La NATO accelera per il riarmo di fronte alla minaccia Russa e Cinese

L’obiettivo della Nato di destinare il 2% del PIL alla difesa diventa sempre più una soglia minima per gli alleati.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

L’invasione dell’Ucraina porta con sé un periodo di riarmo e questo significa un sacco di soldi. Quindi, non è più sufficiente per la NATO che gli alleati cerchino di spendere il 2% del loro PIL per la difesa ogni anno. “Questo è visto sempre più come un pavimento, non come un soffitto”, ha affermato più volte il segretario generale dell’organizzazione, Jens Stoltenberg, durante questa settimana del vertice dell’Alleanza tenutosi a Madrid.

 Nato: 19 alleati hanno piani chiari per raggiungere il [2% di spesa] nel 2024″

L’annuncio del primo ministro britannico, Boris Johnson, che il suo Paese raggiungerà il 2,5% del Pil per i riarmo, è stato elogiato da tutti. Il Regno Unito è uno dei nove paesi della NATO che già raggiunge quel traguardo che gli alleati hanno concordato in Galles nel 2014 e che i restanti 21 non hanno ancora tagliato.

Gli altri otto sono Grecia, Stati Uniti, Polonia, Lituania, Estonia, Lettonia, Croazia e Slovacchia. La Romania ci si avvicina. Da quando quell’obiettivo è stato concordato (poi solo Stati Uniti e Grecia lo hanno raggiunto), gli investimenti sono aumentati notevolmente. Stoltenberg quantifica questo aumento in circa 330 miliardi di euro, arrivando a quasi 1,14 miliardi di euro dedicati alla difesa solo nel 2022 da tutti gli alleati, una cifra inferiore a quella del Pil spagnolo.

Molti degli inadempienti si sono impegnati a raggiungere rapidamente questo limite. “Diciannove alleati hanno piani chiari per raggiungere il [2% di spesa] nel 2024”, ha sottolineato Stoltenberg durante il vertice. Uno di questi è la Germania, che poco dopo l’inizio della guerra di Vladimir Putin ha annunciato una svolta storica nella sua politica investendo 100 miliardi di euro nella difesa.

Anche la Spagna ci arriverà, anche se in questo caso la strada per raggiungere la soglia minima sarà lunga, perché ora è uno dei paesi che investe meno nei suoi eserciti, l’1,01% del PIL. Solo il Lussemburgo è al di sotto. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha applaudito a questa decisione, e anche ad altre simili, come quella della Repubblica Ceca. Il Segretario generale della Nato ha indicato nella conferenza stampa di chiusura del vertice che gli alleati hanno anche concordato un “aumento significativo” del bilancio comune dell’Alleanza, sebbene le cifre esatte siano ancora da definire.

Una cifra approssimativa si trova nei calcoli della Commissione Europea: il solo raggiungimento dell’obiettivo del 2% da parte degli alleati che fanno anche parte dell’Ue aumenterà la spesa di circa 60 miliardi di euro l’anno. Questa enorme somma di denaro e l’urgenza di erogarla rappresentano una sfida per un settore che fino a poco tempo fa era quasi fuorilegge, soprattutto in Europa.

Il timore è che questi soldi vadano agli USA

In effetti, la stessa UE ha pianificato di classificarlo come “socialmente insostenibile” nella sua tassonomia sociale per guidare gli investimenti futuri. Questa visione è cambiata con la guerra – almeno nei corridoi di Bruxelles – ma l’aumento della capacità produttiva richiederà molto più tempo. Preparare questo settore a rispondere alla domanda che sta arrivando è una delle ossessioni della Commissione Europea.

Membri NATO
La NATO europea con l’ingresso di Svezia e Finlandia – Nanopress.it

Il Community Executive è stato disposto a fornire un finanziamento per l’acquisto (finora poteva solo aiutare con le indagini). Cerca inoltre di coinvolgere la Banca europea per gli investimenti. Il timore principale delle autorità comunitarie è che le risorse stanziate per l’acquisto di armi vadano dall’altra parte dell’Atlantico, negli Stati Uniti (con un’industria molto potente), e con essi anche i posti di lavoro e l’attività economica che questo genera.

Un chiaro esempio che si tratta di un timore non infondato è stato visto in Germania, che in uno dei primi passi del suo annunciato riarmo ha scelto di acquistare aerei statunitensi. La decisione ha attirato le ire della Francia.

Nonostante tutto, potrebbero esserci problemi di approvvigionamento anche negli Stati Uniti, secondo quanto sottolinea un recente articolo dell’istituto britannico per gli studi sulla difesa, il Royal United Services Institute, almeno per quanto riguarda la fabbricazione di munizioni e in un contesto in cui la guerra nell’Est Europa ne sta riducendo la disponibilità in arsenali. “Il vincitore di una lunga guerra tra due potenze quasi pari rimane in base a quale parte ha la base industriale più forte.

Un paese deve avere la capacità di produrre enormi quantità di munizioni o avere altre industrie manifatturiere che possono diventare rapidamente produttori di munizioni. Purtroppo l’Occidente sembra non avere più nessuna di queste cose”, sottolinea il suo autore, Alex Vershinin.