La Tunisia vota su una nuova costituzione ‘Presidenziale’

Se la Tunisia adotterà questa nuova Costituzione, il presidente Kais Saied potrebbe estendere il suo mandato e aumentare i poteri della presidenza, riducendo quelli del parlamento.

Kais Saied
Kais Saied – NanoPress.it

I tunisini hanno iniziato a votare lunedì su una nuova costituzione che concederebbe al presidente Kais Saied poteri significativi, una mossa che secondo l’opposizione politica e gli attivisti spinge il paese nordafricano verso il governo di un solo uomo un decennio dopo essere emerso dalla primavera araba come l’unica democrazia in la Regione.

Il presidente Saied ha presentato una bozza di una nuova costituzione alla fine di giugno

Il presidente Saied ha presentato una bozza di una nuova costituzione alla fine di giugno. Se adottato, concederebbe al presidente la possibilità di estendere il suo mandato oltre l’attuale limite di due mandati presidenziali. Aumenterebbe anche i poteri della presidenza e ridurrebbe quelli del parlamento, che, secondo la costituzione esistente, controlla la portata dell’esecutivo.

Molti cittadini della Tunisia affermano che boicotteranno il voto, che non ha un tasso minimo di partecipazione. Negli ultimi giorni, centinaia di persone sono scese in piazza per protestare contro la nuova bozza di costituzione e contro il governo di Saied. La polizia ha usato spray al peperoncino e bastoncini per disperdere una folla che cercava di marciare verso il ministero dell’Interno e ha arrestato nove persone venerdì.

“È un falso referendum”, ha detto Sarra Salah, una donna disoccupata che ha marciato sabato. “Penso che dopo lunedì, le persone dovrebbero continuare a combattere per rovesciare il regime di Kais Saied”.I tunisini hanno estromesso l’ex presidente Zine El Abidine Ben Ali, un autocrate che ha governato il paese per più di due decenni, nel 2011. Morì in esilio nel 2019.

La Commissione internazionale dei giuristi, un gruppo di difesa che ha sede a Ginevra, ha affermato la scorsa settimana che la bozza di costituzione del signor Saied rimuove i controlli essenziali sui poteri presidenziali e “riporta la Tunisia a un ordine costituzionale autocratico”. Un rapporto di Amnesty International afferma che, se adottata, “[la costituzione] indebolirebbe l’indipendenza della magistratura, concederebbe al presidente il diritto di dichiarare uno stato di emergenza a tempo indeterminato e governare senza controllo”.

La costituzione della Tunisia è stata istituita nel 2014. Ha istituito un governo basato su un sistema parlamentare ed è stata eliminata dopo il dialogo a livello nazionale. La bozza di costituzione del signor Saied, al contrario, è stata redatta rapidamente, in circa un mese, e in gran parte senza la consultazione delle organizzazioni della società civile e dei partiti politici.

Consente al presidente di prolungare il suo mandato a tempo indeterminato in caso di pericolo imminente, che era la stessa scusa che ha usato l’anno scorso per prendere il potere. Il Parlamento non può mettere sotto accusa il presidente. La pubblicazione del nuovo progetto di costituzione alla fine del mese scorso ha suscitato un’ondata di critiche da parte di esponenti dell’opposizione, gruppi della società civile tunisina e organizzazioni per i diritti internazionali.

La Tunisia verso pieni poteri al Presidente

Sadok Belaid, un ex professore di diritto che guidava il comitato di redazione, ha affermato che la bozza somigliava poco alla versione presentata dal suo comitato e che, se approvata, avrebbe potuto portare a “un regime dittatoriale vergognoso”. Poco dopo, il signor Saied ha affermato che la bozza conteneva errori, inclusa la mancata specificazione di come sarebbe stato eletto il parlamento.

Bandiera Tunisia
Bandiera Tunisia – NanoPress.it

Le sue revisioni l’8 luglio hanno fatto ben poco per alleviare le preoccupazioni dei suoi critici. Lunedì, da un seggio elettorale a Tunisi, Saied ha difeso la sua costituzione, dicendo che protegge la libertà e la democrazia. “Stiamo stabilendo uno stato di diritto”, ha detto. Molti comuni tunisini hanno rinunciato a partecipare alla politica, cosa che, secondo loro, ha fatto ben poco per alleviare i problemi economici del Paese.

Solo circa mezzo milione, su 11,8 milioni di tunisini, ha partecipato a una consultazione online che il signor Saied ha organizzato da gennaio a marzo per cercare l’opinione pubblica per una nuova costituzione. Gruppi politici, come il partito islamista Ennahda, hanno contribuito a organizzare manifestazioni e hanno chiesto alla gente di manifestare il proprio malcontento rinunciando al voto.

Ennahda è la principale opposizione del signor Saied. Ma Fadhel Abdelkefi, presidente di un piccolo partito politico liberale chiamato Afek Tounes, ha detto che i membri del suo partito intendono votare “no”. Ha detto che i partiti politici come il suo rischiavano di essere costretti a sciogliersi se la costituzione fosse approvata e ha aperto la strada al signor Saied per implementare un nuovo codice elettorale questo autunno.

“È un referendum ingiusto”, ma “rimarremo in lotta”, ha affermato Abdelkefi. Alcuni tunisini, come il 30enne Farhat Zaghbani, rimangono a favore del signor Saied nonostante le sue mosse nell’ultimo anno. Lunedì, il sig. Zaghbani ha votato per la nuova costituzione. “Sono con il processo perché il presidente sta combattendo la corruzione”, ha detto. Una data per l’esito del voto non è stata annunciata, ma potrebbe essere dichiarata già martedì.