La scia perduta dei profughi al confine tra Polonia e Bielorussia

La Polonia considera chiusa la crisi con la costruzione di una recinzione, ma continuano ad arrivare migranti e richiedenti asilo, mentre centinaia sono nei centri di detenzione.

Il Primo Ministro Polacco e il reponsabile degli Interni visitano il confine tra Polonia e Bielorussia
Il Primo Ministro Polacco e il reponsabile degli Interni visitano il confine tra Polonia e Bielorussia – NanoPress.it

Le severe condizioni invernali e le pressioni dell’UE hanno fermato la crisi migratoria del 2021, orchestrata dal presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko al confine del suo paese con la Polonia. Sembrava che le tracce delle centinaia di migranti e rifugiati che cercavano di raggiungere l’Unione Europea attraverso questa rotta, si fossero perse e il governo ultraconservatore di Diritto e Giustizia (PiS), ha considerato la situazione risolta con la costruzione di un 5 metri recinzione, alta 5 metri e lunga 186 chilometri.

Ogni giorno decine di persone continuano ad entrare in Polonia

Ogni giorno, però, decine di persone continuano ad entrare nel loro territorio. Le violazioni dei diritti umani continuano a verificarsi con respingimenti, secondo le organizzazioni per i diritti umani e le ONG. E quasi 700 migranti e richiedenti asilo rimangono rinchiusi nei centri di detenzione, tra cui donne e bambini. L’anno scorso, la guardia di frontiera polacca ha registrato 40.000 tentativi di ingresso illegale nel Paese, un numero che include coloro che hanno effettuato più tentativi.

La Polonia, come gli Stati baltici confinanti con la Bielorussia, ha adottato misure straordinarie di fronte a quella che l’UE e i governi regionali hanno definito tattiche di “guerra ibrida”, l’uso dei migranti per destabilizzare l’Unione. Il governo ha decretato lo stato di emergenza il 2 settembre, vietato l’accesso a una striscia di tre chilometri lungo il confine e approvato una legge per garantire i ritorni.

Il 1° luglio Varsavia ha revocato tale misura e ha dichiarato terminata la recinzione, in assenza di installazione di elementi elettronici come telecamere e sensori di movimento. “Grazie alla nostra politica, oggi possiamo concentrarci su quella che è la massima priorità dell’Europa, ovvero aiutare un’Ucraina che lotta per mantenere la propria sovranità”, ha dichiarato il 30 giugno il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ai piedi del muro coronato da concertine.

Ci sono aree in cui l’orografia, con fiumi che attraversano foreste e zone paludose, ha lasciato delle lacune nelle infrastrutture. E c’è anche il fatto che gli esperti di migrazione ripetono sempre e che Hanna Machinska, vice commissaria per i diritti umani della Polonia, personaggio pubblico indipendente dal governo, afferma in una conversazione telefonica: “Una recinzione non è una soluzione; non impedirà l’ingresso di coloro che cercano disperatamente di salvarsi la vita”.

Come spiegato dai membri del Grupa Granica, una rete di attivisti e organizzazioni che fornisce assistenza umanitaria e legale ai migranti, coloro che tentano di entrare nell’UE superano l’ostacolo scavando gallerie, usando scale o salendo.Marysia Zlonkiewicz, dell’associazione Chlebem i Solą (Pane e sale), che da settembre vive tra Varsavia e il confine, spiega che quest’estate si effettuano interventi con circa 200 persone a settimana dalla parte polacca e ci sono stati giorni dove il numero ha raggiunto 50 in 24 ore.

Finora nel 2022 i tentativi di ingresso sono stati 6.000

Finora nel 2022 i tentativi di ingresso sono stati 6.000, secondo i dati ufficiali. Se nel 2021 le migliaia di persone che cercavano di entrare in Polonia provenivano principalmente da Minsk nei viaggi organizzati dal regime di Lukashenko, provenienti da Siria, Iraq, Afghanistan e paesi subsahariani, quest’anno la principale origine della rotta è la Russia. “Tutto è organizzato dal regime bielorusso e diretto dalle autorità russe“, afferma Anna Michalska, portavoce della Guardia di frontiera.

Bambini al confine tra Bielorussia e Polonia
Bambini al confine tra Bielorussia e Polonia – NanoPress.it

Zlonkiewicz spiega che incontrano molti stranieri il cui permesso di soggiorno in Russia è scaduto o giovani con visto per studenti in quel Paese. Anche i migranti fuggiti dall’Ucraina orientale verso la Russia, secondo Katarzyna Slubik, presidente dell’Associazione per l’intervento legale, anche lei membro del Grupa Granica.

Quest’anno ci sono meno donne e bambini e sono apparse anche nuove nazionalità, come cubani, haitiani e yemeniti. Se nel 2021, quando gli attivisti li hanno trovati nella foresta, infreddoliti e stanchi, migranti e richiedenti asilo hanno cercato la protezione delle autorità polacche, quest’anno, allertati dalle storie di rimpatri forzati e internamento nei centri di detenzione, quest’anno cerca di evitare loro e continuano il loro viaggio verso altri paesi europei, secondo Slubik.

Machinska sottolinea che 20 persone sono morte su entrambi i lati del confine. Lo stato di salute di chi arriva adesso, fatta eccezione per i piedi o le gambe rotti e i tagli dovuti all’arrampicata sulla recinzione, è abbastanza accettabile in questa stagione estiva. Rispetto alla politica della porta aperta per i profughi ucraini dalla Polonia, che nessuno contesta e tutti celebrano, il trattamento ricevuto dalle persone che arrivano nel Paese attraverso il confine bielorusso, sebbene siano molto meno numerose, è “cinico, crudele e disumano”, secondo il deputato dei Verdi Tomasz Anisko.

“Tutti i rifugiati devono essere trattati allo stesso modo, indipendentemente da dove vengono e da come raggiungono il confine”, afferma Rafal Kostrzynski, portavoce in Polonia dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Il suo corpo si batte davanti al governo polacco “per un trattamento più umano, l’accesso alle procedure per richiedere asilo e l’astenersi dal fare rimpatri caldi”.

Alcuni sono stati espulsi fino a 30 volte

“Alcuni sono stati espulsi fino a 30 volte”, dice il vice questore, il cui istituto è stato l’unico ad avere accesso alla zona vietata durante la crisi. Questa pratica è “illegale e una violazione delle leggi e degli standard internazionali, nonché della Costituzione polacca”, sottolinea.Coloro che sono registrati dalla Guardia di frontiera come richiedenti asilo o in attesa di espulsione sono trattenuti nei centri di detenzione per diversi mesi mentre il loro caso viene processato.

Lukashenko
Il leader bielorusso Lukashenko – Nanopress.it

Ci sono quasi 700 persone nei sei che esistono nel paese. Al culmine della crisi del 2021, le precarie condizioni di alcuni sono state aggravate dal sovraffollamento. Ora hanno più spazio, ma continuano a verificarsi rivolte, scioperi della fame e tentativi di suicidio. Il nome di uno di loro, Wedrzyn, compare in quasi tutte le conversazioni. “È come Guantánamo, con condizioni peggiori della prigione”, descrive Anisko.

Lì, dice, i detenuti sono disconnessi dal mondo esterno in balia della buona volontà o meno dei loro tutori. In questo centro, situato in una zona militare, “le guardie non usano i nomi [dei detenuti], solo numeri; è disumano”, aggiunge Machinska. “Alcune delle organizzazioni non governative che hanno criticato il nostro servizio non si sono mai prese il tempo di parlare con noi o di visitare i nostri centri”, lamenta Michalska, portavoce della Guardia di frontiera.

Ma sia Anisko, in qualità di deputato, sia Machinska, in qualità di rappresentante dell’Ufficio per i diritti umani, hanno avuto l’opportunità di conoscerli dall’interno. Il vice questore ricorda inoltre che le persone vulnerabili come le donne incinte, le persone con disabilità e i minori non dovrebbero mai entrare in questi tipi di centri, proprio come le vittime di tortura, eppure vi sono state trovate.

Chi si trova all’interno deve avere accesso garantito a assistenza psicologica e medica, avvocati e interpreti e condizioni di vita dignitose, ricorda. “La maggior parte della società pensa che questa crisi sia finita“, avverte Anisko. L’esistenza dei centri e l’attività al confine dimostrano che non lo è, anche se la guerra in Ucraina ha distolto l’attenzione.