La Sinistra o il nuovo ‘Trump’? 3 settimane da infarto per la Colombia

Il leader di sinistra, Gustavo Petro, vince il primo turno con il 40,3% e si contenderà il potere con Rodolfo Hernandez, l’ex sindaco di Bucaramanga (28,2%), che ha subito ricevuto il sostegno dello sconfitto Fico Gutiérrez.

Gustavo Petro
Gustavo Petro – NanoPress.it

Colombia: dopo decenni la ‘destra storica’ perde il Paese

La Colombia ha votato questa domenica contro l’establishment e contro la tradizione politica che ha sempre governato il Paese. Il leader della sinistra, Gustavo Petro, ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali con il 40% dei voti, seguito dal candidato populista, Rodolfo Hernández, con il 28%.

In un Paese dove la sinistra non ha mai governato, Petro ha nettamente prevalso, ma questo è solo il primo turno della corsa presidenziale che si definirà il 19 giugno. Tra tre settimane riapriranno le urne e metteranno alla prova la capacità della sinistra di trasferire la sua vittoria a un secondo turno, in cui affronterà il candidato più inaspettato.

L’irruzione dell’indefinibile ex sindaco di Bucaramanga, che nessuno vedeva arrivare fino alla fine della campagna, anticipa una battaglia serratissima. Il grande perdente di giornata è stato il candidato di destra, Federico Fico Gutiérrez. L’ex sindaco di Medellín è diventato il volto della continuità durante la campagna, che però ha finito per divorarlo.

Fico, nonostante si presentasse come un politico indipendente, era sostenuto da tutto il potere politico del Paese. Dall’Uribismo ai due grandi partiti tradizionali, il conservatore e il liberale, che avevano deciso di stringere con lui i ranghi di fronte all’avanzata di Petro. Nelle sue prime parole pubbliche, Gutiérrez ha ammesso la sconfitta e ha approvato inequivocabilmente Hernández per il secondo turno.

Sinistra storica o ‘nuovo’ che avanza?

Questo complica le cose per Petro. Fico, con il 24%, ha aggiunto poco più di cinque milioni di voti. Hernandez ne ha gestiti quasi sei. Se l’intero establishment che ha sostenuto Fico andasse direttamente con Hernández, si arriverebbe a 11 milioni di voti. Il leader della sinistra ha ottenuto questa domenica 8,5 milioni di voti.

Rodolfo Hernandez
Rodolfo Hernandez – NanoPress.it

Il giorno delle elezioni è trascorso normalmente in tutto il paese dopo la campagna più tesa che si ricordi in Colombia. Gli elettori sono andati alle urne con la certezza di una vittoria per Petro, ma nessuno ha osato mettere le mani nel fuoco per chi sarebbe stato il secondo.

Dopo mesi in cui le urne hanno tracciato una battaglia a doppio senso tra il candidato di sinistra e il leader di destra, entrambi i candidati hanno ristagnato, e un terzo ha iniziato una cavalcata silenziosa, che però ha dato eccellenti frutti.

I risultati hanno confermato che durante l’ultima settimana, Hernández ha continuato a ottenere supporto. Lo ha fatto a modo suo, attraverso manifestazioni su Instagram e Facebook, e senza partecipare a nessuno dei dibattiti tra gli altri candidati. Rodolfo, che molti già chiamano il Trump colombiano, è arrivato domenica convinto della sua vittoria: “Oggi si fa la storia”.

Una volta che i risultati sono stati conosciuti, dalla cucina di casa sua, un solitario.Petro non ha avuto vita facile in queste elezioni. Durante i mesi della campagna ha moderato i suoi interventi e si è mostrato particolarmente calmo nei dibattiti elettorali.

Fra tre settimane il ballottaggio

Confrontarsi con Fico significava affrontare tutto quello che aveva sempre affrontato, ma ora aveva anche il sostegno di gran parte di una società che chiedeva un cambio di rotta.

Fico Gutierrez
Fico Gutierrez – NanoPress.it

Gran parte della società ha votato per il cambiamento, dopo decenni di governi conservatori, sempre nelle mani della stessa élite politica. La caduta di Gutiérrez fa della classica battaglia tra destra e sinistra una storia d’altri tempi.  Questo era lo scenario del ballottaggio fino a quattro anni fa, ma da allora il Paese è cambiato molto.

Nel 2018, il candidato dell’Uribe Iván Duque ha vinto al primo turno e lo ha fatto di nuovo al secondo contro Gustavo Petro. La luna di miele con il presidente è stata di breve durata, appena un anno dopo essere salito al potere, Duque ha dovuto affrontare la difficoltà dell’epidemia sociale che ha colpito il Paese nel 2019.

Migliaia di persone sono scese in piazza per mostrare il loro malcontento in proteste che sono diventate sempre più frequenti e che nel 2021 si sono ripetute con tale forza in tutto il Paese, da durare per più di due mesi e paralizzare intere città della Colombia. Con il secondo posto dell’eccentrico candidato Rodolfo Hernández, la battaglia cambia asse.

La Colombia ha scelto il cambiamento a tutti i costi, quello alla sinistra di Petro (62 anni) o quello all’ignoto di Hernández (77 anni).  La sinistra genera un’enorme paura nell’intera élite politica, che è pronta a votare per chiunque altro oltre a lui. Alla Colombia mancano tre settimane di infarto.