L’UE riprende l’allargamento dei Balcani con Albania e Macedonia del Nord

I Ventisette della Ue raggiungono la necessaria unanimità, dopo un accordo che costringe Skopje a modificare la propria Costituzione, a causa di un conflitto identitario e culturale con la Bulgaria.

Petr Fiala, Dimitar Kovacevski, Edi Rama e Ursula von der Leyen
Petr Fiala, Dimitar Kovacevski, Edi Rama e Ursula von der Leyen – NanoPress.it

La parola “storico” si è ripetuta questo martedì più volte a Bruxelles durante l’apertura dei negoziati per l’adesione all’UE di Albania e Macedonia del Nord, due paesi parcheggiati da anni nella lobby del club senza nemmeno dare loro la possibilità di se mostrare o meno le credenziali per l’ingresso.

La Ue diventerà a 29 con Albania e Macedonia del Nord

Infine, i Ventisette hanno raggiunto l’unanimità necessaria per avviare il processo dopo che la Bulgaria ha risolto le sue ultime divergenze con la Macedonia del Nord. Bruxelles si augura che il negoziato con entrambi i candidati dia impulso all’allargamento dei Balcani occidentali, un’area delicata e vulnerabile, soprattutto nel contesto della guerra contro l’Ucraina.

“Siamo indubbiamente a un bivio della storia e stiamo assistendo a cambiamenti nel nostro scenario geostrategico, di cui voi fate parte”, ha affermato il vicepresidente della Commissione europea e Alto rappresentante per la politica estera dell’UE, Josep Borrell, a l’avvio delle conferenze intergovernative che hanno segnato consecutivamente l’apertura dei negoziati con Skopje e Tirana.

“Possiamo solo andare avanti insieme, integrando i Balcani occidentali nell’UE. Senza i vostri paesi non saremo completi”, ha aggiunto. La Macedonia del Nord è stata riconosciuta come candidata ufficiale per l’ingresso nel 2005 e l’Albania nel 2014, ma l’apertura dei negoziati (la prima in otto anni) è arrivata solo martedì. Alle conferenze intergovernative hanno partecipato il primo ministro macedone, Dimitar Kovacevski, e l’albanese, Edi Rama. La delegazione europea è stata presieduta da Jan Lipavsky, ministro degli Esteri della Repubblica Ceca, Paese che presiede il Consiglio dell’UE questo semestre.

Le successive conferenze stampa sono state molto più tranquille di quella del vertice Ue con i Balcani di fine giugno, quando Kovacevski, Rama e il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, hanno attaccato i partner europei e, soprattutto, contro la Bulgaria, che ha posto il veto l’apertura di negoziati a causa di un conflitto di identità e linguistico con la Macedonia del Nord.

La vertenza è stata risolta grazie alla mediazione della Francia, che ha detenuto la presidenza europea lo scorso semestre. Sofia ha alzato il piede dal freno in cambio di Skopje che modifica nuovamente la sua Costituzione. Questa volta, per includere i bulgari di etnia (circa 3.500 in un paese di 1,8 milioni di abitanti) tra i gruppi costitutivi riconosciuti dello stato. Esaminerai anche il resoconto nei tuoi libri di testo dell’occupazione da parte della Bulgaria (un alleato nazista) dell’attuale Macedonia del Nord durante la seconda guerra mondiale.

Uno dei problemi con l’accordo contraffatto da Parigi è che ha un punto di partenza. I negoziati inizieranno solo quando sarà approvato l’emendamento costituzionale, che richiede il sostegno di due terzi dei deputati. Una maggioranza che il governo guidato dai socialdemocratici non ha. Si rafforza anche l’iniziativa di sottoporre l’accordo a referendum. La sensazione generale tra i candidati balcanici all’adesione all’UE è che la mancanza di volontà politica li condanni ad avanzare a passo di lumaca.

In otto anni di negoziati, la Serbia ha chiuso a malapena due dei 35 capitoli richiesti, e il Montenegro, tre

In otto anni di negoziati, la Serbia ha chiuso a malapena due dei 35 capitoli richiesti, e il Montenegro, tre. Ma il caso di Skopje è un percorso ad ostacoli particolare. L’allora provvisoriamente denominata Vecchia Repubblica Jugoslava di Macedonia si è svolta nel 2004 e ha ricevuto lo status di candidato un anno dopo. La Grecia ha bloccato il suo ingresso fino a quando i primi ministri Zoran Zaev e Alexis Tsipras hanno firmato uno storico accordo sulle rive del lago di Prespa nel 2018, ponendo fine a un conflitto di 27 anni sul nome del Paese.

ursula von der leyen
ursula von der leyen – NanoPress.it

Zaev ha rischiato la sua posizione per attuare una riforma costituzionale con la quale il paese è stato ribattezzato Repubblica della Macedonia del Nord.Si è poi imbattuto nel presidente francese, Emmanuel Macron, che ha finito per forzare un inasprimento dei criteri di adesione.

Una volta risolti i dubbi di Parigi, Skopje si trovò con una nuova recinzione da scavalcare: Sofia usò il veto per le differenze sulle radici bulgare della nazione e della lingua macedone prima della sua creazione, nel 1944, come repubblica all’interno dell’ormai estinta Jugoslavia socialista di Tito.

Non era raro che uno Stato membro approfitti della sua appartenenza all’UE per affrontare i conflitti bilaterali da una posizione di forza con un paese – generalmente un vicino – che aspira all’adesione. Lo ha fatto la Francia con la Spagna per la questione agricola negli anni Ottanta o con la Slovenia nel 2009 quando ha interrotto il primo tentativo della Croazia di entrare nell’UE a causa del conflitto territoriale ancora in corso sul Golfo di Pirán. Zagabria ha finito per diventare l’ultimo paese ad entrare nell’UE nel 2013, quando la voglia di allargamento stava già cominciando a svanire.

La novità, in questo caso, è che è “la prima volta in un processo di adesione che l’Unione europea sostiene le richieste sull’identità di un candidato da parte di uno Stato membro (Bulgaria) e le integra nei criteri di adesione“, difende via email Malinka Jordanova, analista ed ex direttrice dell’European Policy Institute di Skopje specializzata nel processo di adesione.

“La proposta francese non è un accordo di compromesso, è un ricatto addolcito”, dice Jordanova, che si rammarica che il patto abbia “accresciuto la divisione e la crisi” nel Paese e “scoraggiato gli attori più europeisti”, sia in La Macedonia del Nord come nel resto dei Balcani non appartenenti all’UE: Serbia, Montenegro, Albania, Bosnia e Kosovo, riconosciuta come Stato da tutti i paesi dell’UE, tranne cinque, tra cui la Spagna.L’avvio dei negoziati è stato accolto in modo diverso nei due paesi.

L’Albania finora era stata tenuta in ostaggio dal veto bulgaro

L’Albania – che era stata tenuta in ostaggio dal veto bulgaro e stava valutando la possibilità di dimettersi e di avviare trattative da sola – tira un sospiro di sollievo, pur consapevole che un reddito effettivo è ancora lontano, se arriverà. Al contrario, nella Macedonia del Nord, le reazioni vanno dall’indignazione alle dimissioni.

La bandiera dell'Unione Europea
La bandiera dell’Unione Europea – Nanopress.it

Skopje è stata teatro nelle ultime settimane di manifestazioni contro il patto e la seduta in cui è stato approvato (con 68 sì su 120 deputati) è stata molto arrabbiata, con grida, striscioni come “Ultimatum, no, grazie” e persino un vice con una vuvuzela.

I parlamentari del partito nazionalista di opposizione Organizzazione rivoluzionaria interna della Macedonia-Partito democratico di unità nazionale macedone erano assenti dal voto. Consapevole di ciò, il commissario europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi, ha avvertito martedì Kovacevski nella conferenza stampa che sarà necessario avere tutte le parti, compresa la società civile. “Abbiamo bisogno che tutti nella Macedonia del Nord lavorino per il Paese e per il suo ingresso nell’UE”, ha affermato. Várhelyi ha rivolto una richiesta simile a Rama.

E ha ricordato a entrambi i leader che il consenso nazionale è una condizione essenziale per portare avanti un negoziato che trasformerà i loro paesi man mano che avanza. In cambio, ha promesso, le riforme intraprese per adeguarsi alla normativa Ue avranno “un impatto enorme e positivo sulla società, sull’economia e porteranno benefici immediati ai cittadini”.

I due paesi aspettavano da anni questo passo per entrare a far parte di un club che conta 27 membri, due dei quali – Slovenia e Croazia – facevano parte della Jugoslavia, così come la Macedonia del Nord.

L’impazienza dei Paesi balcanici è stata stimolata dall’Ucraina, Paese che ha presentato domanda di adesione dopo l’invasione russa del 24 febbraio e che in soli tre mesi è stato riconosciuto candidato insieme alla Moldova. L’interesse dell’Ue a completare la sua mappa è cresciuto anche visto il rischio che il presidente russo, Vladimir Putin, destabilizzi l’area grazie soprattutto ai suoi buoni rapporti con la Serbia e con l’entità serba in Bosnia-Erzegovina, la Republika Srpska.