallito come lo Sri Lanka, alimentato dagli interessi di Pechino e Nuova Delhi, e con l’Afghanistan riattivato come vespaio jihadista, aggiungere instabilità alla regione è come giocare con il fuoco.

Joe Biden
Il Presidente Joe Biden – Nanopress.it

A sostegno di Pelosi è uscito l’alto staff del partito repubblicano, con una lettera firmata dal leader della minoranza repubblicana al Senato, l’influente Mitch McConnell, e altri 25 senatori. Un articolo della stessa Pelosi, pubblicato sul Washington Post appena sbarcata a Taipei, sottolinea “l’incrollabile impegno degli Stati Uniti per la vibrante democrazia di Taiwan”, ma senza andare oltre. Kirby ha ribadito, nel caso ci fossero dei dubbi al riguardo: “Ci opponiamo a qualsiasi cambiamento unilaterale dello status quo da parte di una qualsiasi delle parti. Non sosteniamo l’indipendenza di Taiwan e speriamo che le differenze tra l’uno e l’altro lato dello stretto si risolvano pacificamente”.

Affinché non sembrasse un emendamento all’intero viaggio, Kirby ha reso brutta Pechino per aver reso la visita un’altra crisi o almeno “un pretesto per aumentare la sua aggressività e la sua attività militare nello stretto”. Per alimentare ulteriormente il dibattito, il veterano senatore democratico Bob Menendez, che presiede la commissione per gli affari esteri della Camera, ha chiesto alla Casa Bianca meno ambiguità nel suo sostegno all’isola di fronte alle minacce cinesi, sostenendo che Pechino può ripetere a Taiwan lo scenario provocato da Mosca in Ucraina. Menendez ha espresso il suo disaccordo con quello che considera un tatto eccessivo da parte di Washington questo mercoledì in una galleria del New York Times.

La polemica è andata oltre i limiti della Casa Bianca per alimentare un aspro dibattito. “Completamente sconsiderato.” Questi erano i termini usati dall’editorialista veterano Thomas Friedman per descrivere l’iniziativa di Pelosi nelle stesse ore di giornale prima che lo scalo a Taipei fosse confermato.

Se la Pelosi andrà avanti, ha scritto Friedman, “contro la volontà del presidente Biden, farà qualcosa di completamente sconsiderato, pericoloso e irresponsabile”. La tribuna abbondava nell’inopportunità dell’azione, per aggiungere un altro fronte attivo alla Russia già esistente. “Se pensano che gli alleati europei, bloccati in una guerra esistenziale con la Russia, ci sosterranno [in aperto conflitto con Pechino], interpretano male il mondo”. Il pezzo che Pelosi ha mosso, ricorda Friedman, disfa i mesi di continui sforzi diplomatici per convincere Pechino a non allinearsi con la Russia, con l’intervento diretto anche del presidente Biden e del Consigliere per la sicurezza nazionale.

A giugno, il presidente cinese Xi Jinping ha espresso il forte sostegno di Pechino al Cremlino nelle sue richieste all’Ucraina. Il fatto che la Cina sia uno dei maggiori produttori di droni al mondo non è banale: ciò di cui l’esercito russo ha più bisogno ora, con la guerra bloccata al fronte, sono proprio i droni. Secondo fonti dell’amministrazione Biden, la risposta della Cina è stata quella di garantire che non fornirà aiuti militari a Mosca.