La Polonia completa il muro con la Bielorussia per tenere fuori i migranti

Un anno dopo che i migranti hanno iniziato ad entrare nell’Unione Europea dalla Bielorussia alla Polonia, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki e alti funzionari della sicurezza hanno visitato giovedì l’area di confine, per celebrare il completamento di un nuovo muro d’acciaio. 

Mateusz Morawiecki
Mateusz Morawiecki – NanoPress.it

Venerdì, le autorità polacche solleveranno anche lo stato di emergenza lungo il confine che ha impedito a giornalisti, operatori dei diritti umani e altri di assistere a una crisi dei diritti umani. Almeno 20 migranti sono morti nelle gelide foreste e paludi della zona negi ultimi mesi. 

Il muro in Polonia blocca i musulmani provenienti dalla Siria

Il governo polacco caratterizza il muro come parte della lotta contro la Russia; i difensori dei diritti umani lo vedono come uno strumento iniquo, in cui i rifugiati bianchi e cristiani dall’Ucraina vengono accolti ma i musulmani provenienti dalla Siria e da altri paesi vengono respinti e maltrattati. 

“Il primo segno della guerra in Ucraina è stato l’attacco del (presidente della Bielorussia) Alexander Lukashenko al confine polacco con la Bielorussia”, ha detto Morawiecki in una conferenza stampa.“È stato grazie alla (nostra) previsione politica e all’anticipazione di ciò che potrebbe accadere che ora possiamo concentrarci sull’aiutare l’Ucraina, che sta combattendo per proteggere la sua sovranità”, ha affermato Morawiecki.

Mentre la Polonia ha aperto le sue porte a milioni di ucraini in fuga dall’invasione russa, i lavori erano a buon punto per costruire il muro alto 5,5 metri (18 piedi) lungo 186 chilometri (115 miglia) della sua frontiera settentrionale con la Bielorussia. Ha ancora bisogno di sistemi di sorveglianza elettronica da installare.

Ha lo scopo di tenere fuori i richiedenti asilo di un tipo diverso: coloro che fuggono dal conflitto e dalla povertà in Medio Oriente e Africa, che sono stati incoraggiati a tentare la fortuna dal regime autoritario della Bielorussia, uno stretto alleato della Russia, come parte di una faida con la Unione Europea. Uno dei richiedenti asilo era il 32enne Ali, che ha lasciato la Siria alla fine dell’anno scorso dopo aver letto sui social media che il modo più semplice per entrare nell’UE era volare in Bielorussia ed entrare in Polonia. 

Ci sono immigrati morti nella foresta in attesa di non si sa cosa

Ali, da un villaggio fuori Hama, nella Siria occidentale, è volato nella capitale bielorussa, Minsk, e si è messo alla ricerca di un punto non custodito nella foresta dove avrebbe potuto intrufolarsi nell’UE. “Stavo cercando un posto dove poter vivere in sicurezza, lontano dall’oppressione e dalla disperazione a casa”, ha detto in un’intervista questa settimana all’Associated Press a Berlino. Ali, che non ha fornito il suo cognome, temendo ripercussioni per la sua famiglia, non era preparato alla violenza e alle temperature sotto lo zero che lo attendevano nelle vaste foreste e paludi. 

Alexander Lukashenko
Alexander Lukashenko . NanoPess.it

“Ci sono state notti in cui sono andato a dormire sulla nuda terra nei boschi pensando che non mi sarei svegliato di nuovo”, ha detto Ali. Gli attivisti per i diritti umani vedono un doppio standard nel diverso trattamento dei vicini rifugiati ucraini – compagni slavi che sono per lo più cristiani, donne e bianchi – e quelli provenienti dal lontano Medio Oriente e Africa, molti dei quali sono musulmani e maschi. 

Se dai un passaggio a un rifugiato al confine ucraino sei un eroe. Se lo fai al confine con la Bielorussia sei un contrabbandiere e potresti finire in prigione per otto anni”, ha affermato Natalia Gebert, fondatrice e CEO di Dom Otwarty, o Open House, una ONG polacca che aiuta i rifugiati. La Bielorussia non era mai stata una via migratoria chiave verso l’UE, fino a quando il suo presidente Alexander Lukashenko non ha iniziato a incoraggiare aspiranti richiedenti asilo in Medio Oriente a recarsi a Minsk.

Ben presto, persone provenienti da Siria, Iraq, Yemen, Afghanistan e paesi africani si sono riversate sul confine orientale dell’UE, entrando in Polonia e nelle vicine Lituania e Lettonia. I leader dell’UE hanno accusato Lukashenko di aver condotto una “guerra ibrida” per vendicare le sanzioni del blocco sul trattamento riservato dal regime ai dissidenti. Il governo polacco afferma che la Russia è complice, data l’alleanza di Lukashenko con il presidente russo Vladimir Putin.

Sebbene la migrazione sia rallentata durante l’inverno, le persone hanno continuato a cercare di entrare nell’UE attraverso la Polonia, una rotta considerata meno pericolosa dell’attraversamento del Mar Mediterraneo, dove molti sono annegati negli anni passati, ha affermato Gebert. Ali, la cui piccola attività di trucco in Siria è stata distrutta quando gli estremisti sunniti hanno appreso che apparteneva alla minoranza religiosa alawita, dice di essere stato respinto sei volte dalle guardie di frontiera polacche. 

Le guardie bielorussie sembrano molto violente

Ma le guardie bielorusse lo hanno picchiato, rubato i suoi soldi e costretto a togliersi tutti i vestiti in pieno inverno. Voleva arrendersi e tornare a Minsk, ma le guardie non glielo permettevano. Hanno fatto sdraiare lui e gli altri sul terreno freddo, hanno urlato contro di loro, si sono avvicinati da vicino con un cane ringhiante e hanno preso a calci Ali ripetutamente nel petto.

Amnesty International
Amnesty International – NanoPress.it

Gli agenti di pattuglia di frontiera polacchi hanno rotto la scheda SIM del suo telefono, ha detto. È rimasto senza acqua e cibo per giorni, perso nelle paludi. Un rapporto di Human Rights Watch di questo mese afferma che la Polonia “illegale, e talvolta violentemente, respinge sommariamente migranti e richiedenti asilo in Bielorussia, dove subiscono gravi abusi, tra cui percosse e stupri da parte delle guardie di frontiera e di altre forze di sicurezza”.

Amnesty International ha anche dettagliato le gravi violazioni dei diritti umani. Mentre alcuni polacchi sostengono la posizione dura del governo, molti residenti della regione di confine durante l’inverno e la primavera hanno cercato di aiutare i migranti intrappolati nella foresta, molti dei quali hanno bisogno di assistenza medica. Un’opera teatrale che ha debuttato a Varsavia questa settimana, “Responsibility”, chiede come la Polonia possa accettare milioni di ucraini mentre nega l’aiuto a migliaia di altri.

Un personaggio chiede: “Perché lo stato polacco chiede che un bambino di Aleppo sieda in una palude a temperature sotto lo zero e trattiene l’aiuto che dà al bambino di Mariupol?” Ali ha trascorso 16 giorni nelle foreste, prima che lui e altri usassero le pinze per aprire un buco in una recinzione di confine. Alcuni abitanti del villaggio gli hanno dato cibo e acqua, ma presto è stato arrestato dalla polizia e portato in un centro di detenzione.