La Russia verso una mobilitazione bellica ‘generale’

Sebbene l’arruolamento non sia ancora obbligatorio, molti cittadini della Russia ricevono lettere confuse che li invitano a recarsi in un ufficio di registrazione militare.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – NanoPress.it

La Russia sta ‘cooptando’ decine di migliaia di uomini

I falchi al Cremlino la scorsa settimana hanno sconfessato il loro presidente, Vladimir Putin, ammettendo che l’offensiva contro l’Ucraina non sta andando secondo i piani. “Le scadenze stabilite non vengono rispettate“, ha riconosciuto in un’intervista il segretario del Consiglio di sicurezza russo, Nikolai Patrúshev.

Dopo tre mesi di combattimenti, il Cremlino continua a sostenere che si tratta ufficialmente di una “operazione militare speciale” e non di una guerra, sebbene abbia già mosso i primi passi per una futura mobilitazione, se la sua avventura militare proseguirà nel tempo.

Fino ad oggi, lo status giuridico della campagna ha consentito a centinaia di soldati professionisti di rifiutarsi di combattere senza sapere che un procedimento penale è stato aperto contro di loro per violazione del dovere. “Tutti gli obiettivi fissati dal presidente saranno raggiunti.

Non può essere altrimenti: la verità, anche storica, è dalla nostra parte”, ha affermato Patrushev in un altro esempio della connotazione ideologica dell’offensiva. Poco prima dell’inizio del conflitto, gli Stati Uniti stimavano che la Russia avesse dispiegato tra 169.000 e 190.000 soldati intorno all’Ucraina, la maggior parte delle sue forze di terra, quindi una campagna prolungata richiederà la rotazione di molte più truppe, anche se solo si limitasse a difendere il terreno di cui ha preso il controllo.

All’inizio di maggio, il Cremlino ha definito “sciocca” la prospettiva di una mobilitazione generale. Ma da settimane nelle cassette postali di molti russi arrivano lettere confuse che invitano a recarsi al più vicino ufficio militare per “chiarire i propri dati” di fronte ad “azioni di mobilitazione delle riserve umane”.

Il servizio militare è obbligatorio fino a 27 anni

Nessuno ricorda un precedente simile in passato. All’arrivo in anagrafe, non solo si prende nota di chi può essere convocato in un’ipotetica mobilitazione; a volte vengono anche disposte visite mediche o funzionari sollecitano a firmare un contratto che metta automaticamente il cittadino in riserva, se non viene inviato prima al fronte.

Militari russi
Militari russi – NanoPress.it

“In Russia sono in corso i preparativi per una mobilitazione. Il Ministero dell’Economia ha ufficialmente designato milioni di rubli per questo scopo; i punti di reclutamento stanno aggiornando i loro database e le aziende si stanno adeguando a queste esigenze”, spiegano fonti di Call to Conscience, una piattaforma creata da avvocati e difensori dei diritti umani per fornire consulenza legale sul reclutamento tramite Telegram.

Secondo Call to Conscience, le informazioni possono essere “confuse” e il personale “convince il potenziale volontario promettendo stabilità, stipendi di 200.000 rubli (quattro volte lo stipendio medio russo, circa 2.800 euro), che non saranno inviati a combattere zone o che il contratto possa essere facilmente risolto. “A volte si tratta di promesse e disinformazione.

Ad alcune reclute che stanno per finire viene detto che saranno ancora in servizio e se firmeranno almeno riceveranno dei soldi”, aggiungono. La mobilitazione, totale o parziale, può essere decretata solo dal presidente Vladimir Putin. La riserva include sia coloro che hanno prestato servizio nell’esercito che nel servizio civile alternativo, e il numero dei riservisti è un’informazione riservata, sebbene i dati gestiti dai think tank statunitensi come il Council on Foreign Relations stimino che abbia circa due milioni di membri.

Il servizio militare è obbligatorio in Russia fino all’età di 27 anni, ma per legge il Cremlino può inviare in guerra solo soldati professionisti – e questo non è stato ufficialmente dichiarato. Tuttavia, il ministero della Difesa ha riconosciuto a marzo che è stata registrata la presenza di reclute in Ucraina, che ha definito “un errore”, secondo la sua versione.

Ci sono due chiamate al servizio militare all’anno e nella chiamata di primavera sono stati notificati circa 135.000 giovani. Per facilitare l’arruolamento, il parlamento russo ha anche espressamente abolito questa settimana il limite di età per la firma del primo contratto militare, fissato a 40 anni per i russi e 30 per gli stranieri. Infatti, lettere di “chiarimento dei dati” sono arrivate anche a stranieri che in passato avevano ottenuto la cittadinanza russa.