La Russia vieta l’ingresso a Morgan Freeman e a 3 morti

La Russia ha vietato permanentemente a quasi 1.000 americani, inclusi il presidente Biden e il vicepresidente Harris, di entrare nel paese, in risposta al sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina e, alle storiche sanzioni che Mosca deve affrontare a quasi tre mesi dalla sua invasione.

Morgan Freeman
Morgan Freeman – NanoPress.it

Tra gli esclusi anche un rabbino e un attivista LBGTQ

Sabato, il ministero degli Esteri russo ha pubblicato un elenco aggiornato di 963 americani a cui è stato impedito di entrare in Russia, una mossa in gran parte simbolica, che raccoglie membri dell’amministrazione Biden, repubblicani, dirigenti, giornalisti, legislatori che sono morti, normali cittadini statunitensi e persino l’attore Morgan Freeman.

 

“Nel contesto della risposta alle sanzioni anti-russe costantemente imposte dagli Stati Uniti, il ministero degli Esteri russo pubblica un elenco di cittadini americani che sono permanentemente banditi dall’entrare nella Federazione Russa”, ha affermato il ministero degli Esteri in un comunicato stampa.

Alcuni di quelli menzionati nella lista di sabato, tra cui Biden, il Segretario di Stato Antony Blinken e il Segretario alla Difesa Lloyd Austin, erano stati sanzionati a marzo e gli è era già impedito di entrare in Russia. L’elenco include importanti funzionari dell’amministrazione Biden, come Harris, il segretario ai trasporti Pete Buttigieg e l’ex segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki.

Viene nominato anche il figlio del presidente, Hunter Biden, così come l’ex segretario di stato Hillary Clinton. Un nome di spicco manca dalla lista: l’ex presidente Donald Trump. In effetti, l’unico importante funzionario dell’amministrazione Trump incluso nel divieto è l’ex segretario di stato Mike Pompeo.

L’elenco dei 963 americani del ministero degli Esteri russo include molti membri del Congresso, tra cui la presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.), il leader della maggioranza al Senato Charles E. Schumer (DNY) e il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy (R-Calif. ).

Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) non è nell’elenco. Inoltre non è elencato il senatore Rand Paul (R-Ky.), che la scorsa settimana non ha partecipato ad una votazione del Senato sugli aiuti per l’Ucraina. Il Senato ha approvato questa misura la scorsa settimana a e Biden ha firmato sabato il pacchetto da 40 miliardi di dollari, di nuova assistenza militare e umanitaria all’Ucraina, durante la sua visita a Seoul.

Il nuovo pacchetto di aiuti segnala che gli Stati Uniti e i loro alleati si stanno preparando a un conflitto più lungo nel Paese. Il pacchetto include 20 miliardi di dollari in ulteriori aiuti militari, che finanzieranno il trasferimento di sistemi d’arma avanzati.

La Russia continua i combattimenti. Severodonetsk come Mariupol

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato Biden, aggiungendo che l’assistenza alla difesa è “necessaria più che mai”. L’elenco degli americani banditi è stato pubblicato in un momento in cui la Russia continua a bombardare intensamente Severodonetsk, la città più orientale sotto il controllo dell’Ucraina, che sembra destinata a essere il prossimo grande campo di battaglia della guerra.

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg – NanoPress.it

I combattimenti sono in corso alla periferia della città e “i russi stanno distruggendo Severodonetsk, come Mariupol”, ha detto sabato il governatore di Luhansk Serhiy Haidai. Dopo che gli Stati Uniti e altri paesi hanno imposto sanzioni storiche alla Russia a causa dell’invasione, gli americani continuano a sostenere l’Ucraina, con un’ampia maggioranza bipartisan favorevole all’aumento delle sanzioni contro la Russia, e la maggior parte anche a sostegno del sostegno militare e umanitario agli ucraini.

La Russia ha anche nominato gli ex senatori John McCain (R-Ariz.). Harry M. Reid (D-Nev.) e Orrin G. Hatch (R-Utah) come tra gli attuali o ex legislatori a cui è stato vietato l’ingresso nel paese, anche se sono tutti morti. McCain è morto nel 2018 a 81 anni. Reid è morto a dicembre all’età di 82 anni, mentre Hatch è morto il mese scorso a 88.

Tra gli esclusi ci sono dei rabbini, un attivista LBGTQ, un avvocato in Iowa, industriali di armi e un professore di storia alla Yale University. La Russia, si è concentrata sull’industria tecnologica statunitense nominando nella lista degli indesiderabili, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg e il presidente di Microsoft Brad Smith.

I giornalisti americani esclusi dalla Russia includono David Ignatius di The Post, George Stephanopoulos di ABC News, Susan Glasser del New Yorker, Bret Stephens del New York Times e Bianna Golodryga della CNN. Nessun giornalista o conduttore di Fox News è stato bandito dalla Russia sabato, secondo l’elenco.

Una delle voci a sorpresa della lista è Freeman, 84 anni, un attore vincitore di un Oscar. Il ministero degli Esteri russo ha notato nella sua voce che Freeman è entrato nella “lista di arresto” perché nel 2017 ha “registrato un videomessaggio in cui accusava la Russia di cospirare contro gli Stati Uniti e chiedeva una lotta contro il nostro Paese”.

La Russia ha affermato sabato che l’elenco è stato pubblicato in risposta alle “azioni ostili intraprese da Washington” durante l’invasione dell’Ucraina. “La Russia non cerca il confronto ed è aperta a un dialogo onesto e rispettoso reciprocamente, separando il popolo americano, da noi sempre rispettato, dalle autorità statunitensi, che incitano alla russofobia, e da coloro che lo servono”, ha scritto il ministero degli Esteri. “Sono queste persone che sono incluse nella ‘lista nera’ russa”.