La Russia espande i suoi obiettivi in ​​Ucraina oltre il Donbass

Il ministro degli Esteri della Russia, Lavrov, minaccia che i territori che Mosca aspira a controllare “si sposteranno ancora di più” se l’Occidente consegnerà missili a lungo raggio a Kiev.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Il Cremlino ha ripetuto più volte che si trattava di una “operazione militare speciale per la difesa del Donbas”, ma ora ammette apertamente che le sue truppe cercheranno di conquistare più territorio ucraino. “La geografia (degli obiettivi) ora è diversa. È ben lungi dal comprendere solo le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk; sono anche le province di Kherson, Zaporizhia e altri territori, e questo processo continua, continua costantemente e con insistenza”, ha avvertito mercoledì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, in un’intervista organizzata con i suoi media statali Ria Novosti e Russia Today.

Lavrov minaccia l’occidente di invadere ancora più terriorio ucraino

L’alto funzionario ha sottolineato che “gli obiettivi geografici dell’operazione speciale in Ucraina si sposteranno ancora di più” se l’Occidente consegnerà missili a lungo raggio a Kiev. Secondo il governo di Volodímir Zelensky, i razzi della dozzina di sistemi Himars forniti dagli Stati Uniti hanno finora distrutto più di due dozzine di depositi di munizioni russi grazie al fatto che la loro portata di 80 chilometri consente loro di andare oltre l’artiglieria.

Tuttavia, l’Ucraina insiste affinché Washington le invii altri missili, l’ATCMS, che possono colpire 300 chilometri di distanza. Parte delle province di Kherson e Zaporizhia sono sotto il controllo delle amministrazioni militari imposte dall’esercito russo alla loro popolazione. Oltre al fatto che hanno proposto di organizzare referendum sull’adesione alla Russia, votazioni che avrebbero luogo in pieno esilio di gran parte della sua popolazione e altre conseguenze dei combattimenti devastanti.

La discussione sul suo futuro è giunta a un punto tale che il Il Ministero dello Sport russo ha annunciato che organizzerà un campionato di calcio di territori separatisti, che include le aree occupate in Ucraina, Ossezia del Sud e Abkhazia, territori ufficialmente georgiani ma di fatto regioni secessioniste controllate dalla Russia. Durante l’intervista, Lavrov ha ricordato che Putin ha annunciato la sua offensiva il 24 febbraio con il presunto obiettivo di “denazificare e smilitarizzare” l’Ucraina ed eliminare presunte minacce al territorio russo.

“Questo compito continua”, ha sottolineato il diplomatico. Da quel giorno l’esercito russo è avanzato sull’Ucraina su tre fronti principali: da nord verso Kiev e Kharkov, da est nel bacino del fiume Donbass, e da sud nella fascia che collega la terraferma con la penisola di Crimea. Tuttavia, la resistenza offerta dall’Ucraina con il crescente sostegno dell’Occidente ha modificato la mappa dei combattimenti in poche settimane.

La Russia gioca al rialzo, ma forse è in difficoltà

Alla fine di marzo, l’alto comando russo ha ritirato le sue truppe dalle battaglie per la capitale e Kharkiv, la più grande città di lingua russa in Ucraina, “come gesto di buona volontà” nei negoziati con Kiev, e ha annunciato che si sarebbe concentrato solo nel Donbass. Le stesse forze armate avrebbero poi assicurato di aver cambiato le loro strategie per ridurre le vittime, il cui ultimo dato ufficiale è stato annunciato il 25 marzo.

Il premier turco Erdogan
Il premier turco Erdogan – NanoPress.it

“Quando si è svolto l’incontro dei negoziatori a Istanbul c’era una geografia, e la nostra disponibilità ad accettare la proposta ucraina si basava su quella geografia, sulla geografia di fine marzo 2022″, ha spiegato Lavrov a proposito di colloqui finiti in stallo dopo aver saputo il massacro di Bucha.

Kiev aveva quindi accettato di non entrare nella NATO in cambio della ricezione di garanzie di sicurezza da vari paesi e aveva aperto le porte all’accettazione dello status quo nel Donbas prima di febbraio. Questa settimana segnerà 150 giorni di combattimenti in Ucraina dopo l’invasione di febbraio. Lavrov ha dichiarato durante l’intervista che l’offensiva era “inevitabile” ed è arrivata a provare “un certo sollievo” perché “per anni non hanno risposto al problema della gente del Donbas”.

Quel bacino nell’Ucraina orientale è precipitato in guerra quando i paramilitari russi hanno preso d’assalto l’area nell’aprile 2014 e la zona separatista aveva mantenuto stabile la sua linea di contatto dagli accordi di Minsk del 2015. La guerra è iniziata solo un mese dopo, quando il Cremlino ha annesso la Crimea prendendo approfittare del vuoto di potere causato dalla fuga dell’ex presidente Viktor Yanukovich dopo il massacro delle proteste di Maidan a Kiev.