La Russia parla con Ucraina e Turchia sulle esportazioni di grano

Alla riunione del G-20, il ministro degli Esteri ucraino ha affermato che il blocco navale della Russia ha “distrutto le catene globali di approvvigionamento alimentare.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

“Venerdì il ministro degli Esteri della Russia Sergei Lavrov ha dichiarato che Mosca è pronta a negoziare con l’Ucraina e la Turchia sulle esportazioni di grano, ma non è chiaro quando tali colloqui potrebbero aver luogo.

Lavrov ha invitato l’Ucraina a sbloccare i suoi porti e liberarli dalle mine

Funzionari statunitensi e occidentali hanno affermato che la Russia ha effettivamente bloccato i porti ucraini ed esercitato uno stretto controllo sulle esportazioni di grano dell’Ucraina. Il Cremlino ha affermato che Kiev è libera di spedire grano dai suoi porti. La Turchia e le Nazioni Unite hanno guidato gli sforzi per trasportare il grano ucraino fuori dal paese.

Il signor Lavrov ha invitato l’Ucraina a sbloccare i suoi porti e liberarli dalle mine e ha affermato che l’esercito russo svolge il ruolo principale nei negoziati sulle esportazioni di grano, secondo il telegiornale statale Tass. In un discorso di venerdì al vertice ministeriale del Gruppo dei 20, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha affermato che il blocco navale russo ha “distrutto le catene globali di approvvigionamento alimentare” a scapito della sicurezza alimentare globale.

Ha descritto in dettaglio come la Russia ha rubato il grano ucraino e ha bombardato i granai ucraini. La Russia ha negato di aver rubato grano ucraino. Il 6 giugno, le forze russe hanno colpito il secondo più grande complesso di terminali di grano dell’Ucraina nel porto di Mykolaiv, distruggendo tra le 250 e le 300 tonnellate di grano, che erano state immagazzinate per la spedizione, ha affermato Kuleba.

Altri due terminal a Mykolaiv sono stati colpiti durante uno sciopero il 22 giugno. “Non commettere errori, la Russia sapeva esattamente dove ha lanciato i suoi missili”, ha detto Kuleba ai suoi omologhi alla conferenza di Bali, in Indonesia. “Hanno preso di mira l’agricoltura ucraina per un motivo. Questa è una strategia ben ponderata e cinica volta a danneggiare l’Ucraina e anche a ricattare il mondo”.

Giovedì, il governo ucraino ha convocato l’ambasciatore turco a Kiev dopo aver affermato che la Turchia aveva consentito, a una nave battente bandiera russa, che trasportava quello che hanno sostenuto contenere migliaia di tonnellate di grano ucraino rubato, di lasciare il porto turco di Karasu.

Putin ha avvertito che le sue forze “non hanno nemmeno iniziato” a combattere in Ucraina

I funzionari doganali turchi hanno sequestrato la nave su richiesta dell’Ucraina, dopo che Kiev ha affermato che la nave stava trasportando illegalmente 7.000 tonnellate di grano fuori dalla città portuale ucraina di Berdyansk, che è attualmente sotto l’occupazione russa. Nel frattempo, sono continuati i combattimenti per il controllo di Slovyansk, una città nel distretto di Kramatorsk, nella regione orientale di Donetsk.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

Il sindaco, Vadym Liakh, questa settimana ha esortato i residenti rimasti ad andarsene, poiché la città sembrava essere il prossimo obiettivo della Russia, nei suoi piani per catturare Donetsk e le evacuazioni dei civili stanno diventando più difficili. Il governatore di Donetsk, Pavlo Kyrylenko, ha affermato che almeno sei persone sono state uccise giovedì nelle città della regione.

Tuttavia, osservatori ucraini e stranieri hanno affermato questa settimana che la Russia sembra prendere una “pausa operativa” dalla sua offensiva nel Donbass, un’area composta dalle regioni di Donetsk e Luhansk.

L’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington, ha affermato mercoledì che la Russia non ha rivendicato o valutato alcun guadagno territoriale in Ucraina per la “prima volta in 133 giorni di guerra“, ma ha affermato che una tale pausa non lo fa significa una “completa cessazione delle ostilità attive”.

Giovedì il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che le sue forze “non hanno nemmeno iniziato” a combattere in Ucraina. Il Cremlino ha dichiarato venerdì che solo una piccola parte del potenziale militare della Russia è coinvolta nell’attuale operazione in Ucraina. Nelle ultime settimane l’Ucraina ha acquisito avanzati sistemi di artiglieria e missili occidentali nella speranza di distruggere le principali infrastrutture militari russe.