La Russia minaccia di chiudere la sua ambasciata in Bulgaria

Più di recente, la Russia ha interrotto le forniture di gas alla Bulgaria, ora è probabilmente seguirà anche un rallentamento delle relazioni diplomatiche.

Kiril Petkov
Kiril Petkov – NanoPress.it

Dopo l’espulsione di decine di diplomatici russi da Sofia, il Paese starebbe valutando contromisure. L’annuncio della Bulgaria di espellere 70 diplomatici russi dal Paese ha causato malcontento a Mosca. A quanto pare, la Russia sta ora valutando la possibilità di interrompere completamente le relazioni diplomatiche con il paese dell’Europa sudorientale.

La Bulgaria ha deciso di espellere 70 diplomatici russi

La richiesta della Russia alla Bulgaria di revocare la più grande espulsione diplomatica mai avvenuta nel Paese dell’UE è stata ignorata, ha criticato l’ambasciatrice russa a Sofia, Eleonora Mitrofanova, secondo l’agenzia Interfax. Ecco perché ora si discute della chiusura dell’intera ambasciata russa.

Ciò a sua volta significherebbe “inevitabilmente” la fine del lavoro dell’ambasciata bulgara a Mosca, secondo Mitrofanova.La Mitrofanova aveva già dato a Sofia un ultimatum entro mezzogiorno di venerdì per ritirare l’espulsione dei diplomatici. Il primo ministro bulgaro uscente Kiril Petkov lo aveva respinto venerdì.

Le accuse di spionaggio contro la Russia esistono da anni La Bulgaria ha annunciato martedì che avrebbe espulso i diplomatici russi entro la fine di questa settimana. La maggior parte dei diplomatici ha lavorato “direttamente per i servizi esteri”, afferma la dichiarazione. L’ex stato del blocco orientale ha ripetutamente espulso diplomatici russi dal paese per accuse di spionaggio.

La Bulgaria, membro dell’UE e della NATO, condanna la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina. Sofia ha anche rifiutato di pagare in rubli il gas russo. Di conseguenza, la compagnia energetica russa Gazprom ha già interrotto la fornitura di gas alla Bulgaria.

La situazione sta diventando molto complicata per le nazioni che sono al confine o in prossimità della zona di guerra. Perché il potere che la Russia ha gestito per decenni in quella zona si fa sentire, anche se molti di questi Paesi sono ormai lontani dalla zona di influenza russa.

Secondo l’intelligene polacca l’esercito della Russia è in difficoltà

Secondo i materiali ottenuti dall’intelligence polacca, la realtà nei ranghi dell’esercito russo è lontana dai messaggi di propaganda. Tra i soldati crescono la frustrazione e la paura di prendere parte a ulteriori combattimenti.

Militari russi
Militari russi – NanoPress.it

Molti di loro stanno adottando misure per evitare un ulteriore coinvolgimento in azioni militari contro l’Ucraina, ha detto Żaryn. I temi trattati nelle conversazioni intercettate dalla Foreign Intelligence Agency riguardano, tra l’altro, cercando di evitare di tornare in guerra. Ci sono anche accuse ai comandanti di decisioni stupide e critiche generali all’esercito russo, ha sottolineato.

Il portavoce ha sottolineato che, a loro avviso, le autorità russe contavano su una rapida vittoria e che le azioni efficaci dell’Ucraina hanno sorpreso i comandanti. Dichiarazioni critiche sugli sviluppi sfavorevoli in Ucraina per gli invasori russi possono essere ascoltate nelle registrazioni catturate, ha sottolineato. Żaryn ha anche sottolineato che i soldati, mettendo in discussione le decisioni dei loro superiori, indicano la loro incompetenza e movimenti sconsiderati.

Dicono, incl. “le persone stupide prendono decisioni stupide“, perché speravano che il popolo ucraino “baciasse i piedi”. Secondo l’opinione intercettata dell’esercito russo, quando ha deciso di invadere l’Ucraina, la vera valutazione della situazione è fallita a causa della mancanza di un adeguato supporto di intelligence e della trasmissione di informazioni inaffidabili, ha affermato.

Gli interlocutori del colloquio ripreso da AW affermano inoltre che la situazione attuale non dovrebbe sorprendere nessuno ed è evidente che sono consapevoli del trattamento riservato dal Cremlino ai giovani coscritti come carne da cannone. Secondo Żaryn, il cattivo umore dei militari è la prova dei crescenti problemi nell’esercito russo. – Nonostante questo, Putin continua la guerra criminale in Ucraina, cercando a tutti i costi di mantenere il mito di un invincibile, secondo esercito al mondo – ha sottolineato.