La Ue vuole la chiusura dell’accordo nucleare con l’Iran

Dopo 16 mesi di negoziati, la UE considera “ragionevole” la risposta di Teheran alla sua proposta, in attesa della valutazione di Stati Uniti e Regno Unito.

Immagni satellitari delle installazioni nucleari iraniane
Immagni satellitari delle installazioni nucleari iraniane – NanoPress.it

La Ue vede sollievo in un mondo saturo di tensioni geopolitiche – sotto forma di guerre (Ucraina), conflitti infiniti (Gaza) o minacce alla stabilità (Taiwan) – e prezzi del carburante alle stelle. Dopo 16 mesi di interminabili trattative, l’epilogo per chiudere un nuovo accordo nucleare con l’Iran sembra vicino. La risposta del regime teocratico all’ultimo testo proposto da Bruxelles è “ragionevole”, sottolineano fonti europee, che auspicano che questo capitolo possa chiudersi definitivamente entro la fine della settimana.

Dopo 16 mesi di interminabili trattative, Ue ed Iran stanno per accordarsi

Resta da vedere un’analisi più approfondita delle proposte di Teheran, pervenute lunedì in ritardo. E il voto favorevole di Regno Unito e Stati Uniti è nell’aria, pressati da questioni politiche interne. Gli ayatollah chiedono chiarimenti su tre aspetti per dare un sì definitivo, e soprattutto alcune garanzie minime per evitare una rottura brusca dell’accordo, come quella portata avanti dagli Usa di Donald Trump.

Ma, a prima vista, nel capitale comunitario l’accordo è molto stretto. Nonostante il marcato ottimismo, manca ancora un parere decisivo: quello degli Stati Uniti e, soprattutto, quello del suo presidente, Joseph Biden. “Abbiamo ricevuto i commenti dell’Iran attraverso l’UE e li stiamo studiando. Condividiamo la nostra visione con l’UE”, ha dichiarato il Dipartimento di Stato americano, secondo l’agenzia Efe. Una risposta molto simile arriva dai portavoce ufficiali a Bruxelles:

“Abbiamo ricevuto la risposta ieri sera. Ci stiamo consultando con altri firmatari del JCPOA [acronimo ufficiale in inglese dell’accordo nucleare] e gli Stati Uniti sulla strada da seguire”. Fonti diplomatiche europee, sotto l’ombrello dell’anonimato, vanno oltre parlando di una risposta “ragionevole” da parte di Teheran.

L’accordo potrebbe chiudersi venerdì. Il tempo gioca, paradossalmente, a favore di una chiusura rapida di quel patto: se non fosse stato concordato questa settimana, gli Stati Uniti aprirebbero una parentesi fino alla fine delle elezioni di medio termine, in autunno.Oltre all’Unione Europea, nel negoziato con l’Iran sono coinvolti altri attori internazionali.

L’UE è il coordinatore dei colloqui di nomina delle Nazioni Unite tra il regime teocratico e i cinque membri del Consiglio di sicurezza (Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito), più la Germania, i paesi che si sono impegnati di revocare le sanzioni a Teheran nella prima edizione di questo patto nel 2015 in cambio della rinuncia degli ayatollah allo sviluppo dell’arma atomica.

Bruxelles, inoltre, mostra un certo ottimismo anche sulle scadenze

Per questo, le stesse fonti che vedono ragionevole la risposta iraniana sono caute fino a quando non conoscono la risposta di Washington e Londra, la cui posizione in questo giro di colloqui è stata condizionata dalla sostituzione di Boris Johnson e dagli alti e bassi dei candidati a diventare primo ministro, i conservatori Liz Truss e Rishi Sunak. Gli Stati Uniti hanno chiesto a Teheran di rinunciare a “richieste aggiuntive, bizzarre e inaccettabili che vanno oltre la portata” dell’accordo nucleare.

Esplosione atomica
Esplosione atomica – NanoPress.it

Queste parole, pronunciate lunedì dal portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price, sembrano essere un chiaro riferimento al fatto che gli iraniani non possono rivendicare la piena certezza che gli Stati Uniti non si ritirerebbero dall’accordo se avessero un altro presidente diverso da Joe Biden, cosa che il repubblicano Donald Trump già nel 2018.

Proprio questo aspetto è quello su cui, secondo le fonti consultate, l’Iran ha chiesto chiarimenti e ha mostrato dubbi. Fonti diplomatiche aggiungono che in questo campo Teheran chiede piccolissime garanzie su quanto già discusso, poiché andare oltre significherebbe far deragliare l’intero processo. “Non si può dire che ci sia un accordo, ma siamo più vicini di prima”, ha scritto su Twitter Mohamed Marandi, il responsabile della comunicazione iraniano nei negoziati.

Teheran sta dando indicazioni che spera di ottenere un risarcimento se Washington si ritira di nuovo dall’accordo, come ha fatto Trump nel 2018. Anche i negoziatori iraniani sembrano fiduciosi che verranno trovati meccanismi per l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) per annullare l’accordo.

E sebbene rimanga in silenzio sulla sua richiesta di lunga data che i Guardiani della Rivoluzione siano rimossi dall’elenco delle organizzazioni terroristiche stilato dagli Stati Uniti, Teheran sta inviando segnali di ricerca di una soluzione alla sua richiesta al di fuori del testo finale di l’accordo nucleare proposto dall’UE.Come clausola di salvaguardia, l’Iran solleverebbe la possibilità di non smantellare l’eccesso di centrifughe per l’arricchimento dell’uranio che ha accumulato da quando Washington ha sospeso il patto atomico.

Secondo le informazioni dell’agenzia Bloomberg, Teheran vuole assicurarsi di poter rapidamente invertire i limiti imposti dall’accordo nucleare (un massimo di 5.060 centrifughe convenzionali) se gli Stati Uniti sbatteranno la porta e si ritirano nuovamente.